Trizio Consulting

Guerra di Smolensk. Russia contro Commonwealth polacco-lituano

Guerra di Smolensk. Russia contro Commonwealth polacco-lituano

Legio X Equestris

La guerra di Smolensk è stata combattuta dal 1632 al 1634 tra il Commonwealth polacco-lituano e la Russia.

Le ostilità iniziarono nell’ottobre 1632 quando le forze russe tentarono di catturare la città di Smolensk. Con coinvolgimenti militari limitati si produssero risultati contrastanti per entrambe le parti, ma la resa della principale forza russa nel febbraio 1634 portò al Trattato di Polyanovka. La Russia ha accettato il controllo polacco-lituano sulla regione di Smolensk, che è durato per altri 20 anni.

Contesto storico della guerra di Smolensk

Nel 1632 morì Sigismondo III Vasa, re di Polonia e Granduca di Lituania. Sebbene la nobiltà del Commonwealth elesse rapidamente il figlio di Sigismondo Ladislao IV Vasa come nuovo sovrano, i vicini della Polonia, aspettandosi ritardi nel processo di successione, misero alla prova la percepita debolezza del Commonwealth. Il re svedese Gustavo II Adolfo inviò delegati in Russia e nell’Impero Ottomano per proporre un’alleanza e una guerra contro il Commonwealth.

Il Commonwealth non era pronto per la guerra. Nel 1631 l’esercito reale contava appena 3.000 uomini; la guarnigione di Smolensk contava circa 500 uomini e la maggior parte delle guarnigioni nell’area di confine non erano composte da soldati regolari o mercenari, ma da 100 a 200 volontari locali.

Consapevole che la Russia si stava preparando alla guerra, nella primavera del 1632 il Sejm, il parlamento polacco-lituano, aumentò il numero di effettivi dell’esercito reclutando altri 4.500 uomini. Entro la metà del 1632 il vice voivode di Smolensk , Samuel Drucki-Sokoliński , aveva circa 500 volontari della pospolite ruszenie e 2.500 soldati tra esercito regolare e cosacchi.

A maggio il Senato della Polonia accettò di aumentare le dimensioni dell’esercito, ma il grande lituano Hetman Lew Sapieha si oppose, sostenendo che le forze attuali erano sufficienti e che la guerra non era probabile.

La Russia, dopo essersi ripresa in una certa misura dal Periodo dei torbidi, ovvero quel periodo di interregno nella Russia dominato da una anarchia assoluta seguente alla fine della dinastia dei Rurikidi, concordò con la valutazione che il Commonwealth fosse indebolito dalla morte del suo re e avrebbe attaccato unilateralmente senza aspettare gli svedesi e gli ottomani. L’obiettivo della Russia era quello di ottenere il controllo di Smolensk, che aveva ceduto al Commonwealth nel 1618 con la tregua di Deulino, ponendo fine all’ultima guerra russo-polacca.

Smolensk era la capitale del Voivodato di Smoleńsk del Commonwealth, ma era stata spesso contesa e passò di mano molte volte durante il XV, XVI e XVII secolo. Uno dei maggiori sostenitori della guerra fu il padre dello zar, il patriarca Filaret, che rappresentò a corte il campo anti-polacco. Ispirato dall’appello del Zemsky Sobor, il parlamento russo, alla vendetta e alla riconquista delle terre perdute, l’esercito russo si mosse verso ovest.

Le guerra di Smolensk

Voivodato di Smolensk. In rosso il territorio conteso.

L’esercito russo che attraversò il confine lituano all’inizio di ottobre 1632 era stato preparato con cura ed era sotto il comando esperto di Mikhail Borisovich Shein, che aveva precedentemente difeso Smolensk contro i polacchi durante l’assedio del 1609-1611. Diverse città e castelli caddero davanti all’avanzata dei russi e il 28 ottobre 1632, lo stesso giorno in cui fu presa la storica città di Dorogobuzh, Shein si trasferì per iniziare l’assedio di Smolensk.

Le precedenti stime polacche delle dimensioni delle forze russe variavano da 25.000 a 30.000 fino 34.500 uomini, con 160 pezzi di artiglieria. Ricerche recenti su documenti d’archivio russi del XVII secolo hanno mostrato che la dimensione dell’esercito russo era di 23.961. Rispetto agli ex eserciti russi, l’esercito di Shein è stato notevolmente modernizzato. Insoddisfatti delle loro tradizionali formazioni di fanteria equipaggiata con moschetti, i russi si rivolgevano agli ufficiali stranieri per aggiornare l’equipaggiamento e l’addestramento delle loro truppe in base al modello dell’Europa occidentale. Otto reggimenti, per un totale di 14.000 a 17.000 uomini, facevano parte dell’esercito di Shein.

