Trizio Consulting

Battaglia di Dunbar del 1650

Battaglia di Dunbar del 1650

Legio X Equestris

La battaglia di Dunbar fu combattuta tra il New Model Army inglese, sotto Oliver Cromwell e l’esercito scozzese comandato da David Leslie, il 3 settembre 1650 vicino a Dunbar, in Scozia. La battaglia ha portato a una vittoria decisiva per gli inglesi. Fu la prima grande battaglia dell’invasione della Scozia del 1650, innescata dall’accettazione da parte della Scozia di Carlo II come re d’Inghilterra dopo la decapitazione di suo padre, Carlo I, il 30 gennaio 1649.

Dopo l’esecuzione di Carlo I, il parlamento inglese istituì un Commonwealth repubblicano in Inghilterra. Quando il loro ex alleato, la Scozia, riconobbe Carlo II come re di tutta la Gran Bretagna il 1 maggio 1650 e iniziò a reclutare un esercito per sostenerlo, gli inglesi inviarono il New Model Army, sotto il comando di Cromwell.

L’esercito è entrato in Scozia il 22 luglio, con una forza di oltre 16.000 uomini. Gli scozzesi si ritirarono a Edimburgo. Cromwell cercò di scontrarsi con gli scozzesi in una battaglia campale, ma gli avversari hanno evitato di entrare in battaglia su un campo favorevole a Cromwell che non è stato in grado di sfondare la loro linea difensiva. Alla fine di agosto, con il suo esercito indebolito a causa di malattie e mancanza di cibo, Cromwell si ritirò nel porto di Dunbar. L’esercito scozzese lo seguì e prese una posizione inattaccabile su Doon Hill, che dominava la città. Il 2 settembre gli scozzesi avanzarono verso Dunbar e gli inglesi presero posizione fuori città. L’esercito inglese era notevolmente indebolito ma anche molti degli uomini scozzesi più esperti erano stati congedati.

Prima dell’alba del 3 settembre gli inglesi lanciarono un attacco a sorpresa contro gli scozzesi, poco preparati. I combattimenti furono portati al fianco nord-orientale con i principali contingenti di cavalleria inglese e scozzese che combattevano in modo inconcludente, così come la fanteria inglese e scozzese.

A causa del terreno, David Leslie, ufficiale scozzese, non fu in grado di rinvigorire i combattimenti, mentre Cromwell usò la sua ultima riserva per aggirare gli scozzesi. La cavalleria scozzese non resse l’urto e la fanteria scozzese si ritirò combattendo ma subì pesanti perdite. Tra 300 e 500 scozzesi furono uccisi, circa 1.000 feriti e almeno 6.000 furono fatti prigionieri.

Dopo la battaglia, il governo scozzese si rifugiò a Stirling, dove David Leslie radunò ciò che restava del suo esercito. Gli inglesi conquistarono Edimburgo e il porto strategicamente importante di Leith. Nell’estate del 1651 gli inglesi attraversarono il Firth of Forth per sbarcare una forza a Fife, una contea storica, sconfissero gli scozzesi a Inverkeithing e così minacciarono le roccaforti settentrionali.

Leslie e Carlo II marciarono verso sud nel tentativo di radunare sostenitori realisti in Inghilterra. Il governo scozzese, lasciato in una situazione insostenibile, si arrese a Cromwell, che poi seguì l’esercito scozzese a sud. Alla battaglia di Worcester, esattamente un anno dopo la battaglia di Dunbar, Cromwell schiacciò l’esercito scozzese, ponendo fine alla guerra.

Preludio della battaglia

Una volta firmato il Trattato di Breda, il parlamento scozzese iniziò a reclutare uomini per formare un nuovo esercito, sotto il comando di David Leslie. Il loro scopo era aumentare le forze a 36.000 uomini, ma quel numero non fu mai raggiunto. Quando Cromwell entrò in Scozia, Leslie aveva circa 8.000-9.500 fanti e 2.000-3.000 cavalieri. Il governo istituì una commissione per epurare l’esercito da chiunque fosse considerato peccatore o indesiderabile. Questa epurazione rimosse molti ufficiali esperti e il grosso dell’esercito era composto da reclute con poca formazione o esperienza.

