Trizio Consulting

La Magna Carta Libertatum. Cos’è

La Magna Carta Libertatum. Cos’è

La Magna Carta Libertatum, “Grande Carta delle Libertà”, comunemente chiamata Magna Carta, è una carta reale dei diritti concordati da re Giovanni d’Inghilterra a Runnymede, vicino a Windsor, il 15 giugno 1215.

Roma e la sua Arte

La Magna Carta in breve

Scritta per la prima volta dall’arcivescovo di Canterbury Stephen Langton per tentare la pace tra il re e un gruppo di baroni, prometteva la protezione dei diritti della chiesa, la protezione dei baroni dalla detenzione illegale, l’accesso a una giustizia rapida e le limitazioni ai pagamenti feudali alla Corona, da attuare attraverso un consiglio di 25 baroni. Nessuna delle due parti sostenne i propri impegni e lo statuto fu annullato da papa Innocenzo III, portando alla prima guerra dei baroni.

Dopo la morte di Giovanni, il governo di reggenza di suo figlio, Enrico III, ripubblicò il documento nel 1216, spogliato di alcuni dei suoi contenuti più radicali, nel tentativo infruttuoso di creare sostegno politico per la loro causa. Alla fine della guerra, nel 1217, fece parte del trattato di pace stipulato a Lambeth, dove il documento acquisì il nome di ‘Magna Carta‘, per distinguerlo dalla più piccola Carta della Foresta che fu emanata contemporaneamente. A corto di fondi, Enrico riemise nuovamente lo statuto nel 1225 in cambio della concessione di nuove tasse. Suo figlio, Edoardo I, ripeté la stessa cosa nel 1297, questa volta confermandolo come parte della legge sullo statuto dell’Inghilterra. La carta divenne parte della vita politica inglese e veniva rinnovata da ciascun monarca a turno, sebbene con il passare del tempo e il nascente Parlamento inglese che approvava nuove leggi, perse parte del suo significato pratico.

Re Giovanni che firma la Magna Carta il 15 giugno 1215 a Runnymede, in Inghilterra

Alla fine del XVI secolo si assiste a un’impennata di interesse per la Magna Carta. Avvocati e storici dell’epoca credevano che esistesse un’antica costituzione inglese, risalente ai tempi degli anglosassoni, che proteggeva le libertà individuali inglesi. Sostenevano che l’invasione normanna del 1066 avesse rovesciato questi diritti e che la Magna Carta fosse stato un tentativo di ripristinarli, rendendo la carta una base essenziale per i poteri contemporanei del Parlamento e principi legali come l’habeas corpus.

Sebbene questo resoconto storico fosse completamente imperfetto, giuristi come Sir Edward Coke usarono ampiamente la Magna Carta all’inizio del XVII secolo, argomentando contro il diritto divino dei re. Giacomo I e suo figlio Carlo I tentarono di sopprimere la discussione sulla Magna Carta.

Il mito politico della Magna Carta e della sua protezione delle antiche libertà personali persiste anche dopo la Gloriosa Rivoluzione o Seconda rivoluzione inglese del 1688 fino a buona parte del XIX secolo. Ha influenzato i primi coloni americani nelle Tredici Colonie e la formazione della Costituzione degli Stati Uniti, che divenne la legge suprema della terra nella nuova repubblica degli Stati Uniti. Gli storici hanno dimostrato che la carta originale del 1215 riguardava il rapporto medievale tra il monarca e i baroni, piuttosto che i diritti della gente comune, ma la carta è rimasta un documento potente e iconico, anche dopo che quasi tutto il suo contenuto venne stato abrogato dagli statuti nel XIX e XX secolo. Tre clausole (1, 9 e 29) restano in vigore in Inghilterra e Galles.

La Magna Carta costituisce ancora oggi un importante simbolo di libertà, spesso citato da politici e attivisti, ed è tenuto in grande rispetto dalle comunità legali britanniche e americane, Lord Denning lo descrive come “il più grande documento costituzionale di tutti i tempi: il fondamento del libertà dell’individuo contro l’autorità arbitraria del despota“. Esistono quattro esemplificazioni della carta originale del 1215, due alla British Library, una al Lincoln Castle e una alla Cattedrale di Salisbury. Ci sono anche una manciata di carte successive di proprietà pubblica e privata, comprese le copie della carta 1297 sia negli Stati Uniti che in Australia. Sebbene gli studiosi si riferiscano alle 63 “clausole” numerate della Magna Carta, questo è un moderno sistema di numerazione, introdotto da Sir William Blackstone nel 1759; la carta originale formava un unico, lungo testo ininterrotto. Le quattro carte originali del 1215 sono state esposte insieme alla British Library per un giorno, il 3 febbraio 2015, in occasione dell’800° anniversario della Magna Carta.

L’importanza politica della Magna Carta

All’inizio del XVII secolo, la Magna Carta divenne sempre più importante come documento politico nelle discussioni sull’autorità della monarchia inglese. Giacomo I e Carlo I proposero entrambi una maggiore autorità per la Corona, giustificata dalla dottrina del diritto divino dei re, e la Magna Carta fu ampiamente citata dai loro oppositori per sfidare la monarchia.

