Trizio Consulting

Ritorno dell’influenza: l’UE non ha vaccini adatti

Ritorno dell’influenza: l’UE non ha vaccini adatti

L’influenza è tornata quest’anno in Europa a un ritmo più veloce del previsto dopo essere quasi scomparsa l’anno scorso, sollevando preoccupazioni per un prolungato “accoppiamento” con il COVID-19 ci sono inoltre alcuni dubbi sull’efficacia dei vaccini antinfluenzali .

Roma e la sua Arte

I blocchi, l’uso della mascherina e il distanziamento sociale che sono diventati la norma in Europa durante la pandemia di COVID-19 hanno eliminato l’influenza lo scorso inverno, sradicando temporaneamente un virus che uccide nel mondo circa 650.000 persone all’anno, secondo i dati dell’UE.

Ma ora le cose sono cambiate poiché i vari Paesi adottano misure meno rigide per combattere il COVID-19 come conseguenza della vaccinazione.

Da metà dicembre, i virus influenzali circolano in Europa a un tasso superiore al previsto, secondo quanto riferito questo mese dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC).

A dicembre, il numero di casi di influenza nelle unità di terapia intensiva (ICU) europee è aumentato costantemente fino a raggiungere il picco di 43 nell’ultima settimana dell’anno, secondo i dati dell’ECDC e dell’Organizzazione mondiale della sanità.

Questo è ben al di sotto dei livelli pre-pandemia, con i casi di influenza settimanale nelle unità di terapia intensiva che raggiungevano un picco di oltre 400 nello stesso periodo nel 2018, ad esempio.

Ma è un grande aumento rispetto allo scorso anno, quando c’è stato un solo caso di influenza in una terapia intensiva per tutto dicembre, secondo i dati.

Il ritorno del virus potrebbe essere l’inizio di una stagione influenzale insolitamente lunga che potrebbe protrarsi fino all’estate, ha detto a Reuters il massimo esperto di influenza dell’ECDC, Pasi Penttinen.

Se iniziamo a revocare tutte le misure, la mia grande preoccupazione per l’influenza è che, poiché abbiamo avuto per così tanto tempo quasi nessuna circolazione nella popolazione europea, forse ci allontaneremo dai normali modelli stagionali“, ha affermato.

Ha affermato che lo smantellamento delle misure restrittive in primavera potrebbe prolungare la circolazione dell’influenza ben oltre la normale fine della stagione europea a maggio.

Un “twindemic” potrebbe esercitare una pressione eccessiva sui sistemi sanitari già sovraccaricati, ha affermato l’ECDC nel suo rapporto.

In Francia, tre regioni – inclusa la regione di Parigi – stanno affrontando un’epidemia di influenza, secondo i dati pubblicati dal ministero della Salute francese la scorsa settimana. Altri sono in una fase pre-epidemica.

In questa stagione, la Francia ha finora registrato 72 casi gravi di influenza, con sei decessi.

A complicare ulteriormente le cose, il ceppo influenzale dominante che circola quest’anno sembra essere finora il virus H3 del virus A, che di solito causa i casi più gravi tra gli anziani.

Penttinen ha affermato che era troppo presto per fare una valutazione finale dei vaccini antinfluenzali perché era necessario un numero maggiore di pazienti malati per le analisi del mondo reale. Ma i test di laboratorio mostrano che i vaccini disponibili quest’anno “non saranno ottimali” contro l’H3.

Ciò è in gran parte dovuto al fatto che il virus circolava pochissimo o nessun virus quando la composizione dei vaccini è stata decisa l’anno scorso, rendendo più difficile per i produttori di vaccini prevedere quale ceppo sarebbe stato dominante nella prossima stagione influenzale.

Vaccines Europe, che rappresenta i principali produttori di vaccini nella regione, ha riconosciuto che la selezione del ceppo è stata resa più difficile dalla circolazione influenzale molto bassa lo scorso anno, ma ha aggiunto che non ci sono ancora dati sufficienti per valutare l’efficacia dei vaccini di questa stagione.

I vaccini antinfluenzali vengono adattati ogni anno per renderli il più efficaci possibile contro i virus influenzali in continua evoluzione. La loro composizione viene decisa sei mesi prima dell’inizio della stagione influenzale, in base alla circolazione dei virus nell’emisfero opposto. Questo dà tempo ai produttori di farmaci per sviluppare e realizzare i colpi.

Non sono ancora disponibili dati a livello europeo sull’adozione del vaccino antinfluenzale. 

Le autorità hanno prorogato di un mese il periodo di vaccinazione fino alla fine di febbraio per aumentare le vaccinazioni. Secondo i dati diffusi la scorsa settimana, finora sono state vaccinate 12 milioni di persone, circa il 45% della popolazione coinvolta.

C’è ancora un ampio margine di miglioramento per limitare l’impatto dell’epidemia di influenza“, ha affermato il ministero della salute in una dichiarazione dell’11 gennaio. L’obiettivo di quest’anno è vaccinare il 75% delle persone a rischio.

Vaccines Europe ha affermato che le case farmaceutiche hanno fornito un gran numero di vaccini antinfluenzali, nonostante la pressione sugli impianti di produzione causata dalla pandemia.

Giorgio Muscas

Giorgio Muscas

Esperto in criptovalute mi dedico all'economia e alla politica. Il giornalismo è la mia vera passione


Articoli correlati

Salvini: no all’obbligo vaccinale

“La Lega – dice Salvini – ha scelto di entrare in questo governo di emergenza per responsabilità e amore per l’Italia

Ilaria Dal Zovo. Intervista: il Movimento 5 Stelle e la politica in Friuli Venezia Giulia

Una bella intervista ad Ilaria Dal Zovo sulla situazione politica nazionale e nel Friuli Venezia Giulia nel Movimento 5 Stelle

Matteo Renzi. Biografia e carriera politica

Matteo Renzi è nato l’11 gennaio 1975. Ha servito come Primo Ministro italiano dal 2014 al 2016. È senatore di