Trizio Consulting

Guerre boere o guerre anglo boere.

Guerre boere o guerre anglo boere.

Legio X Equestris

La Guerra sudafricana, chiamata anche guerra boera o seconda guerra boera detta anche Seconda Guerra d’Indipendenza, è stata combattuta dall’11 ottobre 1899 al 31 maggio 1902, tra Gran Bretagna e le due Repubbliche boere (afrikaner): la Repubblica Sudafricana (Transvaal ) e l’Orange Free State.

Sebbene sia stata la guerra più grande e costosa in cui gli inglesi si sono impegnati tra le guerre napoleoniche e la prima guerra mondiale, spendendo più di 230 milioni di euro, è stata combattuta tra protagonisti del tutto ineguali.

La forza militare britannica totale nell’Africa meridionale raggiunse quasi 500.000 uomini, mentre i boeri non potevano raggiunger più di 88.000 uomini. Ma gli inglesi stavano combattendo in un paese ostile su un terreno difficile, con lunghe linee di comunicazione. Il conflitto fornì un assaggio della guerra combattuta con fucili da sfondamento e mitragliatrici, con il vantaggio per i difensori, che avrebbe poi caratterizzato la prima guerra mondiale.

Cause della guerra

Le cause della guerra hanno provocato intensi dibattiti tra gli storici e rimangono irrisolte oggi come durante la guerra stessa. I politici britannici affermarono che stavano difendendo la loro “sovranità” sulla Repubblica sudafricana (SAR) sancita rispettivamente dalle convenzioni di Pretoria e di Londra del 1881 e del 1884.

Molti storici sottolineano che in realtà la guerra era nata per il controllo dei ricchi complessi minerari dell’oro di Witwatersrand situato nella SAR. Era il più grande complesso minerario d’oro del mondo in un’epoca in cui i sistemi monetari mondiali, principalmente quello britannico, dipendevano sempre più dall’oro. Sebbene ci fossero molti Uitlanders, stranieri, cioè non olandesi/boeri e in questo caso principalmente britannici, che lavoravano nell’industria mineraria dell’oro di Witwatersrand, il complesso stesso era al di fuori del diretto controllo britannico. Inoltre, la scoperta dell’oro sul Witwatersrand nel 1886 permise alla SAR di fare progressi con gli sforzi di modernizzazione e competere con la Gran Bretagna per il dominio dell’Africa meridionale.

Dopo il 1897 la Gran Bretagna, attraverso Alfred Milner, l’alto commissario per il Sud Africa, ha manovrato per minare l’indipendenza politica della RAS e ha chiesto la modifica della costituzione della repubblica boera per garantire diritti politici agli Uitlander principalmente britannici, fornendo loro così un ruolo dominante nella formulazione della politica statale che sarebbe diventata più filo-britannica della politica della SAR.

Nel tentativo di prevenire un conflitto tra la Gran Bretagna e la SAR, Marthinus Steyn, presidente dell’Orange Free State, ospitò la conferenza di Bloemfontein nel maggio-giugno 1899 tra Milner e Paul Kruger, presidente della SAR. Kruger si offrì di fare concessioni alla Gran Bretagna, ma furono ritenute insufficienti da Milner. Dopo la conferenza, Milner chiese al governo britannico di inviare truppe aggiuntive per rafforzare la guarnigione britannica nell’Africa meridionale. L’accumulo di truppe allarmò i boeri e Kruger offrì ulteriori concessioni relative a Uitlander, che furono nuovamente respinte da Milner.

I boeri, rendendosi conto che la guerra era inevitabile, passarono all’offensiva. Il 9 ottobre 1899 emisero un ultimatum al governo britannico, dichiarando che sarebbe esistito uno stato di guerra tra la Gran Bretagna e le due repubbliche boere se gli inglesi non avessero rimosso le loro truppe lungo il confine. L’ultimatum è scaduto e la guerra è iniziata l’11 ottobre 1899.

Inizia la guerra boera

Il corso della guerra può essere suddiviso in tre periodi. Durante la prima fase, gli inglesi nell’Africa meridionale erano impreparati e militarmente deboli. Gli eserciti boeri attaccarono su due fronti: nella colonia britannica di Natal dalla SAR e nella colonia settentrionale del Capo dall’Orange Free State.

