Trizio Consulting

Cos’è la Nato. Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico

Cos’è la Nato. Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico

L’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico, più comunemente NATO è un’alleanza militare intergovernativa tra 27 paesi europei, 2 nordamericani e 1 eurasiatico. L’organizzazione attua il Trattato del Nord Atlantico che è stato firmato il 4 aprile 1949.

Roma e la sua Arte

La NATO costituisce un sistema di sicurezza collettiva, in base al quale i suoi Stati membri indipendenti si impegnano a difendersi reciprocamente in risposta a un attacco di qualsiasi parte esterna. Il quartier generale della NATO si trova a Bruxelles, in Belgio, mentre il quartier generale delle operazioni del comando alleato è vicino a Mons, sempre in Belgio.

Dalla sua fondazione, l’ammissione di nuovi Stati membri ha aumentato l’alleanza dai 12 paesi originari a 30. L’ultimo stato membro ad essere aggiunto alla NATO è stato la Macedonia del Nord il 27 marzo 2020. La NATO attualmente riconosce la Bosnia ed Erzegovina, la Georgia e Ucraina come aspiranti membri. Altri 20 paesi partecipano al programma di partenariato per la pace della NATO, con altri 15 paesi coinvolti in programmi di dialogo istituzionalizzato. La spesa militare combinata di tutti i membri della NATO nel 2020 ha costituito oltre il 57% del totale globale. I membri hanno convenuto che il loro obiettivo è raggiungere o mantenere il limite di spesa per la difesa di almeno il 2% del loro PIL entro il 2024.

I Paesi aderenti alla Nato

La Nato e i Paesi aderenti

Il Trattato del Nord Atlantico del 4 aprile 1949, ha cercato di creare un contrappeso agli Eserciti sovietici di stanza nell’Europa centrale e orientale dopo la seconda guerra mondiale. I suoi membri originali erano Belgio, Canada, Danimarca, Francia, Islanda, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Norvegia, Portogallo, Regno Unito e Stati Uniti. Unendosi ai firmatari originali sono stati Grecia e Turchia (1952); Germania Ovest (1955; dal 1990 come Germania ); Spagna (1982); Repubblica Ceca, Ungheria e Polonia (1999); Bulgaria, Estonia, Lettonia, Lituania, Romania, Slovacchia e Slovenia (2004); Albania e Croazia (2009); Montenegro (2017); e Macedonia del Nord (2020). La Francia si ritirò dal comando militare integrato della NATO nel 1966 ma rimase membro dell’organizzazione; ha ripreso la sua posizione nel comando militare della NATO nel 2009.

Il cuore del trattato

…un attacco armato contro uno o più di loro in Europa o Nord America sarà considerato un attacco contro tutti loro; e di conseguenza convengono che, qualora si verificasse un tale attacco armato, ciascuno di essi, nell’esercizio del diritto all’autodifesa individuale o collettiva riconosciuto dall’articolo 51 della Carta delle Nazioni Unite, assisterà la Parte o le Parti così attaccate da intraprendere immediatamente, individualmente e di concerto con le altre Parti, le azioni che ritenga necessarie, compreso l’uso della forza armata, per ripristinare e mantenere la sicurezza dell’area del Nord Atlantico.

La NATO ha invocato per la prima volta l’articolo 5 dopo gli attacchi dell’11 settembre organizzati da Osama bin Laden che distrussero il World Trade Center di New York City e parte del Pentagono fuori Washington, DC, uccidendo circa 3.000 persone.

L’articolo 6 definisce l’ambito geografico del trattato in quanto copre “un attacco armato al territorio di una qualsiasi delle Parti in Europa o Nord America”. Altri articoli impegnano gli alleati a rafforzare le loro istituzioni democratiche, a costruire la loro capacità militare collettiva, a consultarsi a vicenda ea rimanere aperti a invitare altri stati europei ad aderire.

