Trizio Consulting

I no Covid vax chiedono esenzioni religiose

I no Covid vax chiedono esenzioni religiose

Iscriviti alla Newsletter


Anche negli Stati Uniti ci sono grossi problemi per i dipendenti di aziende che richiedono obbligatoriamente il vaccino Covid 19. In particolare questa storia che è uscita sul New York Times è un dubbio che molto probabilmente arriverà in tutto il mondo: chi non si vaccina può chiedere un esenzione per motivi religiosi?

Tutto parte da Crisann Holmes che ha firmato una petizione per chiedere alla sua azienda di dargli una esenzione dal vaccino contro il Covid 19. Si è unita a una protesta informale, saltando il lavoro con altri dipendenti dissenzienti presso il sistema di assistenza sanitaria dove ha lavorato per due anni. E ha tentato di aprire una soluzione che molti in tutto il paese stanno ora esplorando: un’esenzione religiosa.

Sono in gioco la mia libertà e la libertà dei miei figli e la libertà dei bambini“, ha detto la signora Holmes, che vive in Indiana. Ad agosto, ha presentato una richiesta di esenzione che ha scritto lei stessa. Alcuni vaccini sono stati sviluppati utilizzando linee cellulari fetali da feti abortiti, ha scritto, pratica che lei trova ripugnante. Ha citato un passo del Nuovo Testamento: “Purifichiamoci da tutto ciò che contamina il corpo e lo spirito”.

Le religioni contro l’uso di cellule fetali

Le principali religioni, confessioni e istituzioni americane sono sostanzialmente unanimi alla contrarietà al vaccino Covid-19. Ma poiché sempre più datori di lavoro in tutto il paese iniziano a richiedere le vaccinazioni per i lavoratori, si stanno scontrando con un numero sempre crescente di nocovid vax che chiedono esenzioni per motivi religiosi – o almeno vedono un’opportunità di utilizzare questa via. I lavoratori contro i vaccini stanno condividendo suggerimenti online per richiedere esenzioni per motivi religiosi.

Il conflitto stava prendendo piede anche prima che il presidente Biden annunciasse nuovi obblighi per i vaccini sul posto di lavoro. I nuovi regolamenti richiederanno alla stragrande maggioranza dei lavoratori e di coloro che lavorano per grandi aziende private ​​di vaccinarsi o di sottoporsi a test settimanali. Complessivamente, dovrebbero interessare 100 milioni di lavoratori americani.

Le imprese statunitensi hanno trascorso gli ultimi 18 mesi ad affrontare una serie di sfide logistiche e politicamente controverse sollevate dalla pandemia, tra cui la chiusura dei luoghi di lavoro, la richiesta di mascherine e la riapertura, insieme a una diffusa carenza di manodopera. La nuova battaglia sulle esenzioni dai vaccini è particolarmente tesa, poiché contrappone le preoccupazioni sulla libertà religiosa alla priorità di mantenere un ambiente sicuro.

“Quanto possiamo chiedere? Fino a che punto possiamo spingerci? Dobbiamo assecondarlo? Queste sono le domande che i datori di lavoro stanno cercando di capire”, ha affermato Barbara Holland, consulente della Society for Human Resource Management.

Domande in aumento esponenziale

L’interesse per le esenzioni religiose è chiaramente in aumento. Mat Staver, fondatore e presidente di Liberty Counsel, un’organizzazione legale cristiana conservatrice, ha affermato che il suo gruppo ha ricevuto più di 20.000 domande sulle esenzioni religiose nelle ultime settimane.

Il Liberty Counsel ha intentato causa contro i funzionari di New York per i tentativi di negare le esenzioni religiose dall’obbligo di vaccinazione per gli operatori sanitari. “Le conseguenze di questi editti forzati sono enormi“, ha detto Staver, citando la possibilità di carenza di manodopera se gli operatori sanitari si dimettono o vengono licenziati in massa.

A New York City, dove sono richiesti vaccini per gli insegnanti delle scuole pubbliche, il sindaco Bill de Blasio ha affermato che la città riconoscerà “motivi ristretti e specifici per l’esenzione religiosa“.

In molte comunità, i grandi datori di lavoro pubblici stanno già affrontando un’impennata delle richieste. A Tucson, in Arizona, 291 lavoratori hanno chiesto esenzioni religiose dopo che la città ha annunciato un obbligo di vaccinazione per i suoi dipendenti. La città ha incaricato quattro amministratori di smistare le richieste. Finora ne hanno approvati poco più della metà e ne hanno negati 15, con alcune richieste di ulteriori informazioni ancora in sospeso.

La città ha incaricato quattro amministratori di smistare le richieste

Alcuni datori di lavoro privati ​​stanno prendendo una linea dura. La United Airlines ha detto ai lavoratori che coloro che ricevono esenzioni religiose saranno posti in congedo non retribuito almeno fino a quando non saranno in vigore le nuove procedure di sicurezza e test Covid.

Le richieste di esenzione stanno mettendo alla prova i confini della legge federale sui diritti civili del 1964, che richiede ai datori di lavoro di fornire sistemazioni ragionevoli per i dipendenti che si oppongono ai requisiti di lavoro basati su credenze religiose “sinceramente tenute”.

