La dinastia Giulio Claudia

La prima battaglia della Marna

La Prima Guerra Mondiale è stata uno degli eventi più sconvolgenti del XX secolo, e la Prima Battaglia della Marna ne fu uno degli episodi più significativi. Combattuta tra il 5 e il 12 settembre 1914, vicino al fiume Marna, ad est di Parigi, la battaglia fu un conflitto imponente che coinvolse milioni di soldati delle forze alleate e dell’Impero Tedesco.

Antefatto e Contesto

All’inizio della guerra, la Germania attuò il Piano Schlieffen, che prevedeva un rapido movimento attraverso il Belgio e la Francia. L’obiettivo era catturare Parigi e costringere la Francia alla resa prima che la Russia potesse mobilitarsi completamente. Tuttavia, il piano si arenò vicino al fiume Marna. L’avanzata tedesca stava diventando sempre più lenta a causa dell’estenuazione delle truppe e delle linee di rifornimento sempre più lunghe.

Analisi delle Forze in Campo

Al momento della battaglia, sia le forze tedesche che quelle alleate erano enormi. I tedeschi erano divisi in due eserciti principali: il 1° Esercito guidato dal Generale Alexander von Kluck e il 2° Esercito guidato dal Generale Karl von Bülow. Le forze alleate erano composte principalmente da truppe francesi e britanniche.

I tedeschi indossavano i distintivi elmetti Pickelhaube con coperture in tessuto, mentre le truppe francesi erano vestite con uniformi blu e rosse.

Soldati tedeschi che indossano caratteristici elmetti pickelhaube con coperture in tessuto

Strategie e Movimenti di Truppe

Durante l’avanzata verso Parigi, il 1° Esercito tedesco cambiò il suo percorso per affrontare le forze britanniche. Questo cambio di rotta creò un varco tra il 1° e il 2° Esercito tedesco. Questo varco divenne un punto cruciale nella battaglia, poiché le forze francesi, sotto il comando del Generale Michel-Joseph Maunoury, sfruttarono questo punto debole lanciando un attacco al fianco del 1° Esercito tedesco.

Il fiume Marna divenne il punto focale degli scontri. Il 5 settembre, le forze francesi attraversarono il fiume e iniziarono a spingere indietro i tedeschi. I combattimenti furono intensi, con entrambe le parti che utilizzarono artiglieria pesante e fucileria.

Ruolo del BEF (British Expeditionary Force)

Il British Expeditionary Force (BEF), sotto il comando del Maresciallo di Campo Sir John French, giocò un ruolo cruciale nel supportare l’offensiva francese. Sebbene inizialmente riluttante a impegnarsi a fondo, Sir John French alla fine accettò di sostenere l’attacco francese. La cooperazione tra le forze francesi e britanniche fu essenziale per il successo della battaglia.

La battaglia

All’alba del 6 settembre, 980.000 soldati francesi e 100.000 britannici con 3.000 cannoni hanno assalito la linea tedesca di 750.000 uomini e 3.300 cannoni tra Verdun e Parigi. Joffre aveva finalmente trovato il momento propizio per porre fine alla Grande Ritirata e contrattaccare. La battaglia si sarebbe svolta in due luoghi distinti vicino agli affluenti meridionali della Marna con la 5a e la 9a armata francese che assalivano la 2a e la 3a armata tedesca ea nord della Marna tra la 6a armata francese di fronte alla 1a armata tedesca. Le comunicazioni e il coordinamento erano scarsi tra gli eserciti tedeschi e con il quartier generale di Moltke in Lussemburgo e ogni esercito tedesco avrebbe combattuto la propria battaglia.