Storia della Nato

Dopo la seconda guerra mondiale nel 1945, l’Europa occidentale era economicamente esausta e militarmente debole, gli alleati occidentali avevano ridotto rapidamente e drasticamente i loro eserciti alla fine della guerra e in Francia e in Italia erano sorti nuovi potenti partiti comunisti. Al contrario, l’Unione Sovietica era emersa dalla guerra con i suoi eserciti che dominavano tutti gli stati dell’Europa centrale e orientale, e nel 1948 i comunisti sotto il patrocinio di Mosca avevano consolidato il loro controllo sui governi di quei paesi e soppresso tutta l’attività politica non comunista. Quello che divenne noto come la cortina di ferro, termine reso popolare da Winston Churchill, era scesa sull’Europa centrale e orientale. Inoltre, la cooperazione in tempo di guerra tra gli alleati occidentali e i sovietici era completamente interrotta. Ciascuna parte stava organizzando il proprio settore della Germania occupata, in modo che emergessero due stati tedeschi, uno democratico a ovest e uno comunista a est.

Nel 1948 gli Stati Uniti lanciarono il Piano Marshall, che ha infuso enormi quantità di aiuti economici ai paesi dell’Europa occidentale e meridionale a condizione che collaborassero tra loro per una pianificazione congiunta per accelerare la loro reciproca ripresa. Per quanto riguarda il recupero militare, ai sensi del Trattato di Bruxelles del 1948, Regno Unito, Francia e Belgio, Paesi Bassi e Lussemburgo hanno concluso un accordo di difesa collettiva chiamato Unione dell’Europa occidentale. Fu presto riconosciuto, tuttavia, che sarebbe stata necessaria un’alleanza più coesa per fornire un adeguato contrappeso militare ai sovietici.

A questo punto Gran Bretagna, Canada e Stati Uniti si erano già impegnati in colloqui esplorativi segreti sugli accordi di sicurezza che sarebbero serviti come alternativa alle Nazioni Unite (ONU), che stavano diventando burocraticamente bloccate dalla Guerra Fredda in rapida ascesa . Nel marzo 1948, a seguito di un colpo di stato comunista in Cecoslovacchia, i tre governi iniziarono le discussioni su uno schema multilaterale di difesa collettiva che avrebbe rafforzato la sicurezza occidentale e promosso i valori democratici. A queste discussioni si unirono infine Francia, Paesi Bassi e Norvegia e nell’aprile 1949 sfociarono nel Trattato del Nord Atlantico.

Il Trattato del Nord Atlantico rimase in gran parte dormiente fino a quando la guerra di Corea non avviò l’istituzione della NATO per attuarlo, per mezzo di una struttura militare integrata: ciò includeva la formazione del quartier generale supremo delle potenze alleate in Europa (SHAPE) nel 1951, che adottò l’esercito dell’Unione occidentale strutture e piani, compresi STANAG e SOFA. Nel 1952 fu istituita la carica di Segretario Generale della NATO come capo civile dell’organizzazione. Quell’anno vide anche le prime grandi esercitazioni marittime della NATO, l’ esercitazione Mainbrace e l’adesione di Grecia e Turchia all’organizzazione. A seguito delle Conferenze di Londra e Parigi, alla Germania occidentale fu permesso di riarmarsi militarmente, poiché si unì alla NATO nel maggio 1955, che fu, a sua volta, un fattore importante nella creazione del Patto di Varsavia dominato dai sovietici, delineando i due opposti schieramenti della Guerra Fredda.

Dal punto di vista politico, l’organizzazione ha cercato migliori relazioni con le nazioni dell’Europa centrale e orientale diventate autonome e durante questo periodo successivo alla Guerra Fredda sono stati istituiti forum diplomatici per la cooperazione regionale tra la NATO e i suoi vicini, tra cui il Partenariato per la Pace e l’iniziativa del Dialogo Mediterraneo nel 1994, il Consiglio di partenariato euro-atlantico nel 1997 e il Consiglio congiunto permanente NATO-Russia nel 1998. Al vertice di Washington del 1999, Ungheria, Polonia e Repubblica Ceca hanno aderito ufficialmente alla NATO e l’organizzazione ha anche emesso nuove linee guida per l’adesione a “Piani d’azione per l’adesione individualizzati”.

Questi piani hanno disciplinato l’aggiunta di nuovi membri dell’alleanza: Bulgaria, Estonia, Lettonia, Lituania, Romania, Slovacchia e Slovenia nel 2004, Albania e Croazia nel 2009, Montenegro nel 2017 e Macedonia del Nord nel 2020. L’elezione del presidente francese Nicolas Sarkozy nel 2007 ha portato a un’importante riforma della posizione militare della Francia, culminata con il ritorno alla piena adesione il 4 aprile 2009, che includeva anche il ritorno della Francia alla struttura di comando militare della NATO, pur mantenendo un deterrente nucleare indipendente.

