Trizio Consulting

Conduttore televisivo ucraino cita l’SS Adolf Eichmann per incitare al genocidio

Conduttore televisivo ucraino cita l’SS Adolf Eichmann per incitare al genocidio

Legio X Equestris

Un conduttore televisivo ucraino usa la citazione di Adolf Eichmann per sostenere il genocidio dei russi e l’uccisione dei loro figli.

Citando il criminale di guerra nazista Adolf Eichmann, il presentatore televisivo ucraino Fahruddin Sharafmal ha chiesto ai suoi connazionali di distruggere la nazione russa uccidendo i loro figli e ha esortato gli ucraini a “uccidere almeno un Moskal” ciascuno. Moskal è un termine dispregiativo per indicare il cittadino russo.

Il video dell’apparizione di Sharafmal in uno spettacolo mattutino di Canale 24 è diventato virale, anche se era intitolato “giorno 17 della guerra russo-ucraina”. Nel video il commentatore pare molto scosso perché un suo amico era stato ucciso, Sharafmal si lancia quindi in un appello al genocidio citando il famigerato ufficiale delle SS.

Mi permetto di citare Adolf Eichmann, il quale diceva che per distruggere una nazione bisogna prima di tutto distruggere i suoi figli. Perché se uccidi i loro genitori, i bambini cresceranno e si vendicheranno. Uccidendo i bambini, non cresceranno mai e la nazione scomparirà“, ha detto, mentre sullo schermo è apparsa una foto di Eichmann.

Eichmann era un alto ufficiale delle SS che ha svolto un ruolo chiave nella creazione dei campi di sterminio nazisti durante la seconda guerra mondiale. Nonostante fosse fuggito in America Latina, fu catturato e processato in Israele nel 1960 e condannato a morte per i suoi crimini di guerra.

Mentre la Convenzione di Ginevra proibisce ai soldati ucraini di uccidere bambini, ha proseguito Sharafmal, lui non ne è vincolato. “E quando avrò la possibilità di eliminare i russi, lo farò sicuramente. Dal momento che mi chiami nazista, aderisco alla dottrina di Adolf Eichmann e farò tutto ciò che è in mio potere per garantire che tu e i tuoi figli non vivrai mai su questa terra“, ha aggiunto.

Devi capire che si tratta della vittoria del popolo ucraino, non della pace. Abbiamo bisogno della vittoria. E se dobbiamo massacrare tutte le vostre famiglie, sarò uno dei primi a farlo“, ha detto Sharafmal. “E spero che non ci sarà mai più una nazione come la Russia e i russi su questa terra“.

Se gli ucraini hanno l’opportunità, cosa che stanno praticamente facendo in questo momento, di distruggere, massacrare, uccidere, strangolare i Moskal, spero che tutti contribuiscano e uccidano almeno un Moskal“, ha concluso.

Lo sfondo dietro Sharafmal mostrava la frase “nave da guerra russa, vaffanculo”, in ucraino – le parole presumibilmente dette dalle truppe sull’isola dei serpenti che Kiev sosteneva fossero morte eroicamente, prima che tornassero però tutti vivi, dopo essersi arrese ai russi Marina Militare.

Channel 24 ha sede a Kiev, ma è di proprietà del conglomerato mediatico TRK Lux, secondo quanto riferito da Kateryna Kit-Sadova e suo marito Andrey, sindaco di Lvov nell’Ucraina occidentale.

Fonti: Youtube – dailytelegraph.co.nz – Twitter


Tag assegnati a questo articolo:
RussiaUcraina

Articoli correlati

Giorgia Meloni: «Giusto mandare le armi in Ucraina»

Giorgia Meloni leader di Fratelli d’Italia durante una intervista ha spiegato la sua approvazione all’invio di armi all’Ucraina. «All’Ucraina è

Clima. L’assedio dei Youth4 Climate alla politica

In occasione della sua partecipazione all’evento “Youth4 Climate: Driving Ambition”, il Presidente del Consiglio, Mario Draghi, ha incontrato a Milano

Intervista a Sonia Sandei del Gruppo Enel: le donne nella transizione green, digitale, energetica

Abbiamo intervistato Sonia Sandei per Scripta Manent. Da gennaio 2021 Sonia Sandei è Head of Electrification del Gruppo Enel, già