Prima armata di Kluck

Il 5 settembre, un giorno prima del piano di Joffre di iniziare l’offensiva francese, francesi e tedeschi si scontrarono sul fianco destro della 1a armata di Kluck. Parte della 6a armata di Maunoury, composta principalmente da riservisti e numerata in totale 150.000, stava sondando 40 km a nord-est di Parigi, vicino al fiume Ourcq, alla ricerca dei tedeschi quando incontrò il IV Corpo di riserva di 24.000 uomini comandato dal generale tedesco Hans von Gronau. Gronau aveva la responsabilità di coprire il fianco destro più esterno di Kluck.

Ha percepito il pericolo di un attacco di fianco contro Kluck e, sebbene notevolmente in inferiorità numerica, ha attaccato i francesi, tenendoli a bada per 24 ore prima di ritirarsi. Kluck fu quindi avvertito della minaccia inaspettata al suo fianco destro e in effetti al suo intero esercito. Kluck ha scelto di organizzare una controffensiva. Ordinò al suo esercito di girare a destra e di guardare a ovest per affrontare la minaccia del 6 ° esercito francese.

Ciò ha comportato un ritiro delle forze di Kluck che avevano attraversato il fiume Marna a sud e ora dovevano marciare per 130 km (81 mi) in due giorni per raggiungere posizioni di fronte ai francesi. La rapida reazione di Kluck ha impedito alla 6a armata di avanzare attraverso il fiume Ourcq fino alle retrovie tedesche. Kluck ha respinto gli attacchi francesi il 6 e 7 settembre.

Nella notte tra il 7 e l’8 settembre si verificò l’evento più leggendario della battaglia della Marna. Il governatore militare Gallieni a Parigi rafforzò la 6a armata a guardia di Parigi portando i soldati al fronte su rotaia, camion e taxi Renault. Gallieni comandava circa seicento taxi a Les Invalides, nel centro di Parigi, per portare i soldati al fronte a Nanteuil-le-Haudouin, a cinquanta chilometri di distanza. La maggior parte dei taxi è stata smobilitata l’8 settembre, ma alcuni sono rimasti più a lungo per trasportare feriti e profughi. I taxi, seguendo le regole cittadine, facevano doverosamente scorrere i contatori. Il tesoro francese ha rimborsato la tariffa totale di 70.012 franchi.

L’arrivo di seimila soldati su rotaia, camion e taxi è stato descritto come fondamentale per impedire una possibile svolta tedesca contro la 6a armata. Tuttavia, nelle memorie del generale Gallieni, egli annota come alcuni avevano “esagerato un po’ l’importanza dei taxi”. Nel 2001, Strachan menziona solo i taxi come “meno che leggenda” e nel 2009 Herwig ha definito i taxi militarmente insignificanti. L’impatto positivo sul morale francese fu innegabile.

Kluck ha telegrafato a Moltke la notte dell’8 settembre che “La decisione sarà ottenuta domani da un attacco avvolgente del generale von Quast”. La mattina successiva Quast si fece strada attraverso le difese della 6a armata francese e la strada per Parigi, distante 50 km, era aperta. Nelle parole di Keegan, “l’equilibrio del vantaggio sulla Marna ancora una volta sembrava aver inclinato la strada dei tedeschi”.

Bülow e Hausen

Il 6 settembre il 2° esercito di Bülow a sud della Marna era logoro e impoverito come Klucks, avendo marciato per 440 km da quando aveva lasciato la Germania e avendo subito più di 26.000 vittime e soldati caduti a causa di malattie. Bülow aveva iniziato la guerra con 260.000 soldati; a settembre ne aveva 154.000. Inoltre, i suoi rapporti con Kluck erano scarsi.

Mentre Kluck era all’offensiva vicino a Parigi, Bülow è andato sulla difensiva dopo l’attacco francese del 6 settembre. Il 7 settembre, Bülow ordinò alla sua ala destra di ritirarsi di 15 km verso il fiume Petit Morin dopo gli attacchi della 5a armata francese di Franchet d’Esperey , chiamata “Desperate Frankie” come complimento dagli inglesi. Durante la ritirata i francesi massacrarono 450 tedeschi che tentavano di arrendersi.