Il ruolo della Germania

Una questione seria che la NATO doveva affrontare all’inizio e alla metà degli anni ’50 era la negoziazione della partecipazione della Germania occidentale all’alleanza. La prospettiva di una Germania riarmata fu comprensibilmente accolta con diffuso disagio ed esitazione nell’Europa occidentale, ma la forza del paese era stata a lungo riconosciuta come necessaria per proteggere l’Europa occidentale da una possibile invasione sovietica. Di conseguenza, gli accordi per la partecipazione “sicura” della Germania occidentale all’alleanza furono elaborati come parte degli accordi di Parigi dell’ottobre 1954, che ponevano fine all’occupazione del territorio della Germania occidentale da parte degli alleati occidentali e prevedevano sia la limitazione degli armamenti della Germania occidentale che la l’adesione del paese al Trattato di Bruxelles. Nel maggio 1955 la Germania Ovest si unì alla NATO, cosa che spinse l’Unione Sovietica a formare il Patto di Varsavia un’alleanza nell’Europa centrale e orientale. I tedeschi occidentali hanno successivamente contribuito con molte divisioni e consistenti forze aeree all’alleanza NATO. Alla fine della Guerra Fredda, circa 900.000 soldati, quasi la metà provenienti da sei paesi (Stati Uniti, Regno Unito, Francia, Belgio, Canada e Paesi Bassi), erano di stanza nella Germania occidentale.

Il ruolo della Francia

Le relazioni della Francia con la NATO divennero tese dopo il 1958, come presidente Charles de Gaulle ha sempre più criticato il dominio dell’organizzazione da parte degli Stati Uniti e l’intrusione nella sovranità francese dal numeroso personale e dalle attività internazionali della NATO. Ha sostenuto che tale “integrazione” ha sottoposto la Francia a una guerra “automatica” su decisione degli stranieri. Nel luglio 1966 la Francia si ritirò formalmente dalla struttura di comando militare della NATO e richiese alle forze e al quartier generale della NATO di lasciare il suolo francese; tuttavia, de Gaulle proclamò la continua adesione francese al Trattato del Nord Atlantico in caso di “aggressione non provocata”. Dopo che la NATO ha trasferito il suo quartier generale da Parigi a Bruxelles, la Francia ha mantenuto una relazione di collegamento con il personale militare integrato della NATO, ha continuato a sedere nel consiglio e ha continuato a mantenere e dispiegare forze di terra nella Germania occidentale, sebbene lo facesse in base a nuovi accordi bilaterali con i tedeschi occidentali piuttosto che sotto la giurisdizione della NATO. Nel 2009 la Francia è rientrata nella struttura di comando militare della NATO.

NATO durante la Guerra fredda

Fin dalla sua fondazione, lo scopo principale della NATO è stato quello di unificare e rafforzare la risposta militare degli Alleati occidentali a una possibile invasione dell’Europa occidentale da parte dell’Unione Sovietica e dei suoi Alleati del Patto di Varsavia. All’inizio degli anni ’50 la NATO faceva affidamento in parte sulla minaccia di una massiccia rappresaglia nucleare da parte degli Stati Uniti per contrastare le forze di terra molto più grandi del Patto di Varsavia. A partire dal 1957, questa politica fu integrata dal dispiegamento di armi nucleari americane nelle basi in Europa occidentale. La NATO in seguito ha adottato una strategia di “risposta flessibile”, che gli Stati Uniti hanno interpretato nel senso che una guerra in Europa non doveva degenerare in uno scambio nucleare totale. In base a questa strategia, molte forze alleate furono equipaggiate con armi nucleari da campo e da teatro americane con un sistema a doppio controllo (o “doppia chiave”), che consentiva sia al paese che ospitava le armi che agli Stati Uniti di porre il veto al loro uso. La Gran Bretagna mantenne il controllo del suo arsenale nucleare strategico, ma lo portò all’interno delle strutture di pianificazione della NATO; Le forze nucleari francesi sono rimaste completamente autonome.

