La dinastia Giulio Claudia

Marco Fabio Quintiliano. Pensiero e opere

Marcus Fabius Quintilianus, meglio noto come Quintiliano, fu una figura di spicco nel campo dell’educazione e della retorica durante l’Impero Romano. Nato a Calagurris, nella Hispania Romana, intorno al 35 d.C., e morto intorno al 100 d.C., Quintiliano ha lasciato un segno indelebile nella storia della retorica e dell’educazione.

Giovinezza e Influenze

Quintiliano nacque in un’epoca in cui l’Impero Romano era in piena espansione e la cultura romana prosperava. Durante la sua formazione accademica, fu influenzato da alcune delle più grandi menti della storia. Tra coloro che seguì vi erano filosofi e pensatori come Esiodo, Platone, Aristotele, Crisippo, Eratostene e Catone. Tuttavia, fu la tradizione Ciceroniana, fondata sulle opere di Cicerone, che giocò un ruolo chiave nel plasmare il pensiero e l’approccio retorico di Quintiliano.

Quintiliano è nato c. 35 dC a Calagurris ( Calahorra, La Rioja ) in Hispania. Suo padre, un uomo colto, lo mandò a Roma per studiare retorica all’inizio del regno di Nerone. Mentre era lì, coltivò una amicizia con Domitius Afer, che morì nel 59. “Era sempre stata consuetudine … per i giovani con ambizioni nella vita pubblica fissarsi su un modello più antico della loro ambizione … e considerarlo un mentore“. Quintiliano adottò evidentemente Afer come suo modello e lo ascoltò parlare e perorare cause nei tribunali. Afer è stato un oratore ciceroniano più austero, classico di quelli comuni al tempo di Seneca il Giovane, e potrebbe aver ispirato l’amore di Quintiliano per Cicerone.

Qualche tempo dopo la morte di Afer, Quintiliano tornò in Hispania, forse per esercitare la professione legale nei tribunali della sua stessa provincia. Tuttavia, nel 68, tornò a Roma come parte del seguito dell’imperatore Galba, successore di breve durata di Nerone. Quintiliano non sembra essere stato uno stretto consigliere dell’Imperatore, il che probabilmente gli assicurò la sopravvivenza dopo l’assassinio di Galba nel 69.

Dopo la morte di Galba, e durante il caotico Anno dei Quattro Imperatori che seguì, Quintiliano aprì una scuola pubblica di retorica. Tra i suoi studenti c’erano Plinio il Giovane e forse Tacito. L’imperatore Vespasiano lo nominò console. Questo sussidio permise a Quintiliano di dedicare più tempo alla scuola. Inoltre, è comparso in tribunale, argomentando per conto dei clienti.

Quintiliano si ritirò dall’insegnamento e dalla supplica nell’88 d.C., durante il regno di Domiziano. Il suo ritiro potrebbe essere stato spinto dal raggiungimento della sicurezza finanziaria e dal suo desiderio di diventare un gentiluomo di svago. Quintiliano sopravvisse a diversi imperatori; i regni di Vespasiano e Tito furono relativamente pacifici, ma quello di Domiziano è stato molto difficile. La crudeltà e la paranoia di Domiziano potrebbero aver spinto il retore a prendere le distanze da tutti. L’imperatore non sembra essersi offeso poiché nel 90 d.C. nominò tutore Quintiliano dei suoi due pronipoti. Si ritiene che sia morto intorno al 100 d.C., non essendo sopravvissuto a lungo a Domiziano, assassinato nel 96.

Contributi all’educazione e alla retorica

Quintiliano era un uomo di lettere e un educatore. La sua disciplina era la retorica, l’arte della persuasione attraverso il discorso. La sua dedizione all’insegnamento e alla retorica lo portò a diventare uno dei più rispettati maestri della sua epoca.

