Trizio Consulting

Crisi energetica in Inghilterra. Cosa c’è dietro?

Crisi energetica in Inghilterra. Cosa c’è dietro?

Proprio mentre le economie sembravano tornare alla normalità, una crisi energetica ha colpito la Gran Bretagna, il resto dell’Europa e gran parte del mondo.

Roma e la sua Arte

Il gas naturale, l’obiettivo principale di questa crisi, è cruciale per la generazione di elettricità, la gestione delle fabbriche e il riscaldamento delle case. È anche visto da alcuni come un combustibile di transizione lontano dal carbone altamente inquinante.

I prezzi del gas naturale sono aumentati di circa sei volte, a livelli record. L’aumento significa che il prezzo all’ingrosso dell’elettricità ha raggiunto livelli stratosferici, facendo notizia in tutta Europa poiché i consumatori, colpiti dalla pandemia, sono ora colpiti da grandi aumenti nelle bollette domestiche e aziendali. Questi costi elevati stanno anche minando l’economia delle aziende che producono fertilizzanti, acciaio, vetro e altri materiali che richiedono molta elettricità.

La Gran Bretagna, il cui sistema energetico dipende fortemente dal gas, sta subendo alcuni dei colpi più duri, creando grossi grattacapi al governo del primo ministro Boris Johnson.

Johnson è già stato spinto a sovvenzionare una fabbrica di fertilizzanti ed è sotto pressione per fare di più per prevenire la chiusura delle fabbriche e la perdita di posti di lavoro. Ha anche utilizzato autisti militari nel tentativo di alleviare la carenza di benzina.

Il picco del prezzo del gas sta avendo anche reazioni geopolitiche. La Russia, il più grande fornitore di gas in Europa, è accusata di manipolare i prezzi. Gli Stati Uniti, a loro volta, hanno avvertito Mosca di non cercare di sfruttare la crisi del gas per i propri fini. Questo potrebbe aprire la strada a maggiori esportazioni di gas naturale liquefatto dalla trivellazione di scisto negli Stati Uniti.

La domanda di energia è aumentata mentre l’economia mondiale si è risvegliata dagli arresti causati dalla pandemia. L’improvviso bisogno di gas naturale ha colto di sorpresa il settore energetico e i prezzi sono aumentati. L’avvicinarsi dell’inverno, la stagione principale del consumo di gas, ha aumentato ulteriormente i prezzi, poiché i paesi in Asia, Europa e Nord America si sono superati a vicenda per assicurarsi di avere il carburante per stare al caldo.

La Cina, il più grande importatore di gas al mondo, sta acquistando gas per alimentare le centrali elettriche e ridurre le emissioni di carbonio. Gli acquisti aggressivi della Cina stanno sottraendo gas all’Europa in un momento in cui le consegne dalla Russia, un fornitore chiave, sono state deludenti.

I paesi europei normalmente fanno scorta di gas in estate, quando i prezzi sono relativamente bassi. Non quest’anno. I livelli di stoccaggio europei sono bassi, rendendo i mercati così nervosi che ci sono state alcune delle oscillazioni più selvagge dei prezzi del gas che i commercianti abbiano mai visto.

No. Molti fattori hanno contribuito. Ma i mercati osservano molto da vicino il più grande fornitore per l’Europa e gli analisti affermano che i recenti segnali della Russia secondo cui manterrà una stretta presa sui flussi di gas verso l’Europa hanno svolto un ruolo importante nei recenti picchi di prezzo.

Molti di questi sono stati innescati da cose che i russi hanno effettivamente fatto“, ha affermato Trevor Sikorski, capo del gas presso Energy Aspects, una società di ricerca.

Il presidente russo Vladimir V. Putin sta cercando di usare la crisi energetica per i propri fini. Ha affermato che la crisi del gas si allenterà non appena i governi europei avranno approvato il Nord Stream 2, il gasdotto politicamente teso che corre sott’acqua dalla Russia alla Germania. Una volta operativo, il gasdotto rafforzerà probabilmente la presa di Gazprom, la compagnia russa del gas, sui mercati europei.

D’altra parte, alcuni analisti dubitano che il problema si risolverà non appena Unione Europea e Germania firmeranno il nuovo gasdotto. La Russia sta probabilmente affrontando una crisi, secondo Henning Gloystein, direttore dell’Eurasia Group, una società di ricerca politica. Come parte di un accordo con l’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio per rafforzare i mercati durante la pandemia, alle società russe è stato ordinato di ridurre la produzione di petrolio e, di conseguenza, anche la produzione di gas è stata ridotta ed è stata lenta a riprendersi.