Uno stallo convenzionale e nucleare tra le due parti è continuato attraverso la costruzione del muro di Berlino all’inizio degli anni ’60, la distensione negli anni ’70 e la ripresa delle tensioni della Guerra Fredda negli anni ’80 dopo l’invasione dell’Afghanistan da parte dell’Unione Sovietica nel 1979 e l’elezione del presidente degli Stati Uniti Ronald Reagan nel 1980. Dopo il 1985, tuttavia, riforme economiche e politiche di vasta portata introdotte dal leader sovietico Michail Gorbačëv hanno fondamentalmente alterato lo status quo. Nel luglio 1989 Gorbaciov annunciò che Mosca non avrebbe più sostenuto i governi comunisti nell’Europa centrale e orientale, segnalando così la sua tacita accettazione della loro sostituzione con amministrazioni liberamente elette (e non comuniste). L’abbandono da parte di Mosca del controllo sull’Europa centrale e orientale ha significato la dissipazione di gran parte della minaccia militare che il Patto di Varsavia aveva precedentemente rappresentato per l’Europa occidentale, un fatto che ha portato alcuni a mettere in dubbio la necessità di mantenere la NATO come organizzazione militare, specialmente dopo lo scioglimento del Patto di Varsavia nel 1991. La riunificazione della Germania nell’ottobre 1990 e il mantenimento dell’appartenenza alla NATO hanno creato sia la necessità che l’opportunità di trasformare la NATO in un’alleanza più “politica” dedicata al mantenimento della stabilità internazionale in Europa.

La NATO nell’era del dopo Guerra Fredda

Dopo la Guerra Fredda, la NATO è stata concepita come un’organizzazione di “sicurezza cooperativa” il cui mandato era di includere due obiettivi principali: promuovere il dialogo e la cooperazione con gli ex avversari del Patto di Varsavia e “gestire” i conflitti nelle aree alla periferia europea, come i Balcani. In linea con il primo obiettivo, la NATO ha stabilito il Consiglio di cooperazione del Nord Atlantico nel 1991, successivamente sostituito dal Consiglio di partenariato euro-atlantico per fornire un forum per lo scambio di opinioni su questioni politiche e di sicurezza, nonché il Programma Partnership for Peace (PfP) (1994) per migliorare la sicurezza e la stabilità europea attraverso esercitazioni militari congiunte con stati NATO e non NATO, comprese le ex repubbliche sovietiche e gli alleati. Sono stati inoltre instaurati speciali legami di cooperazione con due paesi del PfP: Russia e Ucraina.

Il secondo obiettivo prevedeva il primo utilizzo della forza militare da parte della NATO, quando entrò in guerra Bosnia ed Erzegovina nel 1995 organizzando attacchi aerei contro le posizioni serbo-bosniache intorno alla capitale Sarajevo. Gli accordi di Dayton, siglati dai rappresentanti della Bosnia-Erzegovina, della Repubblica di Croazia e della Repubblica Federale di Jugoslavia, impegnavano ciascuno stato a rispettare la sovranità degli altri e a risolvere pacificamente le controversie; ha anche gettato le basi per lo stazionamento delle truppe di mantenimento della pace della NATO nella regione. Inizialmente è stata dispiegata una Forza di attuazione (IFOR) di 60.000 uomini, sebbene un contingente più piccolo sia rimasto in Bosnia con un nome diverso, Forza di stabilizzazione (SFOR). Nel marzo 1999 la NATO ha lanciato massicci attacchi aerei contro la Serbia nel tentativo di costringere il governo jugoslavo di Slobodan Milošević ad aderire alle disposizioni diplomatiche volte a proteggere la popolazione albanese a maggioranza musulmana nella provincia del Kosovo. Secondo i termini di una soluzione negoziata ai combattimenti, la NATO ha schierato una forza di mantenimento della pace chiamata Kosovo Force (KFOR).

La crisi del Kosovo e la conseguente guerra hanno dato nuovo impulso agli sforzi dell’Unione Europea per costruire una nuova forza di intervento in caso di crisi, che renderebbe l’UE meno dipendente dalle risorse militari della NATO e degli Stati Uniti per la gestione dei conflitti. Questi sforzi hanno suscitato dibattiti significativi sul fatto che il rafforzamento delle capacità difensive dell’UE rafforzerebbe o indebolirebbe la NATO. Allo stesso tempo, si è discusso molto del futuro della NATO nell’era del dopo Guerra Fredda. Alcuni osservatori hanno sostenuto che l’alleanza dovrebbe essere sciolta, osservando che è stata creata per affrontare un nemico che non esiste più; altri hanno chiesto l’inclusione di un’ampia espansione dell’adesione alla NATO della Russia. Ruoli alternativi più suggeriti, incluso il mantenimento della pace.