Uno dei contributi più notevoli di Quintiliano al campo della retorica fu la sua opera “Institutio Oratoria”. Quest’opera in dodici libri è una trattazione esaustiva sull’educazione retorica, dalla formazione dei giovani oratori al perfezionamento delle tecniche per gli oratori esperti. Attraverso “Institutio Oratoria”, Quintiliano esplorò come un oratore potesse usare il linguaggio per persuadere, informare e muovere il suo pubblico. Quest’opera ha influenzato pesantemente la retorica e l’educazione per secoli.

In quest’opera Quintiliano stabilisce che il perfetto oratore è prima un uomo buono, e poi un buon oratore. Credeva anche che un discorso dovesse rimanere fedele a un messaggio che è “giusto e onorevole”. Questa divenne nota come la sua teoria dell’uomo buono, abbracciando il messaggio che se non si può essere veramente buoni, allora non si può essere un buon oratore per la gente. Questa teoria ruota anche attorno all’essere al servizio delle persone. Un uomo buono è colui che lavora per il bene delle persone e la prosperità della società.

Eredità e influenza culturale

L’influenza di Quintiliano non si limitò alla sua epoca. Le sue opere e i suoi insegnamenti furono ampiamente studiati e citati nelle scuole di retorica medievali e durante il Rinascimento. Persino nell’era moderna, Quintiliano è celebrato come un maestro della retorica.

Tra le figure storiche influenzate da Quintiliano troviamo Giuvenale, Gerolamo, Sant’Agostino, Petrarca, Bruni, Erasmo, Lutero, Montaigne, Lessing, De Quincey e Mill. Questa lista di pensatori, scrittori e riformatori dimostra l’ampio impatto che Quintiliano ha avuto non solo nella retorica ma anche nella filosofia, nella letteratura e nella teologia.

Quintiliano fece colpo anche su Marziale, il poeta latino. A lui era indirizzata una breve poesia, scritta nell’86 dC, che si apriva: “Quintiliano, massimo regista di giovinezza smarrita, / sei un onore, Quintiliano, alla toga romana”. Tuttavia, non si dovrebbero prendere per oro colato gli elogi di Marziale, poiché era noto per i suoi insulti astuti e arguti. Le righe di apertura sono tutto ciò che viene solitamente citato, ma il resto della poesia contiene righe come “Un uomo che desidera superare il censimento di suo padre”. Questa parte descrive il lato ambizioso di Quintiliano e della sua spinta alla ricchezza e alla posizione.

Un’icona di eleganza e precisione

Una delle caratteristiche distintive del pensiero di Quintiliano era il suo impegno per l’eleganza e la precisione nel discorso. Credeva che un buon oratore dovesse avere una profonda conoscenza della lingua e delle sue sfumature. Sottolineava l’importanza di una presentazione chiara e logica, abbinata a uno stile di discorso che potesse catturare l’attenzione e l’immaginazione del pubblico.

Il valore dell’educazione

Quintiliano credeva fermamente nel valore dell’educazione. Attraverso la sua opera “Institutio Oratoria”, sottolineò l’importanza di una formazione completa per gli oratori. Secondo lui, un oratore non doveva solo essere addestrato nell’arte della retorica, ma doveva anche avere una solida comprensione di vari campi del sapere, come la filosofia, la storia e la legge. Questo, credeva, avrebbe arricchito il suo discorso e lo avrebbe reso più efficace nel persuadere e informare il suo pubblico.

Quintiliano fu una figura che attraversò i secoli con la sua saggezza e il suo genio nella retorica. La sua opera “Institutio Oratoria” è ancora oggi considerata una delle opere più importanti nel campo della retorica. Il suo impegno per l’eleganza, la precisione e l’educazione continua ad essere una fonte di ispirazione per insegnanti, studenti e oratori.

La sua eredità ci ricorda l’importanza di coltivare la mente e il carattere, e il potere che il discorso può avere nel plasmare la società. In un’epoca in cui la comunicazione è più importante che mai, le parole e gli insegnamenti di Quintiliano riecheggiano come un monito e un invito a elevare il nostro discorso per il bene comune.

Attraverso il suo impegno per l’educazione e la sua maestria nella retorica, Quintiliano ci mostra che le parole hanno il potere non solo di informare, ma anche di ispirare e trasformare il mondo intorno a noi.