Trizio Consulting

Bollette: in arrivo rialzi fino al 50%

Bollette: in arrivo rialzi fino al 50%

Legio X Equestris

In Italia i prezzi del gas e dell’elettricità ridurranno del 2,9% i consumi delle famiglie quest’anno e dell’1,1% sul PIL se rimarranno vicini ai livelli attuali, secondo la società di consulenza Nomisma Energia.

“La debolezza dei consumi italiani è sempre stato uno dei principali ostacoli a una crescita più forte del PIL e i livelli del 2022 aggraveranno ulteriormente i problemi”, ha affermato il presidente di Nomisma Energia Davide Tabarelli.

Secondo i dati del Gme in crescita anche i volumi di energia elettrica scambiati direttamente nella borsa a 4,7 milioni di MWh (+18,1%), e la liquidità, al 77,5% (+1 punto percentuale); va tuttavia considerato che la settimana includeva una festività .I prezzi medi di vendita, ovunque in rialzo, tra 218,52 €/MWh di Calabria e Sicilia e 234,89 €/MWh di Nord e Centro Nord. 

Governo al lavoro per il caro bollette

Giovedì in cdm  sarà presentato un provvedimento contro il caro bollette e un altro su ristori a settori economici colpiti dalla pandemia. Lo si è appreso da più fonti governative. Le misure contro il caro bollette, proposte dal Mite in una bozza presentata a Palazzo Chigi durante le feste, prevedono un contributo di solidarietà dalle società energetiche, tagli dell’Iva e degli oneri di sistema.

Il governo è al lavoro su questo e ieri anche il Pd ha chiesto l’adozione di nuove misure. Mentre per mercoledì Giancarlo Giorgetti, ministro per lo Sviluppo economico, ha convocato il tavolo con le imprese sul caro-energia. Calare dall’alto, però, balzelli orizzontali che colpiscano indistintamente tutti si è già rivelato dannoso e a rischio di incostituzionalità in Spagna. Individuare in modo consensuale con gli operatori una soglia di prezzo sostenibile, oltre la quale dare un contributo per supportare imprese e famiglie in difficoltà, è molto macchinoso e richiede un sistema puntuale di verifiche a fronte di autocertificazioni di produttori e venditori. 

Allarme poveri

Con il carobollette scatta anche l’allarme povertà, con 15mila pensionati nella sola provincia di Perugia a rischio scivolamento sotto la soglia di povertà. Il tema è sollevato da Mario Bravi, segretario provinciale dello Spi Cgil di Perugia, che vede proprio i pensionati come la fascia più a rischio. “Dopo la povertà alimentare, per la quale molte persone sono costrette a soddisfare i propri bisogni primari risparmiando e ricorrendo a prodotti sempre più scadenti, questo inverno ha fatto emergere un altro tipo di povertà, che si aggiunge alla prima e si chiama “povertà energetica”, per la quale molte persone rischiano di essere condannate al freddo”.


Articoli correlati

Riforma catasto, le reazioni politiche

Sul piatto politico di questi giorni c’è la riforma fiscale 2021. L’obiettivo continua ad alimentare le polemiche, lo scontro si

Carige. Michela Sossella. Intervista: il ruolo delle banche durante l’emergenza

Siamo con Michela Sossella che si occupa di pianificazione e marketing in Banca Carige. Le banche hanno un ruolo importante,

Alitalia, accordo con Ue, Ita operativa dal 15 ottobre

Accordo con l’Ue per l’avvio della nuova compagnia Ita nell’ambito del confronto sul dossier Alitalia. “Si è conclusa positivamente – ha annunciato il