Leslie preparò una linea difensiva di terrapieni tra Edimburgo e Leith, e impiegò una politica di terra bruciata tra quella linea e i confini. Permise quindi a Cromwell di avanzare incontrastato. La mancanza di rifornimenti e l’ostilità della popolazione locale verso gli invasori inglesi, costrinse Cromwell a fare affidamento su una catena di approvvigionamento marittimo e a questo scopo invase i porti di Dunbar e Musselburgh. Le operazioni furono ostacolate dal persistente maltempo e dalle condizioni avverse oltre la carenza di cibo che causò molte malattie nell’esercito inglese, riducendone sostanzialmente la forza.

Cromwell ha tentato di portare il combattimento a Edimburgo. Avanzò sulle linee di Leslie il 29 luglio, occupando Arthur’s Seat e bombardando Leith da Salisbury Crags. Cromwell non riuscì a far uscire Leslie allo scoperto e gli inglesi si ritirarono per la notte a Musselburgh, il loro riposo fu interrotto da un gruppo di cavalleria scozzese che fece irruzione nel campo alle prime ore del mattino.

Per tutto agosto Cromwell continuò a cercare di attirare gli scozzesi fuori dalle loro difese in modo da consentire una battaglia campale. Leslie resistette, ignorando le pressioni della gerarchia scozzese laica e religiosa che lo invitava ad attaccare l’esercito indebolito di Cromwell. In realtà Leslie pensava che il maltempo persistente, la difficile situazione di approvvigionamento inglese e la dissenteria oltre alla febbre scoppiate nel campo avrebbero costretto Cromwell a ritirarsi in Inghilterra prima dell’arrivo dell’inverno.

Il 31 agosto Cromwell si ritirò e l’esercito inglese raggiunse Dunbar il 1 settembre, impiegò due giorni marciando per 27 km da Musselburgh, continuamente in pericolo, giorno e notte, da possibili attacchi scozzesi che li seguivano da vicino. La strada fu disseminata di attrezzature abbandonate e gli uomini arrivarono, secondoil capitano John Hodgson, uno dei loro ufficiali, come un “esercito povero, distrutto, affamato e scoraggiato”.

L’esercito scozzese puntava gli inglesi, bloccando la strada per Berwick e l’Inghilterra al Cockburnspath Defile, luogo facilmente difendibile. La loro forza principale si accampò a Doon Hill, una collina alta 177 metri, 3,2 km a sud di Dunbar, da dove potevano dominare la città e la strada costiera che correva a sud-ovest della città. La collina era quasi invulnerabile all’assalto diretto. L’esercito inglese aveva perso la libertà di manovra, sebbene potesse rifornirsi via mare e, se necessario, evacuare l’esercito allo stesso modo. Il 2 settembre Cromwell esaminò la situazione e scrisse al governatore di Newcastle avvertendolo di prepararsi per una possibile invasione scozzese.
Siamo qui per un impegno molto difficile. Il nemico ci ha bloccato la strada al passo di Copperspath, attraverso il quale non possiamo passare senza un miracolo. Giace così sulle colline che non sappiamo come percorrerla senza grandi difficoltà; e il nostro giacere qui ogni giorno consuma i nostri uomini che si ammalano oltre ogni immaginazione.”

Le forze in campo

Fanteria

Le formazioni di fanteria, l’equipaggiamento e le tattiche erano simili in entrambi gli eserciti, sebbene la formazione di base del reggimento variasse notevolmente in termini di dimensioni. Un reggimento di fanteria era composto sia da moschettieri che da picchieri. I moschettieri erano armati di moschetti che possedevano canne lunghe 1,2 m e, principalmente, meccanismi di fucile a miccia. Questi facevano affidamento sull’estremità di un pezzo di fiammifero a lento rilascio, un filo sottile imbevuto di salnitro, accendeva la polvere dell’arma una volta premuto il grilletto. Queste erano armi affidabili e robuste, ma la loro efficacia era estremamente ridotta in caso di maltempo. Il bilanciamento della prontezza al combattimento con la capacità logistica richiedeva un controllo accurato da parte degli ufficiali di un reggimento. Un piccolo numero di moschettieri su ciascun lato era equipaggiato con i più affidabili moschetti a pietra focaia.