Durante la presidenza di Bill Clinton (1993-2001), gli Stati Uniti hanno condotto un’iniziativa per ampliare gradualmente l’adesione alla NATO per includere alcuni degli ex alleati sovietici. Nel dibattito simultaneo sull’allargamento, i sostenitori dell’iniziativa hanno sostenuto che l’adesione alla NATO era il modo migliore per iniziare il lungo processo di integrazione di questi stati nelle istituzioni politiche ed economiche regionali come l’UE. Alcuni temevano anche una futura aggressione russa e suggerivano che l’adesione alla NATO avrebbe garantito libertà e sicurezza ai nuovi regimi democratici. Gli oppositori hanno sottolineato l’enorme costo della modernizzazione delle forze militari dei nuovi membri; hanno anche affermato che l’allargamento, che la Russia considererebbe una provocazione, ostacolerebbe la democrazia in quel paese e rafforzare l’influenza degli intransigenti. Nonostante questi disaccordi, la Repubblica Ceca, l’Ungheria e la Polonia hanno aderito alla NATO nel 1999; Bulgaria, Estonia, Lettonia, Lituania, Romania, Slovacchia e Slovenia sono state ammesse nel 2004; e Albania e Croazia hanno aderito all’alleanza nel 2009.

Nel frattempo, all’inizio del 21° secolo, la Russia e la NATO avevano stretto una relazione strategica. Non più considerata il principale nemico della NATO, la Russia ha consolidato un nuovo legame di cooperazione con la NATO nel 2001 per affrontare problemi comuni come il terrorismo internazionale, la non proliferazione nucleare e il controllo degli armamenti. Questo legame è stato successivamente soggetto a logoramento, tuttavia, in gran parte a causa di ragioni associate alla politica interna russa.

Gli eventi successivi agli attacchi dell’11 settembre 2001 hanno portato alla formazione di una nuova dinamica all’interno dell’alleanza, che ha favorito sempre più l’impegno militare dei membri al di fuori dell’Europa, inizialmente con una missione contro le forze talebane in Afghanistan a partire dall’estate del 2003 e successivamente con operazioni aeree contro il regime di Muammar al-Gheddafi in Libia all’inizio del 2011. Come risultato del ritmo accresciuto delle operazioni militari intraprese dall’alleanza, è stata ripresa l’annosa questione della “condivisione degli oneri”, con alcuni funzionari che hanno avvertito che una mancata condivisione dei costi delle operazioni della NATO in modo più equa sarebbe portare allo scioglimento dell’alleanza. All’epoca, tuttavia, la maggior parte degli osservatori considerava quello scenario improbabile. Successivamente, la questione della condivisione degli oneri è stata sollevata ancora una volta dal presidente degli Stati Uniti Donald Trump, che ha ripetutamente criticato altri membri della NATO per non aver destinato una parte sufficiente dei loro budget alla spesa per la difesa.

La struttura della Nato

Tutte le agenzie e le organizzazioni della NATO sono integrate nei ruoli esecutivi civili, amministrativi o militari. Per la maggior parte svolgono ruoli e funzioni che supportano direttamente o indirettamente il ruolo di sicurezza dell’alleanza nel suo insieme.

La struttura civile comprende:

  • Il Consiglio Nord Atlantico (NAC) è l’organo che ha un’autorità di governance effettiva e poteri decisionali nella NATO, composto da rappresentanti permanenti degli Stati membri o rappresentanti di livello superiore come ministri degli affari esteri o della difesa, o capi di stato o di governo. La NAC si riunisce almeno una volta alla settimana e prende decisioni importanti in merito alle politiche della NATO. Le riunioni del Consiglio Nord Atlantico sono presiedute dal Segretario Generale e, quando devono essere prese decisioni, l’azione è concordata per consenso. Non c’è voto o decisione a maggioranza. Ogni nazione rappresentata al tavolo del Consiglio o in uno qualsiasi dei suoi comitati subordinati conserva la completa sovranità e responsabilità delle proprie decisioni.
  • Quartier generale della NATO, situato in Boulevard Léopold III/Leopold III-laan, B-1110 Bruxelles, che si trova nel comune della città di Bruxelles. Il personale del Quartier generale è composto da delegazioni nazionali dei paesi membri e comprende uffici di collegamento civili e militari e ufficiali o missioni diplomatiche e diplomatici dei paesi partner, nonché lo Stato maggiore internazionale e lo Stato maggiore militare internazionale costituiti da membri in servizio del forze armate degli Stati membri. Gruppi di cittadini non governativi sono cresciuti anche a sostegno della NATO, in generale sotto la bandiera del movimento di Associazione Consiglio Atlantico / Trattato Atlantic

