Trizio Consulting

Sri Lanka: perché il Paese è in crisi. Cosa succede?

Sri Lanka: perché il Paese è in crisi. Cosa succede?

In Sri Lanka è stato dichiarato lo stato di emergenza e il presidente Gotabaya Rajapaksa è fuggito dal Paese. La sua partenza arriva dopo mesi di proteste per l’aumento dei prezzi e la mancanza di cibo e carburante.

Le riserve di valuta estera del paese si sono praticamente esaurite e ha già mancato il pagamento degli interessi sul debito.

l prezzo dei beni di uso quotidiano è aumentato notevolmente. L’inflazione è superiore al 50%. Ci sono state anche diffuse interruzioni di corrente. La mancanza di medicinali ha portato il sistema sanitario sull’orlo del collasso.

Il paese non ha abbastanza carburante per i servizi essenziali come autobus, treni e veicoli sanitari, e le istituzioni affermano che non c’è abbastanza valuta estera per importarne di più.

Questa mancanza di carburante ha causato un forte aumento dei prezzi della benzina e del diesel dall’inizio dell’anno.

A fine giugno, il governo ha vietato per due settimane la vendita di benzina e diesel per i veicoli non essenziali. E’ uno dei pochi se non l’unico Paese a farlo dagli anni ’70 . Le vendite di carburante restano fortemente limitate.

Oltre a non poter acquistare i beni di cui ha bisogno dall’estero, a maggio lo Sri Lanka non è riuscito a pagare gli interessi sul suo debito estero per la prima volta nella sua storia.

Al paese erano stati concessi 30 giorni per raccogliere 78 milioni di dollari per coprire gli interessi dovuti, ma il governatore della banca centrale P Nandalal Weerasinghe ha affermato che non poteva pagare.

Due delle più grandi agenzie di rating del credito del mondo hanno anche confermato che lo Sri Lanka era inadempiente sul pagamento del debito.

Il mancato pagamento degli interessi sul debito può danneggiare la reputazione di un paese presso gli investitori, rendendogli più difficile prendere in prestito il denaro di cui ha bisogno sui mercati internazionali. Ciò può danneggiare ulteriormente la fiducia nella sua valuta e nella sua economia.

Esiste un piano per risolvere la crisi?

Il presidente Rajapaksa ha nominato il primo ministro Ranil Wickremesinghe presidente ad interim in sua assenza. Wickremesinghe ha dichiarato lo stato di emergenza in tutto il Paese ed è stato imposto il coprifuoco nella provincia occidentale mentre si cerca di stabilizzare la situazione.

Il governo dello Sri Lanka ha più di 51 miliardi di dollari di debito estero, di cui 6,5 miliardi sono dovuti alla Cina, e i due paesi stanno negoziando su come ristrutturare il debito.

Il gruppo G7 dei principali paesi industriali – Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone, Regno Unito e Stati Uniti – ha affermato di sostenere i tentativi dello Sri Lanka di ridurre il rimborso del debito.

La Banca mondiale ha accettato di prestare allo Sri Lanka 600 milioni di dollari e l’India ha offerto almeno 1,9 miliardi di dollari.

Il governo dello Sri Lanka ha anche discusso con il Fondo monetario internazionale (FMI) per un possibile prestito di 3 miliardi di dollari.

Il FMI – che lavora con i suoi 190 paesi membri per stabilizzare l’economia mondiale – ha affermato che il governo dovrebbe aumentare i tassi di interesse e le tasse come condizione per qualsiasi accordo.

E’ essenziale un governo stabile, quindi qualsiasi salvataggio potrebbe essere ritardato fino a quando non subentrerà una nuova amministrazione.

Il presidente ad interim Wickremesinghe aveva già affermato che il governo stamperà denaro per pagare gli stipendi dei dipendenti, ma ha avvertito che ciò potrebbe aumentare l’inflazione e portare a ulteriori aumenti dei prezzi.

Ha anche detto che le compagnie aeree statali dello Sri Lanka potrebbero essere privatizzate.

Cosa ha portato alla crisi economica?

Il governo ha accusato la pandemia di Covid, che ha colpito il commercio turistico dello Sri Lanka, uno dei suoi maggiori percettori di valuta estera.

I turisti, secondo il ministero dell’economia, sono stati spaventati da una serie di attentati mortali nel 2019. Tuttavia, molti esperti indicano come maggior colpevole la cattiva gestione economica.

Alla fine della guerra civile nel 2009, lo Sri Lanka ha scelto di concentrarsi sulla fornitura di beni al proprio mercato interno, invece di cercare di aumentare il commercio estero. Ciò significa che il reddito dalle esportazioni verso altri paesi è rimasto basso, mentre il conto per le importazioni ha continuato a crescere.

Lo Sri Lanka ora importa 3 miliardi di dollari in più di prima, ed è per questo che ha esaurito la valuta estera. Alla fine del 2019, lo Sri Lanka aveva 7,6 miliardi di dollari di riserve in valuta estera, che sono scese a circa 250 milioni di dollari.

L’ex presidente Rajapaksa è stato anche criticato per i grandi tagli alle tasse che ha introdotto nel 2019, che hanno fatto perdere oltre 1,4 miliardi di dollari all’anno di entrate.


Articoli correlati

Roma. Calenda apre il suo governo ombra

Carlo Calenda lancia la sua ‘giunta ombra’, per portare avanti una “opposizione puntuale e concreta ma mai pretestuosa al sindaco

Cristina Lodi. Intervista, le criticità di Genova

Cristina Lodi, capogruppo del PD nel Comune di Genova, commenta con noi le urgenze della città e anche l’atteggiamento del

Industria: aumento congiunturale del 3,1%

A giugno si stima che il fatturato dell’industria, al netto dei fattori stagionali, registri un aumento congiunturale del 3,1%, risultante