Con la sua ala destra in ritirata, Bülow ordinò al contrario alla sua ala sinistra di attaccare con l’aiuto della 3a armata di Hausen. Hausen coprì il fianco sinistro di Bülow e attaccò il 9° esercito di Foch nelle paludi di Saint-Gond vicino alla città di Sézannel’8 settembre. Aveva 82.000 uomini per il compito. L’attacco di Hausen fu una sorpresa, lanciato di notte senza preparazione di artiglieria. I suoi soldati invasero le posizioni dell’artiglieria tedesca “con la baionetta”. Hausen ha respinto Foch indietro di 13 km. L’attacco di Hausen si è poi impantanato con i suoi soldati esausti e che hanno subito circa 11.000 vittime.

Il divario

La svolta di Kluck a nord-ovest dal 5 al 7 settembre per combattere il 6 ° esercito francese ha aperto un divario di 50 km sul suo fianco sinistro tra i suoi soldati e quelli di Bülow del 2 ° esercito tedesco. La ricognizione aerea francese ha osservato le forze tedesche che si spostavano a nord per affrontare la sesta armata e ha scoperto il divario. La mancanza di coordinamento tra von Kluck e Bülow fece aumentare ulteriormente il divario.

Gli alleati sfruttarono il divario nelle linee tedesche, inviando il BEF a nord-ovest verso Kluck e la 5a armata a nord-est verso Bülow nel divario tra i due eserciti tedeschi. L’ala destra della 5a armata francese attaccò il 6 settembre e schienò la 2a armata nella battaglia dei Due Morin, che prendono il nome dai due fiumi della zona, il Grand Morin e il Petit Morin.

Il BEF avanzò dal 6 all’8 settembre, attraversò il Petit Morin, catturò i ponti sulla Marna e stabilì una testa di ponte profonda 8 chilometri. Nonostante la promessa del comandante della BEF French a Joffre che sarebbe rientrato in battaglia, il ritmo lento dell’avanzata della BEF fece infuriare d’Espèrey, comandante della 5a Armata, e altri comandanti francesi.

Il 6 settembre la forza britannica si è mossa così lentamente che ha concluso la giornata a 12 km dietro i suoi obiettivi e ha subito solo sette uomini uccisi. Il BEF, sebbene superasse in numero i tedeschi nel divario di dieci a uno, avanzò di soli 40 km in tre giorni. La 5a armata entro l’8 settembre attraversò il Petit Morin, il che costrinse Bülow a ritirare il fianco destro della 2a armata. Il giorno successivo, la 5a armata attraversò la Marna e la 2a armata tedesca si ritirò ulteriormente.

Il tour di Hentsch

Moltke, al quartier generale in Lussemburgo, era fuori comunicazione con gli eserciti tedeschi in Francia. Moltke preferiva inviare istruzioni ai suoi eserciti tramite emissario piuttosto che fare affidamento sul suo sistema telefonico e telegrafico inadeguato. Mandò il suo ufficiale dell’intelligence, il tenente colonnello Richard Hentsch a visitare gli eserciti. Le istruzioni di Moltke a Hentsch erano verbali, non scritte, anche se apparentemente Moltke diede a Hentsch, un semplice tenente colonnello, l’autorità di ordinare agli eserciti tedeschi di ritirarsi se necessario per la loro sopravvivenza. La missione di Hentsch, nelle parole dello storico Herwig, era quella di diventare “il più famoso tour personale nella storia militare”.

Hentsch lasciò il Lussemburgo l’8 settembre in automobile e quel pomeriggio visitò la 5a, 4a e 3a armata tedesca. Riferì a Moltke che la situazione di quegli eserciti era “del tutto favorevole”. Alle 6:45 di quella sera, ha ricevuto un messaggio diverso al quartier generale della 2a armata in un incontro con Bülow e il suo staff. A Hentsch fu detto che il fianco destro di Bülow (che delimitava il divario tra gli eserciti di Bülow e Kluck) era sul punto di crollare. Bülow ha detto che il suo esercito era “cenere” e “non in condizioni” per intraprendere l’offensiva contro i francesi.

