Trizio Consulting

La battaglia di Guam. Stati Uniti contro il Giappone

La battaglia di Guam. Stati Uniti contro il Giappone

Legio X Equestris

La battaglia di Guam fu la riconquista americana dell’isola di Guam invasa dai giapponesi, un territorio statunitense nelle Isole Marianne. Il Giappone ne prese il controllo durante la prima battaglia di Guam nel 1941 durante la Campagna del Pacifico della seconda guerra mondiale.

La battaglia è stata una componente fondamentale dell’Operazione Forager. La riconquista di Guam e la più ampia campagna delle Isole Marianne e Palau hanno portato alla distruzione di gran parte della potenza aerea navale giapponese nella battaglia del Mar delle Filippine e permise agli Stati Uniti di stabilire grandi basi aeree da cui poter bombardare le isole di origine giapponese con il suo nuovo bombardiere strategico, il Boeing B-29 Superfortress.

Boeing B-29 Superfortress
Boeing B-29 Superfortress

Guam è l’isola più grande delle Marianne. Era un possedimento degli Stati Uniti dal 1898 fino a quando non fu occupata dai giapponesi il 10 dicembre 1941, in seguito all’attacco a Pearl Harbor. L’isola di Guam non fu fortificata dai Giapponesi come le altre Isole Marianne, come ad esempio Saipan che era uno dei possedimenti giapponesi dalla fine della prima guerra mondiale.

Il piano degli Stati Uniti

Il piano alleato per l’invasione delle Marianne, Operazione Forager, prevedeva un pesante bombardamento preliminare, prima da parte di aerei da trasporto e bombardieri USAAF con base nelle Isole Marshall a est, poi una volta ottenuta la superiorità aerea, un bombardamento ravvicinato da parte di corazzate e incrociatori. Saipan, Tinian e Guam sono stati scelti come obiettivi per le loro dimensioni e l’idoneità come base per supportare la fase successiva delle operazioni verso le Filippine, Taiwan e le isole Ryukyu.

Il porto di Apra Harbour era adatto per le navi più grandi; e potevano essere costruite basi aeree per Boeing B-29 Superfortresses da cui bombardare il Giappone. I B-24 Liberators delle Marianne potevano così bombardare anche Iwo Jima e le Isole Bonin, come Chichi Jima.

L’invasione di Saipan era prevista per il 15 giugno 1944, con lo sbarco a Guam fissato provvisoriamente per il 18 giugno. Un grande attacco da parte di una portaerei giapponese e l’ostinata resistenza della guarnigione giapponese inaspettatamente grande su Saipan portarono al rinvio di un mese dell’invasione di Guam.

I bombardamenti navali e aerei statunitensi durarono dall’11 al 13 giugno 1944, coinvolgendo 216 aerei da trasporto e bombardieri B-24 terrestri delle Isole Marshall. Il 12 e 13 giugno sono state affondate 12 navi mercantili giapponesi e diversi pescherecci. Il 27 giugno, le corazzate e gli incrociatori della Marina degli Stati Uniti hanno iniziato a bombardare l’isola, insieme a un gruppo di portaerei statunitensi il 4 luglio e altri due il 6 luglio.

La battaglia di Guam

Prima dell’incursione, le forze statunitensi hanno cercato di garantirsi la superiorità sia aerea che navale. Un totale di 274 navi, che hanno sparato 44.978 colpi da cannoni da 2 pollici e 5 pollici, hanno supportato l’approdo. Inoltre, un totale di 13 portaerei hanno partecipato al raid aereo e un totale di 4.283 bombe (per un peso totale di 1.310 tonnellate) sono state sganciate dal 18 al 20 luglio, il giorno prima dello sbarco.

Il pesante bombardamento rasò al suolo tutta la vegetazione sulla spiaggia e ha distrutto ogni edificio che si vedeva. L’esperienza acquisita dai giapponesi dall’invasione di Saipan è stata utilizzata per cercare di mitigare gli effetti del bombardamento. Nonostante ciò, il bombardamento ha superato di gran lunga le aspettative delle forze di difesa che erano state trincerate lungo la costa come lo erano a Saipan.

Le truppe americane sulle spiagge delle isole
Le truppe americane sulle spiagge delle isole

Anche molte delle basi e delle torri di guardia furono distrutte. Tuttavia, le trincee nelle foreste, grotte e postazioni mobili a quattro chilometri o più dalla costa sono riusciti a sfuggire alla distruzione e sono diventati una fonte di forte resistenza giapponese. Guam, circondata da scogliere e forti correnti marine, ha rappresentato una sfida formidabile per gli americani.

Nonostante gli ostacoli, il 21 luglio, le forze americane sbarcarono su entrambi i lati della penisola di Orote, sul lato occidentale di Guam, con l’intenzione di mettere al sicuro il porto di Apra. La 3a Divisione Marine sbarcò vicino ad Agana a nord di Orote alle 08:29, e la 1a Brigata Marina sbarcò vicino ad Agat a sud. L’artiglieria giapponese affondò 30 LVT statunitensi e inflisse pesanti perdite alle truppe da sbarco, in particolare alla 1a Brigata, ma alle 09:00 marines e carri armati arrivarono su entrambe le spiagge.

Al calar della notte, i marines americani e i soldati della 77a divisione di fanteria avevano stabilito teste di ponte in un raggio di circa 2 km. I contrattacchi giapponesi durarono i primi giorni della battaglia, principalmente di notte, usando tattiche di guerriglia. I giapponesi penetrarono più volte nelle difese americane ma furono respinti con pesanti perdite di uomini e attrezzature.

