Trizio Consulting

Cavalieri templari, chi erano?

Cavalieri templari, chi erano?

Iscriviti alla Newsletter


I Cavalieri Templari, o membri dei Poveri compagni d’armi di Cristo e del tempio di Salomone, un ordine cavalleresco militare religioso istituito all’epoca delle Crociate che divenne modello e ispirazione per altri ordini militari.

Originariamente fondato per proteggere i pellegrini cristiani in Terra Santa, l’ordine assunse maggiori incarichi militari nel corso del XII secolo. La sua importanza e la crescente ricchezza, tuttavia, provocarono l’opposizione degli ordini rivali. Falsamente accusato di blasfemia e accusato dei fallimenti dei crociati in Terra Santa, l’ordine fu disciolto dal re Filippo IV di Francia.

Dopo il successo della prima crociata (1095–99), un certo numero di stati crociati furono creati in Terra Santa, ma questi regni mancavano della forza militare necessaria per mantenere non più di una tenue presa sui loro territori. La maggior parte dei crociati tornò a casa dopo aver adempiuto ai propri voti e i pellegrini cristiani diretti a Gerusalemme subirono attacchi da parte di predoni musulmani.

A causa della difficile situazione di questi cristiani, otto o nove cavalieri francesi guidati da Hugh de Payns giurarono alla fine del 1119 o all’inizio del 1120 di dedicarsi alla protezione dei pellegrini e di formare una comunità religiosa a tale scopo. Baldovino II, re di Gerusalemme, diede loro alloggio in un’ala del palazzo reale nell’area dell’ex Tempio di Salomone, e da questo derivò il loro nome.

Sebbene i Templari fossero osteggiati da coloro che rifiutavano l’idea di un ordine militare religioso e successivamente da coloro che ne criticavano la ricchezza e l’influenza, furono sostenuti da molti leader laici e religiosi. A partire dal 1127, Hugh de Payns intraprese un tour dell’Europa e fu ben accolto da molti nobili, che fecero importanti donazioni ai cavalieri. I Templari ottennero un’ulteriore aiuto al Concilio di Troyes nel 1128, richiesto da Bernardo di Chiaravalle. Bernardo ha scritto anche In Lode del Nuovo Cavalierato ( c. 1136), che difese l’ordine dalle critiche e contribuì alla sua crescita. Nel 1139 papa Innocenzo II emise una bolla che concedeva all’ordine privilegi speciali: i Templari potevano costruire i propri oratori e non erano tenuti a pagare la decima; erano anche esenti dalla giurisdizione episcopale, essendo soggetti al solo papa.

Cavaliere templare

La regola dell’ordine è stata modellata sulla regola benedettina, soprattutto come intesa e attuata dai cistercensi. I Cavalieri Templari giurarono povertà, castità e obbedienza e rinunciarono al mondo, proprio come facevano i Cistercensi e altri monaci. Come i monaci, i Templari seguivano l’ufficio divino durante ciascuna delle ore canoniche del giorno e dovevano onorare i digiuni e le veglie del calendario monastico.

Si trovavano spesso in preghiera ed esprimevano particolare venerazione alla Vergine Maria. Non potevano giocare d’azzardo, imprecare o ubriacarsi e dovevano vivere in comunità, dormire in un dormitorio comune e mangiare insieme. Non erano, tuttavia, rigorosamente di clausura, come lo erano i monaci, né ci si aspettava che eseguissero letture devozionali, la maggior parte dei Templari infatti era ignorante e incapace di leggere il latino. Il compito principale dei cavalieri era combattere. I Templari ampliarono gradualmente i loro doveri dalla protezione dei pellegrini ad una più ampia difesa degli stati crociati in Terra Santa. Costruirono castelli, presidiarono importanti città e parteciparono a battaglie, schierando contingenti significativi contro gli eserciti musulmani fino alla caduta di Acri, l’ultima roccaforte crociata rimasta in Terra Santa, nel 1291.

