Trizio Consulting

I leader mondiali devono agire rapidamente sui cambiamenti climatici

I leader mondiali devono agire rapidamente sui cambiamenti climatici

I leader mondiali si riuniscono alle Nazioni Unite, non mancano però problemi: una pandemia globale in corso, conflitti economici in numerosi continenti e problemi di conflitto e diritti umani dall’Afghanistan ad Haiti.



Ma con solo sei settimane rimaste fino al cruciale vertice globale sul clima in Scozia, presidenti e primi ministri devono anche far fronte a pressioni per mettere da parte queste tensioni diplomatiche e agire rapidamente e collettivamente per rallentare il riscaldamento del pianeta.

Abbiamo raggiunto un punto di svolta sulla necessità di un’azione per il clima“, ha avvertito il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres, in uno dei suoi ultimi appelli per l’unità e l’urgenza. “Lo stato del nostro clima e del nostro pianeta è già peggiore di quanto pensassimo e si sta muovendo più velocemente del previsto. Dobbiamo agire ora per prevenire ulteriori danni irreversibili”.

L’Assemblea generale delle Nazioni Unite di questa settimana segna una delle ultime opportunità di alto profilo per i paesi di impegnarsi pubblicamente in un’azione più ambiziosa e concreta per ridurre le emissioni di gas serra in vista del vertice sul clima di novembre a Glasgow. Finora, tali promesse da alcune delle più grandi economie del mondo non si sono concretizzate, nonostante le dichiarazioni a tutto campo dell’amministrazione Biden, dell’Unione europea e di altri Paesi.

Un rapporto delle Nazioni Unite pubblicato venerdì ha avvertito che mentre decine di paesi hanno delineato nuovi piani climatici quest’anno, se altre nazioni, tra cui Cina e India, non riusciranno a perseguire piani più audaci, le emissioni di gas serra potrebbero effettivamente aumentare del 16% entro la fine del decennio. Ciò potrebbe mettere il pianeta su un percorso per riscaldarsi di 2,7 gradi entro la fine del secolo.

Il mondo si è già riscaldato di oltre 1 grado rispetto ai tempi preindustriali e gli scienziati affermano che ogni frazione di riscaldamento aggiuntivo porterà catastrofi sempre più gravi, da inondazioni più frequenti a incendi e ondate di calore più intensi.

Guterres e il primo ministro britannico Boris Johnson ospiteranno un incontro a porte chiuse – in parte di persona, in parte virtuale – di diverse dozzine di leader nazionali, tra cui un mix delle nazioni più grandi e potenti del mondo insieme ai paesi più poveri colpiti più duramente da cambiamento climatico.

 António Guterres e Boris  Johnson
António Guterres e Boris Johnson

È l’ultimo sforzo per spingere i grandi emettitori ad abbracciare un’azione climatica più aggressiva. Tali promesse sono essenziali se il mondo vuole avere qualche possibilità di raggiungere l’obiettivo più ambizioso dell’accordo di Parigi sul clima: limitare l’aumento del riscaldamento globale a 1,5 gradi rispetto ai livelli preindustriali.

Il raduno mira anche a spingere i paesi più ricchi e sviluppati a mantenere le promesse a lungo non mantenute e fornire miliardi di dollari in finanziamenti per aiutare le nazioni vulnerabili e a corto di liquidità ad adattarsi agli effetti del cambiamento climatico e costruire economie più verdi.

È una minaccia comune“, ha affermato Tubiana, uno dei principali artefici dell’accordo di Parigi del 2015. “Il cambiamento climatico ignora la politica di potere. Non importa quanti eserciti hai, quante armi hai. … Abbiamo visto nella pandemia quando non ci organizziamo collettivamente quanto sia dannoso. Il clima è solo molto peggio“.

Lo storico accordo di Parigi del 2015, sostenuto da quasi tutte le nazioni del mondo, è stato progettato con l’aspettativa che i paesi aumentino i loro impegni volontari per ridurre le emissioni di gas serra nel tempo. Il previsto vertice di Glasgow, ritardato di un anno dalla pandemia, è stato a lungo il luogo in cui le nazioni dovrebbero presentarsi con impegni più tangibili a cinque anni da Parigi.

Ci sono segnali che il cambiamento sta avvenendo, anche se a singhiozzo.

Decine di paesi hanno già annunciato obiettivi più ambiziosi, anche se non sono ancora così aggressivi come gli scienziati vorrebbero. Ciò include gli Stati Uniti, che sotto il presidente Biden si sono impegnati a ridurre le emissioni almeno della metà entro la fine del decennio.

L’amministrazione ha unito le forze quest’anno con l’Unione Europea e il Regno Unito, sede di obiettivi climatici ancora più rigorosi, per cercare di costringere il più grande emettitore del mondo, la Cina, e altre importanti economie ad abbracciare obiettivi ambiziosi a breve termine per mettere il mondo su una traiettoria migliore.

Cina smog

Venerdì, gli Stati Uniti e l’Unione europea hanno anche concordato un “impegno globale sul metano” che ridurrebbe le emissioni del potente gas serra di quasi un terzo entro il 2030 rispetto ai livelli del 2020. Il Regno Unito e ha firmato l’iniziativa, così come l’Argentina, il Messico, l’Indonesia e diverse altre nazioni. La speranza è che altri paesi seguano.