La Magna Carta, si sosteneva, riconosceva e tutelava la libertà dei singoli inglesi, assoggettava il Re al diritto comune della terra, formava l’origine del processo con una giuria, e riconosceva le antiche origini del Parlamento: grazie alla Magna Carta e questa antica costituzione, un monarca inglese non poteva alterare queste usanze inglesi di vecchia data. Sebbene gli argomenti basati sulla Magna Carta fossero storicamente imprecisi, avevano comunque un potere simbolico, poiché la carta aveva un significato immenso durante questo periodo; antiquari come Sir Henry Spelman lo descrissero come “l’ancora più maestosa e sacrosanta delle libertà inglesi“.

Sir Henry Spelman
Sir Henry Spelman

Sir Edward Coke è stato un leader nell’uso della Magna Carta come strumento politico durante questo periodo. Mentre stava ancora lavorando alla versione del testo del 1225 – la prima copia stampata della carta del 1215 emerse solo nel 1610 – parlò e scrisse ripetutamente della Magna Carta. Il suo lavoro è stato contestato all’epoca da Lord Ellesmere, e storici moderni come Ralph Turner e Claire Breay hanno criticato il suo lavoro dicendo che aveva “frainteso” la carta originale “anacronisticamente e acriticamente” e adottando un approccio “molto selettivo” alla sua analisi.

Il primo tentativo di una corretta storiografia fu intrapreso da Robert Brady, che confutava la presunta antichità del Parlamento e credeva nell’immutabile continuità della legge. Brady si rese conto che le libertà della Carta erano limitate e sostenne che le libertà erano la concessione del re. Inserendo la Magna Carta nel contesto storico, ha messo in dubbio la sua attualità politica; la sua comprensione storica non sopravvisse alla Gloriosa Rivoluzione, che, secondo lo storico JGA Pocock , “segnò una battuta d’arresto per il corso della storiografia inglese“.

La Magna Carta nell’era moderna

La Magna Carta continua ad avere un potente status iconico nella società britannica, essendo citata da politici e avvocati a sostegno delle posizioni costituzionali. La garanzia di un processo con una giuria e altre libertà civili, ad esempio, hanno portato al riferimento verso la Magna Carta da parte di Tony Benn al dibattito del 2008 sull’opportunità di aumentare il tempo massimo di detenzione senza accusa dei sospetti di terrorismo da 28 a 42 giorni come “il giorno dell’abrogazione della Magna Carta“.

Sebbene raramente invocati in tribunale nell’era moderna, nel 2012 i manifestanti di Occupy London hanno tentato di utilizzare la Magna Carta per resistere allo sfratto dal cimitero di St. Paul da parte della City di Londra.

Occupy London
Occupy London

La Magna Carta ha poco peso legale nella Gran Bretagna moderna, poiché la maggior parte delle sue clausole sono state abrogate e i diritti pertinenti sono assicurati da altri statuti, ma lo storico James Holt osserva che la sopravvivenza della Carta del 1215 nella vita nazionale è un “riflesso del continuo sviluppo dell’English Law and Administration” e simbolo delle numerose lotte tra autorità e diritto nel corso dei secoli. Lo storico WL Warren ha osservato che “molti che sapevano poco e si preoccupavano meno del contenuto della Carta hanno, in quasi tutte le epoche, invocato il suo nome, e con giusta causa, perché significava più di quanto dicesse“.

Rimane anche un argomento di grande interesse per gli storici; Natalie Fryde ha definito la carta per molti versi ancora un “testo sacro”, la Magna Carta è generalmente considerata parte della costituzione non codificata del Regno Unito; in un discorso del 2005, Lord Woolf, l’ha descritta come “il primo di una serie di strumenti che ora sono riconosciuti come aventi uno status costituzionale speciale”.

La Magna Carta fu ristampata in Nuova Zelanda nel 1881 come uno degli atti imperiali in vigore nel Paese. La clausola 29 del documento rimane in vigore come parte della legge neozelandese.

Il documento continua anche ad essere onorato negli Stati Uniti come antecedente della Costituzione e della Carta dei diritti degli Stati Uniti. Nel 1976, il Regno Unito prestò uno dei quattro originali sopravvissuti della Magna Carta del 1215 agli Stati Uniti per le celebrazioni del bicentenario. L’originale è stato restituito dopo un anno, ma una replica e la custodia sono ancora in mostra nella Cripta del Campidoglio degli Stati Uniti a Washington.

LEGGI IL TESTO TRADOTTO IN ITALIANO DELLA MAGNA CARTA

Fonti

  • Charles Henry Browning, The Magna Charta Described
  • Carolin Eele, Perceptions of Magna Carta: Why has it been seen as significant?
  • Nicholas Vincent, Magna Carta: A Very Short Introduction, Oxford, Oxford University Press, 2012
  • Geoffrey Hindley, The Book of Magna Carta, London, UK, Constable, 1990
  • https://www.bl.uk/collection-items/magna-carta-1216
  • Michael Prestwich, Edward I, New Haven, US, Yale University Press


Articoli correlati

Quante furono le Crociate? E come finirono?

Storia delle Crociate, le campagne militari condotte dai mercenari cristiani alla conquista della Terra.

Cavalieri templari, chi erano?

I Cavalieri Templari, o membri dei Poveri compagni d’armi di Cristo e del tempio di Salomone, un ordine cavalleresco militare

La battaglia di Poitiers, 732 d.C. Carlo Martello annienta gli arabi

Il 10 ottobre del 732 d.C, il generale dei Franchi Carlo Martello annienta l’esercito degli arabi, bloccando l’invasione musulmana dell’Europa.