Trizio Consulting

La Cina si esercita vicino Taiwan

La Cina si esercita vicino Taiwan

Iscriviti alla Newsletter


La China Maritime Safety Administration (MSA) ha dichiarato completate le esercitazioni che la Marina dell’Esercito di Liberazione del Popolo aveva iniziato quattro giorni fa nel Mar Cinese Orientale, al largo della costa della provincia di Zhejiang.

La Cina aveva pubblicato un messaggio vietando a tutte le navi di avvicinarsi per via dell’uso di proiettili reali (live-fire). L’aspetto più importante è che l’area di esercitazione si trova a soli 243 chilometri da Taiwan, e queste prove belliche arrivano dopo che da alcune settimane l’attenzione attorno all’isola è cresciuta.

Taiwan è oggetto delle preoccupazioni internazionali, con il Giappone che ha inserito la Repubblica di Cina tra gli elementi da tenere in osservazione prioritaria per la propria sicurezza nazionale. Tokyo è concretamente preoccupata dal rischio che tra le acque dello stretto che divide l’isola dal Mainland possa esplodere un conflitto tra Cina e Stati Uniti.

Pechino ha messo in chiaro che la riconquista di quella che considera una provincia ribelle è qualcosa da ottenere anche con l’uso della forza entro il 2049, data del centenario dalla fondazione della Repubblica Popolare Cinese.

L’esercitazione non era stata annunciata in precedenza, ed è effettivamente possibile che sia stata organizzata con lo scopo di contrastare la progressione delle relazioni tra Stati Uniti e Taiwan. In particolare, un episodio recente ha fatto infuriare Pechino perché rappresenta l’aumento di queste connessioni: un aereo da trasporto militare statunitense – un C-146A Wolfhound – era atterrato all’aeroporto Songshan di Taipei il 15 luglio.


Articoli correlati

Campioni d’Europa. La Coppa a Roma

La nazionale italiana di calcio vincitrice dell’europeo è rientrata da Wembley poco dopo le 6 del mattino all’aeroporto di Fiumicino attesi da

Giappone: Atami, salgono a 10 i morti in valanga di fango

Speranze ormai ridotte al lumicino per il ritrovamento in vita delle 18 persone che ancora mancano all’appello dopo la valanga

Scandalo spyware in Ungheria

Il primo ministro ungherese, Viktor Orban, era già visto come poco democratico. In quasi una dozzina di anni al potere,