Ha incolpato Kluck per la crisi e ha detto che Kluck avrebbe dovuto interrompere immediatamente la battaglia con la 6a armata francese e colmare il divario tra di loro. In caso contrario, la situazione potrebbe diventare “estremamente grave”. [62]

Il tenente colonnello Hentsch apparentemente ha risposto al feldmaresciallo Bülow che, lui, Hentsch aveva “pieno potere di autorità” per ordinare a Kluck di ritirarsi dalla sua battaglia con il 6 ° esercito francese. Durante l’incontro Bülow ricevette la notizia che il suo esercito stava cedendo sotto la pressione dei francesi. Bülow ha ordinato un ritiro di 20 km delle sue forze e ha pronosticato “conseguenze incalcolabili”. Hentsch concordò con Bülow che quando le forze francesi e britanniche avrebbero attraversato la Marna sarebbe stata necessaria una ritirata generale da parte dei tedeschi. Concordarono che Kluck doveva disimpegnarsi e marciare verso la Marna per unirsi alla 2a armata di Bülow. Se Kluck avesse rifiutato, Bülow si sarebbe ritirato a nord della Marna.

La mattina dopo, il 9 settembre, con l’arrivo di ulteriori cattive notizie dal fronte, Bülow ordinò un altro ritiro senza sapere cosa avrebbe fatto Kluck. Nel frattempo, Hentsch si è recato al quartier generale della prima armata di Kluck vicino al fiume Ourcq, arrivando alle 11:30 dopo un viaggio attraverso la devastazione della guerra. Ha incontrato il capo dello staff di Kluck, Hermann von Kuhl. Hentsch descrisse la pericolosa posizione di Bülow e disse che era necessaria una ritirata generale, affermando nuovamente la sua autorità in nome di Moltke. Kuhl “era sbalordito”.

La 1a armata era pronta ad assaltare la città di Parigi e, sperava, a vincere la guerra, ma Kuhl accettò Hentsch e informò Kluck. Con Būlow in ritirata, Kluck non ebbe altra scelta che seguire l’esempio e diede l’ordine di ritirarsi. Il suo ordine diceva che si stava ritirando “per volere” dello stato maggiore di Moltke.

L’11 settembre lo stesso Moltke visitò la 3a, 4a e 5a armata tedesca e ordinò la ritirata di quelle armate in aggiunta alla ritirata in corso della 1a e 2a armata) verso il fiume Aisne .riorganizzarsi o un’altra offensiva. I tedeschi furono inseguiti dai francesi e dagli inglesi, sebbene il ritmo delle forze alleate esauste fosse lento e una media di soli 19 km al giorno. I tedeschi cessarono la ritirata dopo 65 km , in un punto a nord del fiume Aisne dove scavarono, preparando trincee . Joffre ordinò alle truppe alleate di inseguire, portando alla prima battaglia dell’Aisne.

“Lungo un fronte di quasi 400 km, la fanteria tedesca si è voltata e ha iniziato a tornare sui propri passi sul terreno vinto in aspri combattimenti nelle ultime due settimane”. Molti soldati e ufficiali tedeschi in prima linea nel conflitto erano amareggiati per quello che consideravano uno sciocco ordine di ritirata. Meyer ha affermato che la prima battaglia della Marna “è giunta fino a noi nella storia come la lotta che ha salvato Parigi, ma in realtà è stata risolta dalla decisione di una delle parti di non combattere”. In altre parole, i tedeschi si ritirarono senza essere sconfitti.