La finestra si sta rapidamente chiudendo per i principali responsabili delle emissioni come la Cina, dovranno assumere nuovi impegni, e saranno davvero importanti per ridurre le emissioni globali“, ha affermato Paul Bledsoe, ex consigliere per il clima della Casa Bianca di Clinton, ora con il Progressive Policy Institute. “Nonostante i nuovi impegni degli Stati Uniti e dell’UE, a meno che altre nazioni non inizino a farsi avanti ben prima di Glasgow, l’intera comunità internazionale rischia di essere accusata di inadeguatezza“.

Dall’accordo di Parigi, il mondo è cambiato profondamente, sia nella diplomazia climatica che nella scienza del clima, dove è diventato solo più chiaro che le emissioni di gas serra dell’uomo stanno alimentando incendi intensi, inondazioni, ondate di calore e altri eventi meteorologici estremi che stanno reclamando vite e costando fortune.

Nel 2014, il presidente Barack Obama e il leader cinese Xi Jinping hanno siglato un accordo per limitare le emissioni di gas serra un anno prima dell’incontro di Parigi, rendendo possibile questo accordo globale.

La corsa al vertice delle Nazioni Unite a Glasgow si è rivelata molto diversa

Un anno fa non ci sono stati negoziati anticipati, in parte perché il presidente Donald Trump, che ha definito il cambiamento climatico una bufala e lo ha minimizzato, ha reso gli Stati Uniti l’unica nazione a ritirarsi formalmente dall’accordo di Parigi.

La capacità di stare insieme è stata davvero sconvolta dal covid“, ha affermato Pete Ogden, presidente della Fondazione delle Nazioni Unite ed ex direttore senior per l’energia presso il Consiglio di politica interna e il Consiglio di sicurezza nazionale.

L’amministrazione Biden, nel frattempo, ha cercato di recuperare il tempo perduto.

Nel suo primo giorno in carica, Biden ha aderito al trattato internazionale sul clima. Ha inviato l’ex segretario di stato John F. Kerry in giro per il mondo nel tentativo di stringere l’accordo sul clima più ambizioso possibile. E sta lavorando per convincere il Congresso ad approvare un pacchetto di spesa da 3,5 trilioni di dollari che includerebbe azioni per il clima di vasta portata , che è fondamentale per gli Stati Uniti per fare progressi verso il loro obiettivo di emissioni per il 2030.

Joe Biden
Joe Biden

Biden ha nuovamente convocato una riunione virtuale delle principali economie per lanciare promesse più audaci. “Il tempo per agire si sta davvero restringendo“, ha detto al gruppo.

Ora, con il successo del vertice sul clima di questo autunno in bilico, gli esperti vedono l’assemblea delle Nazioni Unite di questa settimana come una delle ultime sedi probabili per impegni ambigui.

Penso che sia importante che ci siano annunci importanti su come fare dei passi avanti“, ha detto David Sandalow, un veterano delle amministrazioni Clinton e Obama e ora membro del Center on Global Energy Policy della Columbia University. “Ciò deve includere l’azione da parte dei principali emettitori, ma anche delle principali istituzioni, gruppi finanziari e altri“.

Il raduno delle Nazioni Unite offre anche una rara opportunità prima di Glasgow per i leader delle nazioni ricche e delle nazioni più piccole e più povere per affrontare una situazione diplomatica danneggiata da promesse non mantenute, ha affermato Jennifer Morgan, direttore esecutivo di Greenpeace International. Una delle promesse centrali era che le nazioni sviluppate avrebbero fornito 100 miliardi di dollari all’anno per aiutare i paesi in via di sviluppo a costruire economie più verdi e ad affrontare le catastrofi legate al clima. Non è mai stato completamente finanziato.

In questo momento, non credo che ci sia molta fiducia nei paesi in via di sviluppo che il cambiamento climatico sia una cosa collettiva che risolveremo insieme, perché non sta accadendo nemmeno con il covid“, ha detto Morgan. “I paesi sviluppati devono farsi avanti e costruire quella fiducia“.

Ma ciò avverrà solo dando credito alle preoccupazioni di coloro che sono in prima linea nel cambiamento climatico.

I paesi più piccoli e vulnerabili, le piccole isole, l’Africaper loro è vita e morte ogni giorno”, ha detto. “Sono la voce che porta quell’umanità su ciò che è in gioco e su quanto sia importante avere questa collaborazione. Non è un problema lontano“.

Questi cambiamenti sono solo l’inizio del peggio che verrà”, ha avvertito Guterres, supplicando ancora una volta le nazioni di prendere impegni reali, non fare solo discorsi.

Siamo davvero fuori tempo massimo“.


Articoli correlati

Siria. Milioni di civili senza aiuto se Stati Uniti e Russia non trovano accordo

Parti della Siria settentrionale affronteranno rapidamente una crisi umanitaria massiccia se il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite non riuscirà

Kathy Hochul. La prima governatrice di New York

Gli scandali scoppiati per le accuse di molestie sessuali verso il governatore Andrew M. Cuomo daranno a New York il

Gabriel Boric è stato eletto presidente del Cile. Il più giovane di sempre

I cileni domenica hanno eletto Gabriel Boric come presidente, affidando al giovane politico di sinistra il compito di aiutare a