Assedio di Smolensk

Le forze del Commonwealth a Smolensk erano composte dalla guarnigione di Smolensk, circa 1.600 uomini con 170 pezzi di artiglieria sotto il comando del Voivoda di Smolensk, Aleksander Korwin Gosiewski, rafforzata dalla nobiltà locale. Anche le fortificazioni della città erano state recentemente migliorate con bastioni all’italiana.

Shein costruì linee di circonvallazione attorno alla fortezza. Usando gallerie e miniere, le sue forze danneggiarono un lungo tratto della cinta muraria e una delle torri. L’artiglieria pesante russa, per lo più di fabbricazione occidentale, raggiunse Smolensk nel dicembre 1632 con cannoni ancora più pesanti in arrivo nel marzo successivo. Dopo un bombardamento preliminare di artiglieria, Shein ordinò un assalto, che fu respinto dai difensori polacchi.

Tuttavia l’assedio procedeva. Le fortificazioni di Smolensk venivano erose e i difensori subivano pesanti perdite e stavano finendo i rifornimenti. Nel giugno 1633 alcuni soldati iniziarono a disertare e altri volevano la resa.

Nonostante queste difficoltà, la città, comandata dal vice voivode Samuel Drucki-Sokoliński, resistette per tutto il 1633 mentre il Commonwealth, sotto il suo re Ladislao IV appena eletto, organizzò una forza di soccorso. Il Sejm era stato informato dell’invasione russa e, a partire da novembre, aveva discusso la possibilità di soccorsi. Tuttavia, la decisione fu ritardata fino alla primavera del 1633, quando il Sejm approvò ufficialmente una dichiarazione di guerra e autorizzò un ingente pagamento 6,5 milioni di zloty, il contributo fiscale più alto durante l’intero regno di Władysław per il reclutamento di una forza adeguata.

La forza di soccorso prevista doveva avere una forza effettiva di circa 21.500 uomini e 3.200 cavalli e la cavalleria stile cosacco ma non composta da cosacchi, 10 squadroni di raitars, 7 reggimenti lituani petyhor, 7 grandi reggimenti di dragoni e 20 reggimenti di fanteria con circa 12.000 uomini. Oltre 10.000 fanti sarebbero stati organizzati in base al modello occidentale, precedentemente non comune negli eserciti del Commonwealth.

Nel frattempo, Field Hetman di Lituania e Voivode di Vilnius , Krzysztof Radziwiłł e Voivode Gosiewski stabilirono un campo a circa 30 chilometri da Smolensk, spostandosi da Orsha a Bajów e, successivamente, Krasne. Nel febbraio 1633 avevano ammassato circa 4.500 soldati, tra cui oltre 2.000 fanti, e si erano impegnati a fare irruzione nelle retrovie degli assedianti russi per interrompere la loro logistica. Hetman Radziwiłł riuscì a sfondare le linee russe in diverse occasioni, portando circa 1.000 soldati e rifornimenti a Smolensk per rafforzare le difese e alzare il morale dei difensori.

Entro l’estate del 1633, la forza di soccorso, guidata personalmente dal re e che contava circa 25.000 soldati, arrivò vicino a Smolensk e raggiunsero Orsha il 17 agosto 1633. Entro i primi giorni di settembre, il corpo principale delle forze di soccorso che si avvicinavano a Smolensk contava circa 14.000 effettivi. L’esercito russo, recentemente rinforzato, ne contava 25.000. Solo quando i rinforzi cosacchi, guidati da Tymosz Orendarenko e in numero compreso tra 10.000 e 20.000, arrivarono il 17 settembre l’esercito del Commonwealth era riuscito ad avere la superiorità numerica. I cosacchi sotto Orendarenko e Marcin Kazanowski fecero irruzione nelle retrovie russe, liberando le unità polacco-lituane sotto Radziwiłł e Gosiewski per unirsi allo sforzo di rompere l’assedio.