Risultato e Conseguenze Immediate

Dopo intensi combattimenti, il 12 settembre, le forze tedesche iniziarono a ritirarsi. La Prima Battaglia della Marna si concluse con una vittoria decisiva per le forze alleate. Questa vittoria non solo salvò Parigi dall’occupazione tedesca ma segnò anche la fine della guerra di movimento, dando inizio a una guerra di trincea che avrebbe caratterizzato il resto del conflitto. L’alto comando tedesco subì un duro colpo, e il Piano Schlieffen fu definitivamente abbandonato. Il Generale Helmuth von Moltke fu destituito a seguito della sconfitta e sostituito da Erich von Falkenhayn.

Impatto Culturale

La battaglia ebbe un impatto notevole sulla psiche collettiva e sulla cultura sia francese che tedesca. Divenne un simbolo di resistenza e patriottismo, specialmente per i francesi, ed ebbe un posto significativo nella letteratura. Per esempio, il poeta francese Charles Péguy, che morì nella battaglia, è ricordato per i suoi scritti che evocano il patriottismo e il sacrificio. Inoltre, l’immagine dei taxi parigini che trasportavano truppe al fronte divenne un’icona della resistenza francese e fu celebrata in pitture, canzoni e poesie.

Errore di Valutazione Tedesco

Un altro fattore che contribuì alla sconfitta tedesca fu l’errore di valutazione da parte dell’alto comando tedesco riguardo alla capacità delle forze alleate di lanciare un contrattacco efficace. In particolare, il Capo di Stato Maggiore tedesco, Helmuth von Moltke, fu criticato per la sua mancanza di decisione e per non aver saputo adeguare la strategia quando divenne evidente che il Piano Schlieffen stava fallendo.

Conseguenze Strategiche e Politiche

Dopo la battaglia, il Generale Helmuth von Moltke fu destituito e sostituito come Capo di Stato Maggiore da Erich von Falkenhayn. Questo segnò un cambiamento nella strategia tedesca, che si concentrò su una guerra di posizione piuttosto che su un rapido movimento attraverso il territorio nemico.

La battaglia ebbe anche implicazioni politiche, rafforzando l’Alleanza tra Francia e Regno Unito e mettendo in evidenza l’importanza della cooperazione militare tra le nazioni alleate.

Eredità

Oggi, la Prima Battaglia della Marna è ricordata come uno degli scontri più significativi della Prima Guerra Mondiale. Il suo impatto sull’andamento della guerra fu cruciale. Monumenti e memoriali sono stati eretti in onore di coloro che hanno combattuto e perso la vita in questa battaglia. Ogni anno, cerimonie commemorative si svolgono nei luoghi dove ebbero luogo i combattimenti.

Inoltre, la battaglia ha lasciato un’eredità duratura in termini di lezioni militari, in particolare riguardo all’importanza della flessibilità e dell’adattamento delle strategie in risposta alle azioni nemiche.

Conclusione

La Prima Battaglia della Marna fu un evento epocale che cambiò il corso della Prima Guerra Mondiale. Segnò la fine delle ambizioni tedesche di una rapida vittoria attraverso il Piano Schlieffen e segnò l’inizio della guerra di trincea. La resistenza delle forze alleate, e in particolare il ruolo giocato dal BEF e dalle truppe francesi, fu cruciale per fermare l’avanzata tedesca. La battaglia è anche un esempio dell’importanza della cooperazione tra alleati e dell’adattamento delle strategie militari di fronte a circostanze impreviste.

Oltre all’importanza militare, la Prima Battaglia della Marna è entrata nella storia come un simbolo di resistenza e patriottismo, in particolare per il popolo francese. La sua eredità continua ad essere celebrata attraverso memoriali, cerimonie commemorative, e nella letteratura e cultura.

In un periodo in cui l’Europa era sconvolta dalla guerra, la battaglia rappresentò una manifestazione della determinazione umana e del sacrificio in nome della difesa della patria. Continua a servire come un monito sull’enorme costo della guerra e sul valore delle strategie efficaci e della collaborazione tra nazioni.