I Picchieri

I picchieri erano dotati di picche: lunghe aste di legno con punte d’acciaio. Le picche in entrambi gli eserciti erano lunghe 5,5 m. I picchieri portavano anche una spada e in genere indossavano elmi d’acciaio ma nessun’altra armatura. I manuali militari dell’epoca suggerivano un rapporto di due moschettieri per ogni picchiere, ma in pratica i comandanti di solito tentavano di massimizzare il numero di moschettieri e un rapporto più alto.

L’organizzazione

Entrambi gli eserciti organizzarono i loro reggimenti di fanteria in brigate di tre reggimenti ciascuno, che erano tipicamente schierate con due reggimenti affiancati e il terzo dietro come riserva. A volte i due reggimenti avanzati di una brigata si amalgamavano in un unico elemento più grande. Gli uomini di ciascuna unità formavano quattro o cinque ranghi in profondità e con circa 1 metro per fila, quindi un reggimento di fanteria di 600 persone poteva formare 120 uomini di larghezza e 5 di profondità, dandogli una lunghezza di 120 metri e una profondità di 5 metri.

I picchieri erano posti al centro di una formazione, con i moschettieri divisi su ciascun lato. La classica tattica contro la fanteria prevedeva che i moschettieri sparassero sui loro avversari e una volta che si pensava che fossero stati sufficientemente indeboliti, la formazione di picchieri avrebbe avanzato, tentando di sfondare il centro nemico. Questo era noto come una “spinta del luccio”. Anche i moschettieri sarebbero avanzati, ingaggiando il nemico con i loro calci di moschetto, che erano stati placcati in acciaio per questo scopo e tentando di circondare la formazione avversaria.

Contro la cavalleria, la dottrina richiedeva alle unità di fanteria di restringere la distanza tra le loro file a circa 45 centimetri per uomo e di avanzare uniformemente. Per essere efficace contro la fanteria, la cavalleria doveva irrompere nella loro formazione e se gli uomini erano stati ammassati insieme ciò non era possibile. È stato accertato che fintanto che il morale della fanteria reggeva, la cavalleria avrebbe potuto fare poco contro il fronte di una tale formazione. Tuttavia, i fianchi e le retrovie erano sempre più vulnerabili poiché la fanteria si ammassava più vicina, ciò rendeva più difficili le manovre o girare l’unità.

La cavalleria Inglese

La maggior parte della cavalleria inglese utilizzava cavalli di pezzatura grande, per l’epoca. I cavalieri indossavano elmi di metallo con coda di aragosta che proteggeva la testa e, di solito, il collo, le guance e, in una certa misura, il viso. Indossavano giacche di pelle spessa non trattata e stivali lunghi fino alle cosce. L’armatura era conosciuta ma poco utilizzata. Erano armati ciascuno con due pistole e una spada. Le pistole erano lunghe da 46 cm a 61 cm e avevano una portata effettiva molto limitata.

La maggior parte, ma non tutte, le pistole di cavalleria avevano meccanismi di sparo a pietra focaia, che erano più affidabili in condizioni di tempo umido o ventoso rispetto ai meccanismi a miccia. I meccanismi a pietra focaia erano più costosi e di solito erano riservati alla cavalleria, che trovava scomodo accendere e usare la pistola mentre dovevano controllare l’andamento del cavallo. Le spade erano dritte, lunghe 90 cm ed efficaci sia nel taglio che nella spinta. La cavalleria era solitamente posizionata su ciascun fianco della fanteria.

La cavalleria Scozzese

La cavalleria scozzese era equipaggiata in modo simile, con elmi, pistole, spade e nessuna armatura, sebbene i loro ranghi anteriori portassero lance al posto delle pistole. La differenza principale era che i cavalli scozzesi erano più piccoli e leggeri; questo dava loro una maggiore manovrabilità ma li metteva in svantaggio in uno scontro faccia a faccia. Le tattiche di cavalleria inglese avevano lo scopo di utilizzare i loro punti di forza. Avrebbero avanzato in una formazione compatta, con le gambe dei loro cavalieri intrecciate, non più veloci di un trotto, al fine di mantenere la formazione. Avrebbero scaricato le loro pistole a brevissima distanza e, entrando in contatto, avrebbero tentato di usare il solo peso delle loro cavalcature e la massa della loro formazione per respingere gli avversari e fare irruzione nei loro ranghi.