I distretti settentrionali della Colonia del Capo si ribellarono agli inglesi e si unirono alle forze boere. Tra la fine del 1899 e l’inizio del 1900, i boeri sconfissero gli inglesi in una serie di importanti scontri e assediarono le città chiave di Ladysmith, Mafeking e Kimberley. Particolarmente degne di nota tra le vittorie boere in questo periodo sono quelle avvenute a Magersfontein, Colesberg e Stormberg, durante quelle che divennero note come Settimana nera, dal 10 al 15 dicembre 1899.

Il contrattacco britannico

L’offensiva di Kruger dell’ottobre 1899 aveva colto di sorpresa gli inglesi e spiega le prime vittorie boere. Tuttavia, l’arrivo di un gran numero di rinforzi britannici all’inizio del 1900 rese inevitabile una sconfitta boera. In questa seconda fase gli inglesi, sotto Lords Kitchener e Roberts, liberarono le città assediate, sconfissero gli eserciti boeri sul campo e avanzarono rapidamente lungo le linee del trasporto ferroviario.

Bloemfontein, capitale dell’Orange Free State, fu occupata dagli inglesi nel febbraio 1900 e Johannesburg e Pretoria, capitale della SAR, in maggio e giugno. Kruger sfuggì alla cattura e andò in Europa, dove, nonostante ci fosse molta simpatia per la difficile situazione dei boeri, non ebbe successo nei suoi tentativi di ottenere un’assistenza reale nella lotta contro gli inglesi.

La guerriglia boera e la risposta britannica

Alla fine del 1900 la guerra entrò nella sua fase più distruttiva. Per 15 mesi, commando boeri, sotto la brillante guida di generali come Christiaan Rudolf de Wet e Jacobus Hercules de la Rey, tennero a bada le truppe britanniche, usando tattiche di guerriglia mordi e fuggi. Assalirono le basi e le comunicazioni dell’esercito britannico e vaste aree rurali della SAR e dell’Orange Free State, che gli inglesi avevano annesso rispettivamente come Crown Colony of the Transvaal e Orange River Colony.

Kitchener rispose con filo spinato e fortini lungo le ferrovie, ma quando questi hanno fallito ha reagito con una politica di terra bruciata. Le fattorie dei boeri e degli africani furono distrutte e gli abitanti delle campagne furono radunati e tenuti in campi di concentramento segregati, spesso in condizioni orribili; diverse migliaia sono morte durante la loro incarcerazione. La difficile situazione delle donne e dei bambini boeri nei campi non igienici gestiti con noncuranza divenne un oltraggio internazionale, attirando l’attenzione di operatori umanitari come l’assistente sociale britannica Emily Hobhouse.

I commando continuarono i loro attacchi, molti dei quali nelle profondità della Colonia del Capo, con il generale Jan Smuts che guidava le sue forze entro 80 km da Città del Capo. Ma i metodi drastici e brutali di Kitchener hanno lentamente dato i loro frutti. La resistenza boera fu indebolita e portò a divisioni tra i bittereinders, che si rifiutarono di riconoscere la vittoria dell’Impero britannico e decisero di proseguire la lotta con ogni mezzo possibile, e gli hensoppers, che si arresero volontariamente e, in alcuni casi, lavorarono con gli inglesi.

L’arrivo della pace

I boeri avevano rifiutato un’offerta di pace degli inglesi nel marzo 1901, in parte perché richiedeva che i boeri riconoscessero l’annessione britannica delle loro repubbliche. I combattimenti continuarono fino a quando i boeri accettarono finalmente la perdita della loro indipendenza con la Pace di Vereeniging nel maggio 1902. Alla fine, leader boeri pragmatici come Louis Botha e il generale Smuts hanno battuto la volontà dei bittereinders e hanno optato per negoziare la pace sulla base della sovranità britannica, delle promesse di autogoverno locale, della rapida restaurazione ed efficiente gestione delle miniere d’oro e, soprattutto, l’alleanza di boeri e britannici contro i neri africani.