Durante la metà del XII secolo furono stabilite la costituzione dell’ordine e la sua struttura di base. Era guidato da un gran maestro, che veniva eletto a vita e prestava servizio a Gerusalemme. I territori dei Templari erano divisi in province, le quali erano governate da comandanti provinciali, e ogni singolo casale, chiamata precettoria, era guidata da un precettore. Si tennero riunioni del capitolo generale di tutti i membri dell’ordine per affrontare questioni importanti che riguardavano i Templari e per eleggere un nuovo maestro quando necessario. Analoghi incontri si sono svolti a livello provinciale e con cadenza settimanale in ciascuna precettoria.

I Templari erano originariamente divisi in due classi: cavalieri e sergenti. I fratelli-cavalieri provenivano dall’aristocrazia militare e furono formati nelle arti della guerra. Assunsero posizioni di comando d’élite nell’ordine e prestarono servizio presso le corti reali e papali. Solo i cavalieri indossavano le insegne distintive dei Templari, una sopravveste bianca contrassegnata da una croce rossa. I sergenti, o fratelli in servizio, che di solito provenivano da classi sociali inferiori, costituivano la maggioranza dei membri. Si vestivano di abiti neri e servivano sia come guerrieri che come servitori. I Templari alla fine aggiunsero una terza classe, i cappellani, che erano responsabili dello svolgimento delle funzioni religiose, dell’amministrazione dei sacramenti e dei bisogni spirituali degli altri membri. Sebbene alle donne non fosse permesso unirsi all’ordine, sembra che ci fosse almeno un convento di suore templari.

I Templari acquisirono grandi ricchezze. I re e i grandi nobili di Spagna, Francia e Inghilterra diedero all’ordine signorie, castelli e possedimenti, così che verso la metà del XII secolo i Templari possedevano proprietà sparse nell’Europa occidentale, nel Mediterraneo e in Terra Santa. La forza militare dei Templari consentiva loro di raccogliere, immagazzinare e trasportare in sicurezza lingotti da e verso l’Europa e la Terra Santa, e la loro rete di depositi di tesori e la loro efficiente organizzazione di trasporto li rendevano attraenti come banchieri per i re e per i pellegrini in Terra Santa.

Castello dei templari

I Templari non erano privi di nemici, tuttavia. Erano da tempo impegnati in un’aspra rivalità con l’altro grande ordine militare d’Europa, gli Ospitalieri e, alla fine del XIII secolo, furono avanzate proposte per unire i due ordini in uno solo. La caduta di Acri in mano ai musulmani nel 1291 rimosse gran parte della ragione d’essere dei Templari e la loro grande ricchezza, le vaste proprietà terriere in Europa e il potere ispirarono verso di loro risentimento. Sebbene un ex Templare avesse accusato l’ordine di blasfemia e immoralità già nel 1304, fu solo più tardi, dopo che Filippo IV ordinò l’arresto, il 13 ottobre 1307, di tutti i Templari in Francia e sequestrò tutte le Proprietà dei Templari nel paese, che la maggior parte della popolazione europea venne a conoscenza dell’entità dei presunti crimini dell’ordine.

Filippo accusò i Templari di eresia e immoralità; altre accuse contro di loro includevano il culto degli idoli, di una testa maschile barbuta che si dice avesse grandi poteri, il culto di un gatto, l’omosessualità e numerosi altre violazioni di fede e di pratica.

Al rito segreto di iniziazione dell’ordine, si sostenne, il nuovo membro doveva rinnegare Cristo tre volte, sputare sul crocifisso e baciarlo alla base della spina dorsale, sull’ombelico e sulla bocca dal cavaliere che presiedeva la cerimonia. Le accuse, ora riconosciute infondate, erano fatte appositamente per alimentare i timori sugli eretici, streghe e demoni ed erano simili alle accuse che Filippo aveva usato contro papa Bonifacio VIII.