Il fratello di Ladislao, Giovanni II Casimiro, comandava uno dei reggimenti dell’esercito di soccorso. Un altro comandante degno di nota era il Field Crown Hetman, Marcin Kazanowski. Il re Ladislao IV, un grande sostenitore della modernizzazione dell’esercito del Commonwealth, si dimostrò un buon stratega e le sue innovazioni nell’uso dell’artiglieria e delle fortificazioni basate sulle idee occidentali contribuirono notevolmente al successo polacco-lituano. Aveva sostituito i vecchi archibugieri con moschettieri e standardizzato l’artiglieria del Commonwealth introducendo nuovi cannoni nel reggimento, entrambi con grande efficacia.

La cavalleria del Commonwealth, inclusi gli ussari alati, ridusse notevolmente la mobilità russa, costringendoli a rimanere nelle loro trincee. In una serie di aspri scontri, le forze del Commonwealth invasero gradualmente le fortificazioni sul campo russe e l’assedio raggiunse le sue fasi finali verso la fine di settembre. Il 28 settembre 1633, le forze del Commonwealth presero i principali punti di rifornimento russi e il 4 ottobre l’assedio era terminato.

L’esercito di Shein si ritirò nel suo campo principale, che era a sua volta circondato dalle forze del Commonwealth. I russi assediati attesero i soccorsi, ma nessuno arrivò, poiché la cavalleria del Commonwealth e dei cosacchi era stata inviata per distruggere le retrovie russe. Alcuni storici citano anche il dissenso e le divisioni interne nel campo russo come responsabili della loro inazione e inefficacia.

L’ invasione tartara che minacciava i confini della Russia meridionale è stata un altro fattore che ha contribuito, con molti soldati e boiardi di quelle regioni che hanno abbandonato il campo di battaglia per tornare a proteggere i loro patria. Anche alcuni mercenari stranieri disertarono dalla parte del Commonwealth.

Shein iniziò i negoziati di resa nel gennaio 1634. I russi hanno finalmente firmato un trattato di resa il 25 febbraio 1634, e il 1 marzo hanno lasciato il loro campo. In base ai termini di resa, i russi dovettero lasciare la maggior parte della loro artiglieria ma furono autorizzati a portare via i loro stendardi dopo una cerimonia in cui furono deposti davanti al re Ladislao. Dovevano anche promettere di non ingaggiare le forze del Commonwealth per i prossimi tre mesi. Le forze di Shein erano circa 12.000 al momento della loro capitolazione, ma oltre 4.000, inclusa la maggior parte del contingente straniero, decisero immediatamente di disertare.

La resa di Mikhail Shein a Smolensk, dipinta da Christian Melich

Altri luoghi di battaglia

Diverse altre città e fortezze della regione furono teatro di battaglie minori. Le forze russe catturarono diverse località significative durante la loro avanzata nel 1632, ma Nagielski ipotizza che il ritardo nell’arrivo della loro forza principale e dell’artiglieria a Smolensk causato da questa diluizione degli sforzi potrebbe essere costato loro l’assedio e di conseguenza la guerra.

Nel luglio 1633 i russi conquistarono le città di Polatsk, Velizh, Usvyat e Ozerishche. Polatsk fu teatro di combattimenti particolarmente pesanti quando i russi conquistarono la città e parte della fortezza. Tuttavia, attacchi a Vitebsk e Mstsislaw sono stati respinti con successo. Le forze polacche assediarono Putivl, ma a causa dell’abbandono dei loro alleati cosacchi furono costrette a ritirarsi.

Nell’autunno del 1633, le forze del Commonwealth ripresero Dorogobuzh, un importante punto di rifornimento russo. Questa battuta d’arresto distrusse i piani russi di inviare rinforzi all’esercito di Shein, anche se in ogni caso i russi non iniziarono a radunare un esercito di 5.000 uomini a tale scopo fino al gennaio 1634. Sempre quell’autunno, il Gran Corona Hetman Stanisław Koniecpolski sconfisse un’incursione ottomana nel sud del Commonwealth, liberando forze per assediare la città russa di Sevsk, sebbene Koniecpolski non riuscì a prendere la fortezza, impegnò grandi forze russe, impedendo loro di spostarsi a nord verso Smolensk.

Dopo il soccorso di Smolensk nella primavera del 1634, l’esercito del Commonwealth si mosse verso la fortezza di Belaya. Tuttavia, l’assedio di Belaya si trasformò in un fiasco mentre il re riuscì a catturare Vyazma.

