Trizio Consulting

Yoshihide Suga, primo ministro giapponese rinuncia alla rielezione

Yoshihide Suga, primo ministro giapponese rinuncia alla rielezione

Meno di un anno dopo essere diventato primo ministro del Giappone, Yoshihide Suga ha dichiarato che non avrebbe cercato la rielezione a capo del partito di governo, aprendo la strada a un nuovo leader dopo il suo mandato storicamente impopolare.

Roma e la sua Arte

Suga, 72 anni, ha assunto la carica di primo ministro dopo che Shinzo Abe, il primo ministro più longevo del Giappone, si è dimesso lo scorso agosto a causa di problemi di salute. Suga, figlio di un coltivatore di fragole e di una insegnante del nord rurale del paese, era stato sempre una delle seconde file del partito e ha lavroato dietro le quinte e spesso sembrava a disagio come leader di fronte al pubblico.

La sua dimissione anticipata minaccia di riportare il Giappone, nel bel mezzo della sua peggiore ondata di coronavirus, all’instabilità della leadership che ha segnato il periodo dei quasi otto anni consecutivi al potere di Abe. Durante quel periodo, il paese ha sfornato sei primi ministri in sei anni, incluso lo stesso Abe.

In una conferenza stampa convocata in fretta e furia, Suga ha affermato di voler concentrarsi sulla gestione della pandemia piuttosto che sulla campagna di rielezione. Con il concorso per la leadership del partito programmato per il 17 settembre, ha detto: “Mi sono reso conto che ho bisogno di un’enorme energia” e “Non posso fare entrambe le cose. Devo sceglierne uno“.

Nei giorni precedenti l’annuncio Suga sembrava di voler salvare la sua leadership, che era stata perseguitata dal crollo dei voti tra l’insoddisfazione pubblica per la gestione della pandemia e delle Olimpiadi da parte della sua amministrazione .

Quando un rivale, l’ex ministro degli Esteri Fumio Kishida, ha annunciato il mese scorso che si sarebbe candidato alla guida del Partito Liberal Democratico al governo, sono circolate voci secondo cui Suga avrebbe potuto sciogliere il Parlamento in anticipo e indire elezioni generali in un ultimo disperato tentativo di mantenere la sua posizione.

Alcuni ipotizzavano che avrebbe rimescolato il suo governo e altre posizioni di leadership all’interno del partito. Ma alla fine, con i casi di coronavirus che hanno raggiunto livelli record e gli ospedali che non hanno posto per i pazienti nel mezzo di un traballante campagna di vaccinazione, a quanto pare ha deciso di lasciare.

La corsa per sostituire Suga con il voto del 29 settembre per il leader dei liberaldemocratici appare relativamente aperta.

Kishida, l’ex ministro degli esteri, è per ora l’unico candidato dichiarato questa settimana, anche se un ex ministro delle comunicazioni, Sanae Takaichi – che era uno dei pochi membri donne del gabinetto di Abe – ha espresso interesse. Poche ore dopo che Suga ha fatto il suo annuncio, Taro Kono, liberale, ex ministro degli Esteri e della Difesa e più recentemente alla guida della campagna vaccini, ha detto che si stava consultando con gli alleati sull’opportunità di candidarsi.

Il vincitore della corsa alla leadership del partito molto probabilmente sarà designato primo ministro dal Parlamento e quindi condurrà il partito alle elezioni generali che devono tenersi entro la fine del mese prossimo. I liberaldemocratici hanno tenuto il potere in Giappone per quasi tutto l’intero dopoguerra e l’opposizione è stata allo sbando negli ultimi dieci anni, dopo essere stata accusata di una risposta mal gestita al disastro nucleare di Fukushima.

I liberaldemocratici, sebbene favoriti in modo schiacciante per mantenere il potere, potrebbero ancora cercare un vantaggio strategico installando un nuovo primo ministro nelle settimane prima delle elezioni generali.

L’opposizione “avrà difficoltà a correre contro qualcuno che forse si sta godendo una luna di miele e sembra un cambiamento nuovo, fresco e promettente che fa sentire le persone un po’ più ottimiste”, ha affermato Tobias Harris, un membro anziano del Center for American Progress a Washington. e specialista in politica giapponese.


Articoli correlati

L’ONU vota per condannare l’invasione russa dell’Ucraina e chiede il ritiro

Le Nazioni Unite hanno votato a stragrande maggioranza per una risoluzione che deplora l’invasione russa dell’Ucraina e hanno chiesto il

Intervista a Sonia Sandei del Gruppo Enel: le donne nella transizione green, digitale, energetica

Abbiamo intervistato Sonia Sandei per Scripta Manent. Da gennaio 2021 Sonia Sandei è Head of Electrification del Gruppo Enel, già

Salvini: no all’obbligo vaccinale

“La Lega – dice Salvini – ha scelto di entrare in questo governo di emergenza per responsabilità e amore per l’Italia