Trizio Consulting

Giappone: ucciso Shinzo Abe in un attentato. La sua biografia e la sua politica

Giappone: ucciso Shinzo Abe in un attentato. La sua biografia e la sua politica

L’ex primo ministro giapponese Shinzo Abe è morto, all’età di 67 anni, dopo essere stato colpito a colpi di arma da fuoco durante un discorso nella città occidentale di Nara.

Shinzo Abe è stato un politico giapponese che ha servito come primo ministro del Giappone e presidente del Partito Liberal Democratico (LDP) dal 2006 al 2007 e di nuovo dal 2012 al 2020. È stato il primo ministro più longevo nella storia del Giappone. Abe è stato anche capo segretario di gabinetto dal 2005 al 2006 sotto Junichiro Koizumi ed è stato per breve tempo leader dell’opposizione nel 2012.

Nato in un’importante famiglia politica, suo nonno Kishi Nobusuke è stato primo ministro del Giappone dal 1957 al 1960 e suo prozio Sato Eisaku ha ricoperto lo stesso incarico dal 1964 al 1972. Dopo essersi laureato alla Seikei University di Tokyo, Abe si è trasferito negli Stati Uniti, dove ha studiato scienze politiche alla University of Southern California, Los Angeles. Nel 1979 è tornato in Giappone.

E’ stato eletto alla Camera dei Rappresentanti nelle elezioni del 1993. È stato nominato capo di gabinetto dal primo ministro Junichiro Koizumi nel settembre 2005, lo ha poi sostituito come primo ministro e presidente dell’LDP nel settembre 2006. Successivamente è stato confermato primo ministro da una sessione speciale della Dieta nazionale, diventando il più giovane primo ministro del Giappone del dopoguerra, e il primo nato dopo la seconda guerra mondiale.

Abe ha cercato di rafforzare i legami con gli Stati Uniti e perseguire una politica estera più assertiva. Abe ha sostenuto le sanzioni delle Nazioni Unite contro la Corea del Nord in seguito al test nucleare e ha imposto una serie di sanzioni unilaterali alla Corea del Nord che includevano il divieto di transito ai porti giapponesi da parte di navi nordcoreane. Si è anche impegnato a rivedere la costituzione del paese del dopoguerra, che poneva severe restrizioni ai militari. Negli affari interni, Abe ha sostenuto la pensione e l’assicurazione sanitaria nazionale. Tuttavia, il suo governo fu presto coinvolto in una serie di gaffe pubbliche e scandali finanziari. Inoltre, l’amministrazione subì molte critiche per la risposta tardiva allo scandalo per la mala gestione di registri pensionistici di milioni di cittadini. Nel luglio 2007 l’LDP ha perso la maggioranza nella camera alta a causa di una coalizione guidata dal Partito Democratico del Giappone (DPJ), e a settembre Abe annunciò le sue dimissioni.

Abe si dimise da primo ministro solo dopo un anno di carica, a causa di complicazioni mediche dovute alla colite ulcerosa. Fu sostituito da Yasuo Fukuda, che divenne il primo di una serie di cinque primi ministri che non rimasero in carica per più di sedici mesi.

Dopo essersi ripreso dalla sua malattia, Abe è tornato inaspettatamente alla politica, sconfiggendo Shigeru Ishiba, l’ex ministro della Difesa, in una votazione per diventare presidente dell’LDP nel settembre 2012.

Nell’agosto 2020, Abe ha annunciato le sue seconde dimissioni da primo ministro, citando una significativa recrudescenza della sua colite ulcerosa. Ha rassegnato le dimissioni il 16 settembre, dopo che la Dieta ha eletto il segretario capo di gabinetto Yoshihide Suga come suo successore.

Abe era un conservatore che i commentatori politici hanno ampiamente descritto come un nazionalista giapponese di destra. Era un membro del Nippon Kaigi e aveva opinioni negazioniste sulla storia giapponese, una posizione che ha creato tensioni con la vicina Corea del Sud. Era considerato un intransigente rispetto alla politica di difesa giapponese e sosteneva la revisione dell’articolo 9 della costituzione pacifista giapponese per consentire al Giappone di mantenere le forze militari.