Le conseguenze della guerra

In termini di vite umane, furono uccise quasi 100.000 persone, comprese quelle di oltre 20.000 soldati britannici e 14.000 soldati boeri. Le morti di non combattenti includono le oltre 26.000 donne e bambini boeri che si stima siano morti nei campi di concentramento per malnutrizione e malattie; il numero totale dei morti africani nei campi di concentramento non è stato registrato, ma le stime vanno da 13.000 a 20.000.

Da entrambe le parti la guerra produsse vette di entusiasmo nazionale di un tipo che segnò l’epoca e culminò in frenetiche celebrazioni britanniche dopo l’assedio di Mafeking nel maggio 1900. La parola mafficking, che significa gioia selvaggia, ha avuto origine da queste celebrazioni. Nonostante i tentativi di rapida guarigione delle ferite dopo il 1902 e la volontà di cooperare allo scopo di unirsi contro i neri africani, le relazioni tra boeri, o afrikaner, come divennero noti e sudafricani di lingua inglese sarebbero rimaste gelide per molti decenni. A livello internazionale, la guerra ha contribuito ad avvelenare l’atmosfera tra le grandi potenze europee, poiché la Gran Bretagna ha scoperto che la maggior parte dei paesi simpatizzava per i boeri.

Riflettendo il clima discriminatorio che ha permeato il Sud Africa per gran parte del 20° secolo, è stato solo negli anni ’80 che sono stati condotti studi sull’impatto della guerra sui popoli neri dell’Africa. Oltre alle migliaia che morirono nei campi di concentramento, innumerevoli neri africani furono coinvolti negli assedi, persero il lavoro, per esempio, quando le miniere d’oro furono chiuse durante il conflitto, o furono sfrattati dalle loro terre in aree invase dalla guerra. Entrambe le parti reclutarono neri africani, sebbene vari eufemismi a volte venivano usati per “soldato nero”.

D’altra parte, alcuni segmenti della popolazione dell’Africa nera hanno beneficiato in qualche misura del conflitto. I contadini neri in alcune aree prosperarono, grazie alla domanda di cibo in tempo di guerra. In alcune regioni, come il Transvaal occidentale, i neri africani hanno approfittato della guerra e hanno rioccupato le terre precedentemente loro sottratte dai coloni bianchi. Lo Swaziland, che in precedenza era stato amministrato dalla SAR, fu preso dagli inglesi durante la guerra e da loro amministrato in seguito; questo è il motivo per cui sarebbe stato escluso dall’Unione del Sud Africa nel 1910.

L’aspetto più sorprendente della guerra, forse, è che si trattava di una guerra tra gruppi di bianchi in un subcontinente con una popolazione in gran parte nera africana che entrambe le parti generalmente cercavano di escludere dai combattimenti, sebbene la ricerca negli ultimi decenni del XX secolo indicava che i neri africani furono pesantemente coinvolti nella guerra sia come combattenti che come vittime degli eserciti. Durante il conflitto gli inglesi hanno accennato e talvolta promesso che in cambio del sostegno, o almeno della neutralità, i neri africani sarebbero stati ricompensati con diritti politici dopo la guerra. Tuttavia, il Trattato di Vereeniging escludeva specificamente i neri africani dall’avere diritti politici in un Sud Africa riorganizzato poiché britannici e boeri cooperavano verso un obiettivo comune del governo della minoranza bianca.


Articoli correlati

Battaglia di Dunbar del 1650

La battaglia di Dunbar fu combattuta tra il New Model Army inglese, sotto Oliver Cromwell e l’esercito scozzese comandato da

I Conquistadores più famosi: Cortès e Pizarro

Hernán Cortés e Francisco Pizarro: i due Conquistadores più famosi della storia che conquistarono rispettivamente il Messico e il Perù.

Marta Brusoni (Liguria Popolare): “No polemiche, al lavoro sui temi urgenti”

Capogruppo della lista civica Vince Genova, “pupilla”, come la chiamano i giornali, del sindaco Marco Bucci, Marta Brusoni è una