La struttura militare comprende:

  • Il Comitato militare (MC) è l’organismo della NATO composto dai capi della difesa (CHOD) degli Stati membri e fornisce consulenza al Consiglio Nord Atlantico (NAC) sulla politica e la strategia militare. I CHOD nazionali sono regolarmente rappresentati nell’MC dai loro rappresentanti militari permanenti (MilRep), che spesso sono ufficiali di bandiera a due o tre stelle. Come il consiglio, di tanto in tanto anche il Comitato militare si riunisce a un livello superiore, vale a dire a livello di capi della difesa , l’ufficiale militare più anziano delle forze armate di ciascuna nazione. L’MC è guidato dal suo presidente , che dirige le operazioni militari della NATO. Fino al 2008 il Comitato militare ha escluso la Francia, a causa della decisione di quel paese nel 1966 di rimuoversi dalla struttura di comando militare della NATO , a cui è rientrato nel 1995. Fino a quando la Francia non è rientrata nella NATO, non era rappresentata nel Comitato per la pianificazione della difesa e ciò ha portato a conflitti tra essa e i membri della NATO. [141] Tale era il caso in vista dell’Operazione Iraqi Freedom. Il lavoro operativo del comitato è sostenuto dallo Stato maggiore militare internazionale
  • Allied Command Operations (ACO) è il comando NATO responsabile delle operazioni NATO in tutto il mondo.
  • Il Rapid Deployable Corps include, tra gli altri, Eurocorps , I. German/Dutch Corps , Multinational Corps Northeast e NATO Rapid Deployable Italian Corps , nonché le forze navali di alta prontezza (HRF), che fanno tutte capo alle operazioni del comando alleato.
  • Allied Command Transformation (ACT), responsabile della trasformazione e dell’addestramento delle forze NATO.

Le organizzazioni e le agenzie della NATO includono:

  • Il quartier generale dell’Agenzia di supporto della NATO sarà a Capellen in Lussemburgo (sede dell’attuale Agenzia di manutenzione e approvvigionamento della NATO – NAMSA).
  • Il quartier generale dell’Agenzia delle comunicazioni e dell’informazione della NATO sarà a Bruxelles, così come il personale molto piccolo che progetterà la nuova Agenzia per gli appalti della NATO.
  • Entro luglio 2012 sarà creata una nuova Organizzazione della NATO per la scienza e la tecnologia , composta da Chief Scientist, un Ufficio del programma per la S&T collaborativa e il Centro di ricerca sottomarina della NATO (NURC).
  • L’attuale Agenzia di standardizzazione della NATO continuerà e sarà soggetta a revisione entro la primavera del 2014.

L’Assemblea parlamentare della NATO (NATO PA) è un organismo che fissa obiettivi strategici generali per la NATO, che si riunisce in due sessioni all’anno. La NATO PA interagisce direttamente con le strutture parlamentari dei governi nazionali degli Stati membri che nominano Membri Permanenti, o ambasciatori presso la NATO. L’Assemblea parlamentare della NATO è composta da legislatori dei paesi membri dell’Alleanza del Nord Atlantico e da tredici membri associati. Tuttavia è ufficialmente una struttura diversa dalla NATO e ha come scopo di unirsi ai deputati dei paesi della NATO per discutere le politiche di sicurezza in seno al Consiglio della NATO.


Articoli correlati

La battaglia di Poitiers, 732 d.C. Carlo Martello annienta gli arabi

Il 10 ottobre del 732 d.C, il generale dei Franchi Carlo Martello annienta l’esercito degli arabi, bloccando l’invasione musulmana dell’Europa.

Crisi energetica in Inghilterra. Cosa c’è dietro?

Proprio mentre le economie sembravano tornare alla normalità, una crisi energetica ha colpito la Gran Bretagna, il resto dell’Europa e

Duemila firme per una donna al Quirinale

Le firme a sostegno della petizione lanciata a dicembre da Aidda, l’associazione delle donne imprenditrici, per chiedere che una donna