Nel 2015 ha proposto, sostenuto e adottato con successo una legislazione sulla riforma della sicurezza per consentire l’esercizio giapponese della sicurezza collettiva. Abe era noto a livello internazionale per le politiche economiche del suo governo, soprannominate Abenomics, che perseguivano l’allentamento monetario, lo stimolo fiscale e le riforme strutturali.

Shinzo Abe è morto, all’età di 67 anni, ucciso da colpi di arma da fuoco durante un discorso nella città occidentale di Nara.

Abe è stato trasportato in ospedale in elicottero dopo l’attentato. È stato il primo assassinio di un premier giapponese in carica o ex premier dai tempi del militarismo prebellico negli anni ’30.

Parlando prima dell’annuncio della morte di Abe, il primo ministro, Fumio Kishida, ha condannato la sparatoria nei “termini più duri”, mentre i giapponesi ei leader mondiali hanno espresso shock per le violenze in un Paese in cui la violenza politica è rara e le armi sono strettamente controllate.

Questo attacco è un atto di brutalità avvenuto durante le elezioni, il fondamento stesso della nostra democrazia, ed è assolutamente imperdonabile“, ha detto Kishida, lottando per tenere sotto controllo le sue emozioni.

L’ospedale che ha cercato di salvarlo ha detto che è morto circa cinque ore e mezza dopo che gli hanno sparato. Un medico ha detto che Abe è morto dissanguato da due ferite profonde, una sul lato destro del collo. Non aveva segni vitali quando è stato portato dentro.

Pochi istanti dopo la sparatoria, i membri della sicurezza di Abe hanno bloccato un uomo a terra pochi metri dietro l’ex primo ministro. Il sospetto indossava una maglietta grigia, pantaloni marrone chiaro e scarpe da ginnastica grigie. Il suo volto era parzialmente oscurato da una mascherina chirurgica. Secondo quanto riferito, non ha tentato di fuggire prima di essere arrestato sul posto.

La polizia ha identificato il sospetto come Tetsuya Yamagami, un residente di Nara di 41 anni. Secondo i resoconti dei media locali, la polizia ha affermato che l’arma che si pensa sia stata utilizzata nell’attacco era fatta in casa. Una fotografia (vedi foto sotto) mostrava due parti metalliche cilindriche che sembravano essere state legate con nastro adesivo nero per terra sulla strada.

Il Giappone ha una “tolleranza zero” nei confronti del possesso di armi, un approccio che secondo gli esperti contribuisce al suo tasso estremamente basso di crimini armati. Nel 2014 sono stati segnalati sei decessi per armi da fuoco, secondo l’Agenzia nazionale di polizia, e il numero raramente supera i 10, in un paese di 126 milioni di persone.

Airo Hino, professore di scienze politiche alla Waseda University, ha detto che una sparatoria del genere non ha precedenti in Giappone. “Non c’è mai stato niente di simile”.

Gli alti politici giapponesi sono accompagnati da agenti di sicurezza armati, ma spesso si avvicinano al pubblico, specialmente durante le campagne politiche quando fanno discorsi lungo la strada e stringono la mano ai passanti.

Niccolò Giraudo

Niccolò Giraudo

Torino è una città fantastica, specialmente per chi ama il design in tutte le sue forme. Chi non ci credesse può venire a casa mia: matite e pennelli non mancano. Si può anche suonare il violoncello. È l’ambiente ideale anche per recensire un film, un blog o un nuovo tostapane. Provare per credere.


Tag assegnati a questo articolo:
Giappone

Articoli correlati

Ucraina. I media e la guerra. Intervista a Nicola Graziani – Agi

La copertura mediatica della guerra in Ucraina non ha quasi precedenti. Le televisioni e soprattutto i giornali di tutto il

Yoshihide Suga, primo ministro giapponese rinuncia alla rielezione

Meno di un anno dopo essere diventato primo ministro del Giappone, Yoshihide Suga ha dichiarato che non avrebbe cercato la

Tunisia. Il baluardo della primavera araba in pericolo

La crisi politica in Tunisia è entrata nel suo vivo dopo che il presidente Kais Saied ha dimesso il primo