Trizio Consulting

La Colonna Traiana: l’arte romana al suo massimo

La Colonna Traiana: l’arte romana al suo massimo

La Colonna Traiana è uno dei monumenti più belli che turisti e romani hanno la possibilità di visitare all’interno della Città Eterna: un’opera originale per i suoi tempi che merita di essere conosciuta.

Roma e la sua Arte

Sulla Colonna Traiana è rappresentata la spedizione militare di conquista in Dacia dell’imperatore Traiano: una campagna particolarmente ostica per la quale venne commissionata questa opera, al fine di celebrare il trionfo dell’imperatore e delle sue truppe.

Una storia raccontata nel marmo

Si tratta ovviamente di un monumento celebrativo chiamato a raccontare una storia: se la osserviamo a partire dalla base, la Colonna Traiana dipana davanti a noi un racconto in ordine cronologico, non caratterizzato da immagini messe a caso ma da una evoluzione dei fatti.

Il termine esatto per descrivere questa colonna è “coclide” per via della struttura a forma a spirale. E’ come trovarsi davanti a un fumetto fatto di bassorilievi inciso nella pietra.

La Colonna Traiana racconta una storia piuttosto emozionante: pur essendo l’autore (o gli autori sconosciuti), il racconto è stato scolpito nella colonna con l’intento di mantenere sempre alta l’attenzione dello spettatore.

Sono il pathos, l’emozione e il coinvolgimento i veri protagonisti: il racconto è proposto all’occhio dell’osservatore senza che si verifichino cali di attenzione, spesso addirittura sacrificando le principali regole artistiche.

Anche la prospettiva viene sacrificata per mantenere alta l’emozione: in molti punti di quest’opera ci si ritrova, ad esempio, a osservare legionari  alti come dei muri, non tenendo conto di nessuna regola.

Non è solo la prospettiva a essere ignorata sulla Colonna Traiana, ma si tratta di un particolare irrilevante per chi scolpisce: gli oggetti vengono resi più grandi di quello che sono e i paesaggi vengono ristretti in maniera innaturale a favore dell’emozione e a discapito della correttezza tecnica.

Il messaggio da recapitare giustifica l’artista nel prendersi delle licenze.

I valori romani nascosti nell’opera

Perché per riprodurre la spedizione in Dacia sulla Colonna Traiana ci si concessero queste “leggerezze artistiche”?

Il primo motivo è che la storia di questa campagna è una storia costruttiva. Le legioni romane che possiamo osservare non sono semplicemente truppe che combattono, ammazzano, distruggono e portano la morte ovunque passino.

Sulla colonna vengono infatti rappresentate molte scene di vita quotidiana: la costruzione di bastioni e di ponti di passaggio, la realizzazione di strade e molto altro.

Vi è alla base la volontà di far capire che la legione romana non è solamente veicolo di combattimento e morte ma è esportatrice della civiltà romana, attraverso la costruzione di infrastrutture.

La legione romana è il primo avamposto dell’impero: il suo atteggiamento costruttivo consente di portare la civiltà nel mondo.

La seconda ragione è il bisogno di realtà. Per quanto la Colonna Traiana sia un’opera celebrativa, l’Imperatore Traiano non vuole raccontare una storia fantasiosa: vuole che i cittadini possano osservare la realtà di ciò che è successo e quindi decide di non ritoccare la storia.

Non fa scolpire una realtà che rende i romani perfetti, esaltando le vittorie e minimizzando i fallimenti: senza alcun campanilismo è possibile osservare i legionari che vengono messi in difficoltà dai nemici o ancora un soldato romano che spacca la testa a un bambino.

Si tratta di un’opera che non rispetta le prospettive ma che riporta fedelmente la realtà. Un fattore molto importante per comprendere meglio il ragionamento romano e la vita romana del tempo.

Il terzo elemento importante che caratterizza la storia raccontata dalla Colonna Traiana coinvolge la pietà e il rispetto per il nemico.

Non importa che il nemico sia riprodotto mentre si arrende o si suicida per non perdere l’onore: l’avversario viene sempre rappresentato con fierezza per rendere giustizia al suo valore.

Osservando le varie scene della Colonna Traiana, ci si rende conto di essere davanti a una storia esternamente interessante e ad una incredibile testimonianza della vita e del pensiero romano.


Articoli correlati

Il Senato romano. Storia, funzioni, caratteristiche

Il Senato Romano era una delle più importanti espressione della politica di Roma antica. Composto dai magistrati più esperti della

La battaglia del Monte Gindaro: Ventidio Basso annienta i Parti

La battaglia del Monte Gindaro è uno scontro che si tenne nel 38 a.C, tra il generale romano Publio Ventidio

Lettera di un legionario romano alla famiglia

La lettera del legionario Asinio Polione è uno dei ritrovamenti archeologici più sensazionali e suggestivi dell’intera storia romana. Si tratta