Il primo assalto

Intorno alle 4 di mattino del 3 settembre la cavalleria inglese avanzò per eliminare i picchetti scozzesi dai tre punti di attraversamento militarmente praticabili del Brox Burn: Brand’s Mill, il guado stradale e a nord di Broxmouth House. I picchetti furono colpiti e scoppiò un confuso scontro a fuoco. La pioggia cessò permettendo al chiaro di luna di illuminare la scena. L’artiglieria di entrambe le parti aprì il fuoco, cosa successe non è noto. Al primo accenno dell’alba la brigata di cavalleria di Lambert attraversò il Brox Burn al guado della strada e si fermò dall’altra parte senza alcun problema. Le cavalcature inglesi erano in buone condizioni e i tre reggimenti avanzarono nella loro solita formazione serrata. Nonostante l’attività della notte, la formazione avanzata della cavalleria scozzese non era preparata all’azione e il suo comandante, Montgomerie, probabilmente non era presente. Gli scozzesi furono colti di sorpresa, alcuni erano ancora nelle loro tende e furono colpiti dagli inglesi.

Più o meno nello stesso momento Monck spinse la sua brigata di fanteria attraverso il Brox Burn a Brand’s Mill e attaccò la brigata di fanteria scozzese di Lumsden. Gli uomini di Lumsden erano allo sbando. Reese riferisce che molti di loro erano nuove reclute che si erano unite alla brigata solo di recente.

I moschettieri di Monck lanciarono due raffiche, ricevendo in cambio poco fuoco e caricarono insieme ai loro picchieri. Il fuoco dei cannoni da campo inglesi colpì la linea scozzese. Ci sono resoconti contrastanti e talvolta confusi di ciò che è successo dopo. Reid fece andare in frantumi la brigata scozzese. Le truppe di Monck le inseguirono ma furono poi colte da un contrattacco dell’altra brigata scozzese.

Secondo Reese, i reggimenti di Lumsden mantennero la loro coesione e, rinforzati dalle truppe della Brigata Lawers, respinsero Monck.

Rossi: Inglesi – Blu: Scozzesi

Nel frattempo, la carica di cavalleria di Lambert si fermò dentro l’accampamento dei cavalieri scozzesi, con la sua formazione però non coordinata dopo aver inseguito la cavalleria scozzese di prima linea. Mentre si stavano riorganizzando, furono caricati dalla cavalleria di seconda linea di Strachan e respinti. Reese riferisce che era quasi l’alba, nuvoloso, nebbioso, occasionalmente c’erano forti acquazzoni e che grandi nubi di fumo di cannoni e moschetti si stavano diffondendo sul campo di battaglia: l’effetto sarebbe stato quello di limitare notevolmente visibilità e consapevolezza della situazione.

Contemporaneamente, la brigata di Lilburne di altri tre reggimenti di cavalleria aveva attraversato il Brox Burn, si era preparata e si era mossa per rinforzare Lambert. I combattimenti sembrano essersi articolati in una serie di azioni sparse per la pianura costiera, con il focus che si sposta lentamente verso est.

La brigata di fanteria di Thomas Pride composta da tre reggimenti era a nord-ovest della cavalleria e attraversò il Brox Burn a nord di Broxmouth, virò a destra e marciò a sud, dietro la mischia di cavalleria in corso e rinforzò la Brigata di Monck che era stata respinta dalla fanteria scozzese della Lawers Brigade e, forse, da quella di Lumsden. Nella confusione i reggimenti di Pride entrarono in azione frammentati e quelli più a sinistra, di Lambert, ma ingaggiarono solo molto in ritardo vicino a Little Pinkerton. Leslie aveva tre brigate di fanteria non impegnate, ma furono schiacciate tra il ripido pendio di Doon Hill e il Brox Burn e non furono in grado di combattere. Dietro tutti questi, tenuto in riserva, c’era il reggimento del Lord General di Cromwell, rinforzato da due compagnie di dragoni.

Manovra di aggiramento

Come per altri aspetti della battaglia, le fonti differiscono su ciò che è successo dopo. Reid e Royle scrivono separatamente che il reggimento guidato da William Packer, attraversò il Brox Burn a nord di Broxmouth, accanto o dietro la brigata di Pride. Quindi marciò a sud-est, si fermò tra la tentacolare battaglia di cavalleria e la costa, sul fianco destro degli scozzesi, li caricò e mise in fuga l’intera forza di cavalleria. Wanklyn è d’accordo con questo punto generale, ma afferma che è stata la brigata di fanteria di Pride a guidare la carica sul fianco.

