Trizio Consulting

Kazakistan. Uffici governativi bruciano durante le proteste

Kazakistan. Uffici governativi bruciano durante le proteste

La rabbia scatenata dall’aumento del prezzo del gas nella nazione dell’Asia centrale più ricca di risorse è aumentata nonostante le concessioni del governo e un rigoroso stato di emergenza.



Migliaia di persone sono in piazza in tutto il Kazakistan per le manifestazioni guidate dall’indignazione per l’aumento dei prezzi del gas, nella più grande ondata di proteste nel paese più ricco di petrolio da decenni.

I manifestanti hanno preso d’assalto gli edifici del governo e hanno catturato veicoli e poliziotti nonostante un rigoroso stato di emergenza e i tentativi del governo di accettare alcune loro richieste, anche licenziando il governo e annunciando il possibile scioglimento del Parlamento, che porterebbe a nuove elezioni. Kazakhtelecom, la più grande compagnia di telecomunicazioni del paese, ha bloccato l’accesso a Internet in tutto il paese mercoledì pomeriggio.

La rabbia cresce da quando i kazaki hanno iniziato a protestare dopo che il governo ha revocato i massimali sui prezzi del gas di petrolio liquefatto – GPL – e il costo del carburante è raddoppiato.

Molte persone nel paese hanno trovato l’aumento dei prezzi particolarmente irritante perché il Kazakistan è un esportatore di petrolio e gas. Si è aggiunto alla miseria economica in un paese in cui la pandemia di coronavirus ha esacerbato la grave disuguaglianza di reddito.

Da allora, i manifestanti hanno chiesto le dimissioni del governo che ha attuato politiche autoritarie che hanno guidato il paese senza alcuna opposizione sostanziale da quando ha ottenuto l’indipendenza dall’Unione Sovietica nel 1991.

Gli sviluppi hanno fatto precipitare il Kazakistan, che era considerato politicamente ed economicamente stabile ed è al centro di quella che il presidente Vladimir Putin vede come la sfera di influenza del Cremlino, nel caos e nello sconvolgimento.

Licenziato il primo ministro

Il presidente del Kazakistan, Kassym-Jomart Tokayev, ha annunciato mercoledì che avrebbe licenziato il primo ministro e il suo intero gabinetto e imposto un rigoroso stato di emergenza di due settimane in gran parte del Paese.

, Kassym-Jomart Tokayev
, Kassym-Jomart Tokayev

Dopo che queste misure non sono riuscite a placare i manifestanti, Tokayev ha fatto un altro discorso televisivo, annunciando la sua decisione di assumere tutte le leve formali del potere e promettendo di “agire con la massima tenacia”.

Tokayev ha detto che ora guida il Consiglio di sicurezza del paese, ruolo precedentemente occupato da Nursultan Nazarbayev, leader di lunga data del Kazakistan, che ha scelto Tokayev come suo successore.

Nazarbayev è formalmente riconosciuto come “leader della nazione” e la capitale del paese è stata ribattezzata in suo onore nel 2019 in “Nur Sultan”. È stato considerato da molti come il leader ombra del Kazakistan nonostante una formale transizione del potere a Tokayev.

Tokayev ha licenziato Samat Abish, nipote di Nazarbayev, dalla carica di primo vice capo del servizio di sicurezza nazionale del paese.

Parlando dei disordini, Tokayev ha affermato che le proteste sono state “altamente organizzate” come parte di un “piano meticolosamente studiato di cospiratori, motivati ​​finanziariamente“. Ha detto che le persone erano state “uccise e ferite” e che “folle di banditi hanno picchiato e deriso i militari, li hanno portati nudi per le strade, hanno abusato delle donne e hanno derubato i negozi”.

E’ stato imposto lo stato di emergenza compreso il coprifuoco notturno; restrizioni alla circolazione, compresi i limiti all’ingresso e all’uscita da Almaty, la città più grande del paese; e il divieto di assembramenti.

Il governo ha bloccato i siti di social network e le app di chat tra cui Facebook, WhatsApp, Telegram e, per la prima volta, l’app cinese WeChat. Tutte le proteste pubbliche senza permesso erano già illegali.

La disuguaglianza in Kazakistan

La pandemia di coronavirus ha esacerbato la disuguaglianza, con prezzi in rapido aumento che colpiscono più duramente i poveri, ha affermato. Il problema principale, tuttavia, era più fondamentale: il governo kazako, ha affermato, “ha rimosso tutti i modi legali di partecipare alla politica”.

“Le persone non hanno intermediari politici che risolvano i problemi che esistono nel paese”, ha detto in un’intervista telefonica da Aktau. “Il Kazakistan è ricco, ma le sue risorse naturali non funzionano nell’interesse di tutti: funzionano nell’interesse di un piccolo gruppo di persone”.

La disparità di reddito è stata particolarmente pungente durante le festività natalizie, ha affermato. Sebbene alcuni kazaki siano andati in vacanza a Dubai, ha detto, la maggior parte ha dovuto capire come sopravvivere con stipendi esigui.

Lo stipendio medio in Kazakistan è l’equivalente di 570 euro al mese, secondo l’autorità di statistica locale. La maggior parte delle persone guadagna solo una frazione di tale importo.

Mentre le proteste si sono sviluppate, le richieste dei manifestanti si sono ampliate per includere una più ampia liberalizzazione politica. Tra i cambiamenti che cercano c’è l’elezione diretta dei leader regionali del Kazakistan da parte degli elettori; nel sistema attuale, sono nominati direttamente dal presidente.


Articoli correlati

Israele nega i matrimoni misti. La vita difficile delle coppie

Ci sono ancora tante cose da sistemare in Israele, una di queste è sicuramente la gestione delle coppie miste, tra

Iran. Ebrahim Raisi: linea dura sull’accordo nucleare

Il neoeletto presidente iraniano ha comunicato che il suo governo adotterà una linea più dura con i negoziati sull’accordo nucleare

La battaglia di Poitiers, 732 d.C. Carlo Martello annienta gli arabi

Il 10 ottobre del 732 d.C, il generale dei Franchi Carlo Martello annienta l’esercito degli arabi, bloccando l’invasione musulmana dell’Europa.