Trizio Consulting

Gli ottimati e i popolari nella politica di Roma Antica

Gli ottimati e i popolari nella politica di Roma Antica

Legio X Equestris

Gli ottimati (Optimates) e Popolari (Populares) erano due fazioni politiche che hanno caratterizzato la storia di Roma antica, a cui sono appartenuti, alternativamente, i più grandi personaggi romani.

È semplice cadere nell’errore di categorizzare ottimati e popolari in una lotta di ricchi contro poveri: in realtà, c’è molto più di questo nel loro opporsi.

O ancora, eseguendo un parallelismo sbagliato con i giorni nostri, alcuni pensano che gli optimates possano corrispondere a partiti di “destra” come Forza Italia e o la Lega e i populares a partiti di “sinistra” come il PD o Rifondazione Comunista: una comparazione completamente errata.

Per capire bene il perché di questo rapporto burrascoso tra le parti è importante comprendere qual è la differenza fra queste due espressioni della politica romana.

È importante fare chiarezza e per riuscire bisogna abbandonare ogni riferimento alla politica attuale: quello degli ottimati e dei popolari era un mondo totalmente avulso da quello moderno.

Chi sono gli optimates

Gli ottimati sono coloro che discendono dalle famiglie che hanno fondato Roma, e che hanno una storia familiare e una tradizione politica importante.

Proprio per via del loro lignaggio hanno quindi una preparazione, una cultura e una capacità politica, almeno in linea teorica, superiore: sono in possesso di tutta una serie di strumenti e di conoscenze che permettono loro di fare politica avendo voce in capitolo.

Il loro fare politica, in teoria, rappresenta il “bene di Roma”, ovvero quelle azioni che sostengono la Repubblica e il suo benessere sul lungo termine.

Gli optimates sono coloro che lavorano per ottenere risultati duraturi ma questo non cancellava il fatto che rappresentassero un sistema oligarchico e fossero componenti delle famiglie più ricche e più potenti di Roma.

Sono gli aristocratici, il ceto dominante, e dunque quello che “merita” di guidare Roma.

Questo non toglie che un ottimate potesse avere fra le sue clientele, ovvero una rete di persone legate da vincoli commerciali o finanziari, ogni tipo di persone, anche dei poveri.

Chi sono i populares

I populares sono al contrario persone che prima di tutto non hanno “precedenti politici”.

Ci sono ovviamente delle eccezioni: Cicerone, ottimate, non aveva una storia politica precedente, ma in linea di massima il popolare è molto spesso l’“Homo Novus” ovvero una persona che non ha mai avuto una tradizione nobiliare o politica e che per la prima volta scende in campo.

I popolari non hanno una vera e propria esperienza: la loro preparazione è cresciuta attraverso la partecipazione alle assemblee cittadine.

Non sono spesso persone di cultura, non conoscono il greco e la filosofia. In linea teorica sono più “grezzi” e rappresentano il popolo: a partire dal senzatetto e dai poveri, passando per il ceto medio e arrivando a persone che sono anche ricchi commercianti o piccoli imprenditori ma che non fanno parte della nobiltà per tradizione familiare.

Cosa facevano quindi i populares? Portavano avanti le istanze e i bisogni delle masse cittadine e di tutti i “non nobili”.

L’atteggiamento “populistico” era diffuso tra di loro: attraverso misure atte ad ottenere un consenso facile, facevano presa sulle masse e utilizzavano l’opinione pubblica per farsi strada in politica.

Similmente a prima, tra i sostenitori e nelle clientele dei popolari si potevano incontrare non solo dei poveri ma anche dei ricchi. Basti pensare a Caio Gracco, straordinario leader populares, ma che tra i suoi clienti aveva addirittura il Re di Pergamo.

Chi prevalse tra ottimati e popolari?

Nella millenaria storia romana, il conflitto fra ottimati e popolari non si sedò mai del tutto.

Possiamo dire che gli ottimati dominarono la prima parte della storia repubblicana, toccando l’apice assoluto con la dittatura e le riforme di Cornelio Silla ottenute da quest’ultimo proprio grazie alla vittoria contro il leader populares, Caio Mario.

I populares ebbero però la loro rivincita con Giulio Cesare e il nipote Ottaviano Augusto. Sicuramente i popolari riuscirono a scrivere la storia della parte finale della Repubblica romana e dell’alto impero.

Le differenze si acuirono ma diversificarono nel periodo del tardo impero.

Gli ottimati si trasformarono in una casta di privilegiati del tutto incapaci di gestire la politica e preoccupati solamente del loro benessere personale, mentre i populares vennero rappresentati da alcuni imperatori che cercarono di redistribuire la ricchezza o eseguire delle riforme sociali.


Articoli correlati

Le navi di Nemi

Le navi di Nemi, gigantesche imbarcazioni costruita dall’imperatore Caligola, rappresentano una delle più gravi perdite in tutta la storia dell’Archeologia.

Pompei e l’eruzione del Vesuvio del 79 d.C

L’eruzione del Vesuvio nel 79 d.C è senza dubbio uno degli avvenimenti più catastrofici del mondo antico: nel corso di

L’influenza degli Etruschi sui Romani: così l’Etruria plasmò Roma

Gli Etruschi furono la prima vera potenza italica prima dei Romani, sui quali ebbero una profonda ed insostituibile influenza