La 77a divisione di fanteria dell’esercito americano ha avuto un arrivo più difficile dal 23 al 24 luglio. In mancanza di veicoli anfibi, hanno dovuto guadare a terra dal bordo della scogliera dove il mezzo da sbarco li aveva lasciati. Gli uomini di stanza nelle due teste di ponte furono bloccati dal pesante fuoco giapponese, facendo progressi nell’entroterra piuttosto lenti. L’approvvigionamento fu molto difficile per le truppe da sbarco a Guam nei primi giorni della battaglia. Le navi da sbarco non potevano avvicinarsi alla scogliera.

Lo sbarco sull'Isola di Guam fu molto complessa
Lo sbarco sull’Isola di Guam fu molto complessa

La 1a brigata ha preso posizione nella penisola di Orote il 25 luglio e quella stessa notte il tenente generale giapponese Takashina ha contrattaccato, coordinato con un attacco simile contro la 3a divisione a nord. Il giorno successivo, riferì il generale Obata, “le nostre forze non sono riuscite a raggiungere gli obiettivi desiderati“. Il tenente generale Takeshi Takashina è stato ucciso il 28 luglio e il tenente generale Hideyoshi Obata ha assunto il comando delle difese giapponesi. Il 28 luglio, le due teste di ponte furono collegate, e il 29 luglio gli americani si assicurarono la penisola.

I contrattacchi giapponesi contro le teste di ponte americane, così come tutti i feroci combattimenti, avevano indebolito le truppe giapponesi. All’inizio di agosto erano a corto di cibo e munizioni e avevano solo una manciata di carri armati. Obata ritirò le sue truppe dal sud di Guam, progettando di prendere posizione nella parte montuosa centrale e settentrionale dell’isola, “per impegnarsi in un’azione di attesa nella giungla nel nord di Guam per controllare l’isola il più a lungo possibile”.

Dopo essersi assicurato che nessuna forza giapponese significativa operasse nella parte meridionale di Guam, il maggiore generale della marina Geiger iniziò un’offensiva a nord con la 3a divisione della marina sul fianco sinistro e la 77a divisione di fanteria sulla destra, liberando Agana lo stesso giorno.   L’aeroporto di Tiyan è stato liberato il 1 agosto.

La pioggia e la fitta giungla hanno reso le condizioni davvero complesse per gli americani, ma dopo uno scontro con la principale linea di difesa giapponese intorno al Monte Barrigada dal 2 al 4 agosto, la linea giapponese è crollata. La 1a Brigata si sistemò sul fianco sinistro della 3a Divisione Marine solo il 7 agosto a causa dell’allargamento del fronte e delle continue perdite, nel tentativo di impedire ai giapponesi di addentrarsi attraverso gli spazi tra le truppe americane. I giapponesi avevano un’altra roccaforte sul Monte Santa Rosa, che fu messa in sicurezza l’8 agosto.

La giungla fu un grande aiuto per i giapponesi

Il 10 agosto, la resistenza organizzata dell’esercito nipponico terminò e Guam fu dichiarata sicura, ma si stima che 7.500 soldati giapponesi non furono ritrovati. Il giorno successivo, Obata si suicidò ritualmente nel suo quartier generale sul monte Mataguac dopo aver inviato un messaggio di addio al Giappone.

Le conseguenze della battaglia di Guam

Alcuni soldati giapponesi resistettero nella giungla dopo i combattimenti a Guam. L’8 dicembre 1945, tre marines statunitensi caddero in un’imboscata e furono uccisi. Il sergente Masashi Itō si arrese il 23 maggio 1960, dopo che l’ultimo dei suoi compagni fu catturato. Il 24 gennaio 1972, il sergente Shoichi Yokoi fu scoperto dai cacciatori dell’isola. Viveva da solo in una grotta da 28 anni, vicino alle cascate di Talofofo.

Reduci Giapponesi
Reduci Giapponesi

Guam fu trasformata in una base per le operazioni alleate. 5 grandi aeroporti furono costruiti dai Navy Seabees e dai battaglioni di ingegneria dell’aviazione afroamericana. I bombardieri B-29 delle forze aeree dell’esercito volarono da Northwest Field e North Field a Guam per attaccare obiettivi nel Pacifico occidentale e nel Giappone continentale.  

La popolazione Chamorro nativa di Guam aveva sofferto considerevolmente durante l’occupazione giapponese e i soldati giapponesi iniziarono a commettere atrocità durante i preparativi per l’invasione. In quella che divenne nota come la marcia di Maneggon, i soldati giapponesi costrinsero la maggior parte della popolazione dell’isola a marciare in sei campi di concentramento nel sud di Guam. I malati e gli affamati furono lasciati lungo la strada e le truppe giapponesi massacrarono circa 600 civili su una popolazione di circa 20.000 abitanti di Guam. Durante l’occupazione si stima che vennero uccisi fino a 2.000 persone. Il giorno della Liberazione continua a essere celebrato a Guam ogni 21 luglio.

Alessandro Trizio

Alessandro Trizio

Studioso di Geopolitica, Politica e Storia.


Tag assegnati a questo articolo:
GiapponeSeconda Guerra MondialeStati Uniti

Articoli correlati

Sri Lanka: perché il Paese è in crisi. Cosa succede?

In Sri Lanka è stato dichiarato lo stato di emergenza e il presidente Gotabaya Rajapaksa è fuggito dal Paese. La

Giovanni Toti. Intervista, il futuro della Liguria

Dopo una piena riconferma alla guida della Liguria, il Presidente della Regione Giovanni Toti commenta con il Direttore Editoriale di

La guerra civile spagnola e la sanguinosa ascesa di Francisco Franco

La guerra civile spagnola vide contrapporsi il blocco monarchico, cattolico e fascista con il blocco repubblicano, comunista e anarchico. Uno scontro che terminò con la vittoria del dittatore Francisco Franco