A vantaggio degli obiettori come la signora Holmes, la disposizione definisce la “religione” in senso lato. La Commissione per le pari opportunità di lavoro ha specificato che le obiezioni religiose non devono essere riconosciute da una religione organizzata e possono essere credenze nuove, non comuni o che “sembrano illogiche o irragionevoli agli altri”.

Tuttavia, non possono basarsi solo su convinzioni sociali o politiche. Ciò significa che i datori di lavoro devono cercare di distinguere tra obiezioni principalmente politiche da persone che possono essere religiose e obiezioni che sono in realtà religiose nel loro nucleo.

Per molti scettici, la resistenza tende a basarsi non sugli insegnamenti formali di un leader religioso affermato, ma su una miscela ad hoc di cospirazioni online e disinformazione, media conservatori e conversazioni con amici e familiari che la pensano allo stesso modo.

Come riconoscere le esenzioni false?

“Le persone che hanno già preso una decisione sono ora alla ricerca di modi per continuare a esentarsi dal vaccino Covid”, ha affermato Joshua Williams, pediatra e assistente professore di pediatria presso l’Università del Colorado.

La ricerca prepandemica di Williams sui requisiti di immunizzazione scolastica suggerisce che la maggior parte delle obiezioni descritte come religiose ai vaccini sono in realtà una questione di convinzioni personali e laiche. Dopo che lo stato del Vermont ha rimosso l’esenzione dal vaccino per le convinzioni personali non religiose nel 2016, la percentuale di studenti dell’asilo con un’esenzione religiosa è aumentata dallo 0,5% al ​​3,7%, suggerendo che la maggior parte dei genitori che hanno approfittato delle esenzioni religiose lo ha fatto solo quando non vi erano altre vie legali.

Apple, Microsoft, Tyson Foods e Disney sono tra i principali datori di lavoro privati ​​che hanno annunciato quest’estate che avrebbero richiesto la vaccinazione di molti dei loro lavoratori. Dal momento che la Food and Drug Administration ha concesso la piena approvazione al vaccino contro il coronavirus di Pfizer-BioNTech il 23 agosto, altri stanno rapidamente seguendo.

Man mano che i regolamenti entrano in vigore e la variante Delta si diffonde in molte regioni del paese, alcuni ex scettici si stanno convincendo. L’amministrazione Biden ha affermato che circa 14 milioni di persone negli Stati Uniti hanno ricevuto il primo vaccino ad agosto, circa 4 milioni in più rispetto a luglio.

I furbi della rete

Online, una rete di leader religiosi in gran parte indipendenti si è offerta volontaria per fornire lettere di esenzione a coloro che ne fanno richiesta. Un evangelista indipendente in Texas offre lettere online in cambio di una donazione. In California, un pastore di una megachurch sta offrendo una lettera a chiunque selezioni una casella confermando che la persona è un “evangelico praticante che aderisce ai principi religiosi e morali delineati nella Sacra Bibbia“.

Le lettere non sono necessarie, dicono gli esperti, ma possono aiutare a sostenere che le obiezioni religiose al vaccino sono sincere.

Nella zona rurale di Hudson, Iowa, Sam Jones ha informato la sua piccola congregazione presso la Faith Baptist Church che è disposto a fornire loro una lettera di quattro paragrafi in cui si afferma che “un cristiano non ha alcun obbligo di obbedire a qualsiasi governo al di fuori dell’ambito designato da Dio.”

Ha detto che finora ha firmato circa 30 lettere ed è a conoscenza di una manciata di casi in cui l’esenzione religiosa di un membro è stata accettata dal datore di lavoro.

In Indiana, la diffidenza della signora Holmes sul vaccino è stata rafforzata dalla sua stessa ricerca. Si è sintonizzata su una conferenza “salute e libertà” ospitata da un conduttore di podcast anti-vaccino e ha scaricato materiali da America’s Frontline Doctors, un’organizzazione che spaccia false informazioni sui vaccini e promuove come trattamento il farmaco per il bestiame ivermectina, che il Food and La Drug Administration non ha approvato come trattamento contro il Covid e ha avvertito che può causare gravi danni a grandi dosi.

Poche settimane dopo aver presentato la sua richiesta di esenzione, il suo datore di lavoro ha richiesto maggiori informazioni, inviandole un modulo da compilare da un leader religioso per confermare le sue convinzioni. “La religione non richiede un leader”. Ma un pastore della sua chiesa, la EUM Church di Greenville, Ohio, ha accettato di compilare il modulo.

La signora Holmes è in attesa di una sentenza definitiva dal suo datore di lavoro. È disposta a perdere il lavoro se si arriva a questo. “Se non lotto per i miei diritti, chi lo farà?”


Articoli correlati

Giappone: Atami, salgono a 10 i morti in valanga di fango

Speranze ormai ridotte al lumicino per il ritrovamento in vita delle 18 persone che ancora mancano all’appello dopo la valanga

Cos’è la Nato. Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico

L’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico, più comunemente NATO è un’alleanza militare intergovernativa tra 27 paesi europei, 2 nordamericani e

Cuba revoca le restrizioni doganali su cibo e medicine dopo le proteste

Cuba ha annunciato che sta temporaneamente revocando le restrizioni sulla quantità di cibo e medicine che i viaggiatori possono portare