La Gran Bretagna sta pagando un prezzo per una combinazione di successi e fallimenti. Il paese ha in larga misura eliminato il carbone per la produzione di energia e ha sviluppato capacità nell’energia rinnovabile, in particolare nell’eolico offshore. Queste mosse riducono le emissioni di gas serra e aiutano a frenare il riscaldamento globale.

Ma chiudere le centrali a carbone mentre le vecchie centrali nucleari del paese stanno gradualmente chiudendo ha reso la Gran Bretagna dipendente dal gas per circa il 40% dell’elettricità del paese, molto più di qualsiasi altro combustibile. (In Francia, al contrario, le centrali nucleari forniscono circa il 70 percento dell’elettricità.) Non ha aiutato che le brezze che fanno girare le turbine eoliche della Gran Bretagna, che generano in media circa il 20 percento della potenza del paese, siano state insolitamente deboli negli ultimi mesi.

Quel successo nella politica climatica sta tornando a farsi sentire“, ha detto Gloystein.

La Gran Bretagna non è ancora abbastanza avanti nel suo passaggio all’energia pulita per sfuggire ai balzi dei prezzi mondiali del gas.

In questo momento non abbiamo davvero abbastanza energie rinnovabili per dare il massimo“, ha affermato Martin Young, analista di potenza presso Investec, una società di titoli. “Di solito è il gas a stabilire il prezzo“. Le pesanti tasse britanniche sulle emissioni di carbonio si aggiungono anche ai costi dell’elettricità, ha affermato.

Un incendio che ha messo fuori uso un grosso cavo che portava energia elettrica dalla Francia ha aggiunto ai guai. E a differenza di altri paesi europei, la Gran Bretagna non ha investito in impianti di stoccaggio del gas, consentendo invece la chiusura di un importante impianto di questo tipo nel 2017.

I consumatori ottengono qualche sollievo?

L’aumento del prezzo all’ingrosso dell’elettricità viene trasferito ai proprietari di case, allungando i budget e costringendo i governi a intervenire. In Spagna, il governo di recente, in effetti, ha affermato che prenderà i profitti guadagnati sulla generazione di energia elettrica da eolico e solare per compensare i consumatori per i prezzi elevati del gas.

Circa 15 milioni di famiglie britanniche sono state recentemente colpite da aumenti dei prezzi dell’energia nell’ordine del 12% nell’ambito di un programma governativo per limitare i grandi rialzi dei tassi. Le tariffe limitate vengono riviste ogni sei mesi; la prossima revisione, ad aprile, è ampiamente prevista per portare a un salto più grande.

Un altro problema per i proprietari di case: molti fornitori di elettricità che offrivano ai clienti offerte a basso prezzo si sono trovati incapaci di rispettare i loro impegni ai prezzi correnti. Molte di queste società relativamente piccole sono crollate nelle ultime settimane e i conti dei loro stimati 1,7 milioni di clienti vengono venduti all’asta a società più forti. Nessuno perderà potere a causa di questi fallimenti aziendali, ma alla fine quei clienti pagheranno tariffe più elevate e le aziende che assumono i clienti saranno in grado di trasferire spese extra ai pagatori delle bollette.

Niccolò Giraudo

Niccolò Giraudo

Torino è una città fantastica, specialmente per chi ama il design in tutte le sue forme. Chi non ci credesse può venire a casa mia: matite e pennelli non mancano. Si può anche suonare il violoncello. È l’ambiente ideale anche per recensire un film, un blog o un nuovo tostapane. Provare per credere.


Articoli correlati

Haiti cerca di risollevarsi

Un’Haiti già in difficoltà si sta riprendendo dall’assassinio del presidente Jovenel Moïse seguito da uno scontro a fuoco in cui la polizia ha ucciso quattro dei sospettati

India. La situazione del Covid

La pandemia si sta intensificando in tutto il mondo, con nuovi casi di coronavirus. Così ha detto il direttore generale

Boris Johnson nell’occhio del ciclone

Il primo ministro britannico Boris Johnson è nell’occhio del ciclone dopo che è emerso che il suo segretario privato ha