Le ragioni per cui Filippo ha cercato di distruggere i Templari non sono chiare; potrebbe aver sinceramente temuto il loro potere ed essere stato motivato dalla sua stessa devozione a distruggere un gruppo eretico, oppure potrebbe aver semplicemente visto un’opportunità per raccogliere la loro immensa ricchezza, essendo lui stesso cronicamente a corto di soldi. In ogni caso, Filippo perseguì senza pietà l’ordine e fece torturare molti dei suoi membri per ottenere false confessioni.

Sebbene papa Clemente V, anch’egli francese, ordinò l’arresto di tutti i Templari nel novembre 1307, un consiglio ecclesiastico nel 1311 votò a stragrande maggioranza contro la soppressione e i Templari in paesi diversi dalla Francia furono dichiarati innocenti dalle accuse. Clemente, tuttavia, sotto la forte pressione di Filippo, soppresse l’ordine il 22 marzo 1312 e le proprietà dei Templari in tutta Europa furono trasferite agli Ospitalieri o confiscate dai governanti. I cavalieri che si confessavano e si riconciliavano con la chiesa furono mandati in pensione nelle ex case dell’ordine o nei monasteri, ma coloro che non si confessarono furono processati. Tra i giudicati colpevoli c’era l’ultimo gran maestro dell’ordine, Jacques de Molay. Portati davanti a una commissione istituita dal papa, de Molay e altri leader furono giudicati eretici e condannati all’ergastolo. Il maestro protestò e ripudiò la sua confessione e fu bruciato sul rogo, ultima vittima di una persecuzione ingiusta e opportunistica.

Al momento del suo scioglimento, l’ordine era un’istituzione importante sia in Europa che in Terra Santa e già oggetto di miti e leggende. I Templari erano associati alla leggenda del Graal e furono identificati come difensori del castello del Graal per tutto il Medioevo. Nel 18° secolo i massoni affermarono di aver ricevuto in una linea di successione la conoscenza esoterica che i Templari avevano posseduto. In seguito gli ordini fraterni invocarono in modo simile il nome Templare per rafforzare le affermazioni di saggezza antica o rivelata. I Templari furono anche identificati come gnostici e furono accusati di essere coinvolti in una serie di cospirazioni, inclusa quella che sarebbe stata alla base della Rivoluzione francese. Un resoconto spesso citato ma probabilmente apocrifo riferisce che, dopo l’esecuzione di Luigi XVI, un massone francese intinse un panno nel sangue del re ucciso e gridò: “Jacques de Molay, sei vendicato!”.

Nel XX secolo l’immagine del Cristo sulla Sindone di Torino è stata identificata come la testa presumibilmente venerata dai Templari. Resuscitando una vena di pseudostoria e leggende del Graal, autori nel 20° secolo, affermando di ricostruire fatti storici ma scrivendo ciò che la maggior parte degli studiosi considera fantasia, hanno coinvolto i Templari in una vasta cospirazione dedicata a preservare la linea di sangue di Gesù. Simili teorie della cospirazione occulta furono utilizzate anche dagli scrittori di narrativa nel XX e XXI secolo.

Niccolò Giraudo

Niccolò Giraudo

Torino è una città fantastica, specialmente per chi ama il design in tutte le sue forme. Chi non ci credesse può venire a casa mia: matite e pennelli non mancano. Si può anche suonare il violoncello. È l’ambiente ideale anche per recensire un film, un blog o un nuovo tostapane. Provare per credere.


Articoli correlati

La conquista dell’America. Riassunto e storia

La conquista dell’America da parte degli stati europei del XV secolo portò alla conquista e alla colonizzazione su vasta scala del cosiddetto Nuovo Mondo

Ucraina. I media e la guerra. Intervista a Nicola Graziani – Agi

La copertura mediatica della guerra in Ucraina non ha quasi precedenti. Le televisioni e soprattutto i giornali di tutto il

La Guerra di Chioggia: Genova contro Venezia

La guerra di Chioggia vide fronteggiarsi la Repubblica di Genova e quella di Venezia: le dinamiche, l’assedio genovese e la riscossa veneziana