La dinastia Giulio Claudia

Scoperta una lingua precedentemente sconosciuta

La ricerca archeologica in Medio Oriente sta rivelando come un’antica civiltà da tempo dimenticata utilizzasse una linguistica precedentemente sconosciuta per promuovere il multiculturalismo e la stabilità politica.

Le scoperte rivoluzionarie stanno anche gettando nuova luce su come funzionavano i primi imperi.

Gli scavi in ​​corso in Turchia – tra le rovine dell’antica capitale dell’impero ittita – stanno fornendo prove notevoli del fatto che il servizio civile imperiale comprendeva interi dipartimenti interamente o parzialmente dedicati alla ricerca sulle religioni dei popoli soggetti.

Le prove suggeriscono che, già nel secondo millennio a.C., i leader ittiti dissero ai loro funzionari pubblici di registrare le liturgie religiose e le altre tradizioni dei popoli soggetti trascrivendole nelle rispettive lingue locali (ma in caratteri ittiti) – in modo che quelle tradizioni potessero essere preservate e incorporate nel sistema religioso multiculturale altamente inclusivo dell’impero.

Finora, moderni esperti di lingue antiche hanno scoperto che i funzionari ittiti conservavano e registravano documenti religiosi di almeno cinque gruppi etnici.

L’ultimo esempio è stato portato alla luce solo due mesi fa. Si è scoperto che era scritto in una lingua mediorientale precedentemente sconosciuta che era andata perduta 3.000 anni fa.

Nel corso dei decenni, circa 30.000 tavolette d’argilla complete o frammentarie sono state rinvenute tra le rovine dell’antica capitale ittita – Hattussa (ora conosciuta come Bogazkoy) a circa 160 km a est della moderna capitale della Turchia, Ankara.

La grande maggioranza era scritta nella lingua principale dell’impero: l’ittita. Ma gli scribi del governo ittita scrissero circa il 5% di essi, completamente o in parte, nelle lingue dei gruppi etnici minoritari dell’impero: popoli come i Luwiani (dell’Anatolia sudorientale), i Palaiani (da una parte dell’Anatolia nordoccidentale), gli Hattiti (dell’Anatolia centrale) Anatolici) e Hurriti (dalla Siria e dalla Mesopotamia settentrionale).

La lingua minoritaria scoperta più recentemente, registrata dagli scribi governativi (e precedentemente sconosciuta agli studiosi moderni) viene chiamata Kalasmaico, perché sembra essere stata parlata da un popolo suddito in un’area chiamata Kalasma, ai margini nord-occidentali dell’impero.

La scoperta suggerisce che anche le lingue più oscure dell’impero venivano registrate, studiate e conservate in forma scritta. Ciò a sua volta solleva la possibilità che altre piccole lingue mediorientali precedentemente sconosciute verranno scoperte, registrate su tavolette di argilla imperiali ittite, nella particolare serie di antichi scriptoria che gli archeologi stanno attualmente scavando a Bogazkoy.

Gli scribi del servizio civile dell’impero scrivevano tutti i loro manoscritti in una versione ittita di una preesistente scrittura di origine mesopotamica (il sistema di scrittura più antico del mondo) chiamata cuneiforme, costituita da linee a forma di cuneo disposte in gruppi che rappresentano le sillabe.

L’area del Medio Oriente che oggi è la Turchia era, nell’antichità, particolarmente ricca di lingue.

La diversità linguistica dipende spesso dalla topografia. Maggiore è il numero delle montagne e dei sistemi di valli isolati, maggiore è la probabilità che le lingue si sviluppino e sopravvivano.

Attualmente si conoscono solo cinque lingue minoritarie dell’impero ittita dell’età del bronzo – ma in realtà, data la topografia montuosa, potrebbero essercene state almeno 30.

Infatti, proprio adiacente all’antico impero ittita c’era la regione montuosa del Caucaso che ancora oggi vanta circa 40 lingue.

La lingua ittita è la più antica lingua indoeuropea attestata al mondo.

Le prime iscrizioni risalgono al XVI secolo a.C. Essendo una lingua indoeuropea, è imparentata con la maggior parte delle lingue europee moderne (incluso l’inglese) e con molte lingue asiatiche (tra cui l’iraniano e molte indiane). Infatti, nonostante l’intervallo temporale di 3.000 anni, l’ittita antico e l’inglese moderno hanno dozzine di parole in comune.

Watar era ad esempio ittita per “acqua”. Duttar era la parte principale della parola ittita per “figlia”. “Vino” era wiyana , mentre carta era “cuore/cardiaco” e newa era la loro parola per “nuovo”.

Gli scavi degli antichi scriptoria a Bogazkoy permetteranno agli esperti di linguistica di comprendere meglio l’evoluzione delle lingue indoeuropee dell’antica età del bronzo a cui l’inglese è lontanamente imparentato.

Gli scavi attuali sono diretti dal professor Andreas Schachner dell’Istituto archeologico tedesco di Istanbul – mentre lo studio dei testi sulle tavolette di argilla è intrapreso da paleolinguisti delle università di Würzburg e Istanbul.

“La storia del Medio Oriente dell’età del bronzo è compresa solo in parte – e la scoperta di ulteriori documenti su tavolette di argilla sta aiutando gli studiosi ad aumentare sostanzialmente la nostra conoscenza”, ha affermato Daniel Schwemer, esperto di scrittura cuneiforme, professore dell’Università di Wurzburg, che sta conducendo le indagini sui testi appena scoperti.

Gli scavi a Bogazkoy stanno attualmente portando alla luce tra le 30 e le 40 nuove tavolette cuneiformi o frammenti di tavoletta ogni anno. Bogazkoy (l’antica Hattusa) è particolarmente importante perché, in quanto centro dell’impero ittita (dal 1650 a.C. al 1200 a.C. circa), era la capitale di una delle prime mezza dozzina di sistemi politici imperiali veramente grandi del mondo. Era quindi sede di uno dei primi servizi civili al mondo veramente importanti per la produzione di documenti.

L’impero ittita si estendeva dal Mar Egeo a ovest fino all’attuale Iraq settentrionale a est e dal Mar Nero a nord fino al Libano a sud.

La civiltà ha cambiato radicalmente la storia umana, perché le sue innovazioni tecnologiche (in particolare l’uso del ferro, lo sviluppo di sofisticati carri da guerra ultraleggeri e la creazione di un consistente servizio civile) hanno consentito un’espansione della guerra e del governo e la creazione di strutture sempre più grandi. imperi.

La ricerca archeologica in corso a Bogazkoy sta gettando nuova luce su come funzionava la civiltà ittita e quindi su come ha contribuito a trasformare la storia umana.