Rossi: Inglesi – Blu: Scozzesi

Cromwell e Lambert impedirono un inseguimento e osservarono la situazione mentre la cavalleria inglese si riorganizzava. Cromwell ordinò alla sua cavalleria di spostarsi a nord-ovest, dove si stava svolgendo la lotta tra fanteria e un”altra unità e caricò le truppe sul fianco destro e la loro formazione crollò.

Secondo i resoconti inglesi, la resistenza scozzese crollò a questo punto, con le brigate scozzesi non impegnate gettarono le armi e fuggirono. Reid fa notare che, poiché molti dei reggimenti scozzesi interessati stavano combattendo da tempo, il loro ritiro potrebbe essere stato più lento e meno impaurito di quanto raccontato dagli inglesi. Leslie potrebbe aver spostato la sinistra e il centro del suo esercito fuori dal campo prima che la resistenza crollasse. Le brigate di Holborne e Innes attraversarono il Brox Burn vicino a quello che oggi è il ponte Doon, il ponte non esisteva all’epoca, e si ritirarono a est in buon ordine, schermate dalla piccola brigata di cavalleria di Stewart. La Brigata di Pitscottie coprì la loro ritirata e mentre due dei suoi reggimenti fuggirono con poche perdite, uno – quello di Wedderburn – fu quasi spazzato via; presumibilmente mentre proteggeva la ritirata degli altri scozzesi sopravvissuti.

La cavalleria scozzese che teneva Cockburnspath Defile si ritirò e si unì alla cavalleria scozzese sconfitta dalla loro ala destra. Percorsero un ampio anello a sud e poi a ovest di Doon Hill e si unirono alla forza principale di Leslie mentre si ritirava verso la loro base avanzata a Haddington, 13 km a ovest del campo di battaglia.

Le fonti differiscono per quanto riguarda le vittime scozzesi. Cromwell afferma che sono stati “uccisi quasi quattromila uomini” e catturati 10.000 scozzesi. Il giorno dopo la battaglia furono rilasciati tra i 4.000 e i 5.000 prigionieri. Diverse fonti moderne accettano queste cifre sebbene altri le respingano. Reid li descrive come assurdi. L’analista scozzese James Balfour registrò “8 o 900 uccisi”.

Il realista inglese Edward Walkerha 6.000 prigionieri presi e 1.000 rilasciati. Dal racconto di Walker, Reid calcola che furono uccisi meno di 300 scozzesi. Brooks usa il numero noto di scozzesi feriti, circa 1.000, per stimare i loro morti in 300-500. Tutti i resoconti concordano sul fatto che circa 5.000 prigionieri scozzesi furono condotti a sud e che 4.000-5.000 scozzesi sopravvissero per ritirarsi verso Edimburgo. Oltre la metà di loro formava corpi di fanteria. Le vittime inglesi furono basse, Cromwell le indicò in 30-40 uccisi.

Foto: By Harrias – Own work, based on Reese, Peter (2006). Cromwell’s Masterstroke: The Battle of Dunbar 1650. Barnsley: Pen and Sword. ISBN 978-1-84415-179-0, p. 86; Reid, Stuart (2008) [2004]. Dunbar 1650: Cromwell’s Most Famous Victory. Oxford: Osprey Publishing.

Alessandro Trizio

Alessandro Trizio

Studioso di Geopolitica, Politica e Storia.


Tag assegnati a questo articolo:
BattagliaInglesiScozzesi

Articoli correlati

Erasmo da Rotterdam. Teologo e filosofo olandese

Erasmo da Rotterdam fu un teologo cristiano del Rinascimento, le cui traduzioni del Nuovo Testamento aprirono fondamentali dispute teologiche

Carige. Michela Sossella. Intervista: il ruolo delle banche durante l’emergenza

Siamo con Michela Sossella che si occupa di pianificazione e marketing in Banca Carige. Le banche hanno un ruolo importante,

Quando fu costruito il muro di Berlino?

Quando fu costruito il muro di Berlino che divideva ideologicamente e fisicamente la Germania?