Trattato di Polyanovka

Nella primavera del 1634, i russi non solo avevano perso l’esercito di Shein, ma furono minacciati dalle incursioni tartare che devastarono la Russia meridionale. Il patriarca Filaret era morto l’anno prima, e senza di lui il fervore bellico si era attenuato. Anche prima della fine del 1633, lo zar Michele di Russia stava valutando il modo migliore per porre fine al conflitto. Poiché una volta era stato eletto zar di Russia e poteva realisticamente rivendicare il trono russo, il re Ladislao voleva continuare la guerra e poiché il Trattato polacco-svedese di Altmark sarebbe presto scaduto, allearsi con i russi per colpire la Svezia.

Tuttavia, il Sejm non voleva più conflitti. Come scrisse Stanisław Łubieński, vescovo di Płock, due settimane dopo la resa di Shein: “La nostra felicità è rimanere entro i nostri confini, garantendo salute e benessere“. Con nessuna delle parti desiderose di prolungare la guerra, iniziarono a negoziare, non per un armistizio ma per la “pace duratura”.

I colloqui iniziarono il 30 aprile 1634 e in giugno fu firmato il Trattato di Polyanovka, che poneva fine alle ostilità. Il trattato confermò lo status quo prebellico, con la Russia che pagava un’ingente indennità di guerra, 20.000 rubli in oro, mentre Ladislao accettò di cedere la sua pretesa al trono russo e restituire le insegne reali a Mosca. Jasienica osserva che dal punto di vista russo era probabile che l’abnegazione della sua pretesa da parte di Ladislao fosse più importante, in termini di successivo aumento della stabilità interna, della perdita delle terre di confine contese. Nonostante non abbiano vinto militarmente, i russi potrebbero aver ottenuto un trionfo diplomatico. Altri autori, come Hellie, supportano questa interpretazione.

Conseguenze politiche della guerra di Smolensk

Già durante le fasi successive della guerra, quando l’esercito del Commonwealth si trasferì da Smolensk a Bely, una nuova minaccia iniziò a profilarsi ai confini meridionali, dove l’Impero Ottomano stava ammassando una forza d’invasione. Così Ladislao iniziò a reindirizzare i suoi rinforzi verso quel teatro. Nello stesso anno, le forze del Commonwealth guidate da Stanisław Koniecpolski ottennero una vittoria nel sud, ponendo fine a una guerra contro gli ottomani.

Entrambe le parti introdussero nuove tattiche, unità ed equipaggiamenti basati su modelli occidentali, ma le forze polacco-lituane si dimostrarono più abili con queste innovazioni rispetto ai russi. Tuttavia, i principali fattori che impedirono ai russi di vincere furono il ritardo nello spostamento dell’artiglieria d’assedio a Smolensk e la grave interruzione delle linee di rifornimento russe da parte della cavalleria polacca. Era tuttavia necessario un capro espiatorio: Mikhail Shein fu accusato di tradimento e, insieme al suo secondo in comando Artemy Izmaylov e al figlio di quest’ultimo Vasily, fu giustiziato a Mosca il 28 aprile 1634. Imparando da questa sconfitta, i russi avrebbero adottato tattiche nuove e di maggior successo nella Guerra polacco-russa del 1654–1656.

Dopo la guerra, Ladislao diede ai russi la città di confine di Serpeysk e i territori vicini, sperando di persuadere lo zar a unirsi in un’alleanza anti-svedese. Tuttavia, il re alla fine non fu in grado di superare le obiezioni del Sejm polacco-lituano, che non era disposto a combattere la Svezia dopo il Trattato di Sztumska Wieś. Anche i russi, incapaci di vedere benefici in una tale alleanza, non erano entusiasti e l’alleanza proposta non ebbe successo.

La guerra costò al tesoro del Commonwealth circa 4.300.000 zloty.

La battaglia di Smolensk è commemorata sulla Tomba del Milite Ignoto, Varsavia , con l’iscrizione “SMOlensk 18 X 1632–25 II 1634”.


Articoli correlati

La guerra dei sette anni. Riassunto

La Guerra dei Sette Anni (1756-1763)  fu la prima guerra globale combattuta In Europa, India e America.  La Guerra dei

Giovanni Toti. Intervista, il futuro della Liguria

Dopo una piena riconferma alla guida della Liguria, il Presidente della Regione Giovanni Toti commenta con il Direttore Editoriale di

Archeologia: MiC, il parere degli esperti sui due nuovi Giganti di Mont’e Prama

Si svela al mondo poco a poco la storia misteriosa dei Giganti di Mont’è Prama, il suggestivo gruppo scultoreo di