La dinastia Giulio Claudia

La battaglia di Dunkerque, 1940. L’evacuazione di 338.000 soldati in fuga dai tedeschi

La battaglia di Dunkirk è stata una importante battaglia della Seconda Guerra Mondiale, combattuta nel maggio e giugno del 1940 tra le forze alleate (in gran parte costituite da truppe britanniche, francesi e belghe) e le forze tedesche. La battaglia è stata caratterizzata da un intenso combattimento terrestre, aereo e navale, che ha avuto luogo nell’area della città costiera di Dunkerque, in Francia.

Dopo la disastrosa campagna in Francia, le forze alleate furono costrette a ritirarsi verso Dunkerque e la spiaggia circostante, dove si trovarono intrappolati e circondati dalle forze tedesche. A causa della superiorità aerea e terrestre dei tedeschi, la situazione delle truppe alleate sembrava disperata.

Tuttavia, grazie all’organizzazione di una grande operazione di evacuazione, nota come “Operazione Dynamo”, le forze alleate furono in grado di evacuare circa 338.000 soldati dalla spiaggia di Dunkirk verso l’Inghilterra, attraverso una flotta di navi civili e militari.

Nonostante la battaglia di Dunkirk sia stata una sconfitta militare per le forze alleate, la loro evacuazione di successo dalla spiaggia di Dunkirk ha rappresentato un momento decisivo nella guerra, poiché ha salvato un grande numero di soldati alleati e ha permesso alla Gran Bretagna di continuare la guerra contro la Germania.

La guerra lampo e il crollo degli Alleati

Lo scenario dell’evacuazione da Dunkerque fu l’invasione tedesca dei Paesi Bassi e della Francia settentrionale nel maggio del 1940.

Il 10 maggio ebbe inizio una fulminea offensiva tedesca contro i Paesi Bassi, con la conquista di accessi strategici all’interno del paese tramite truppe paracadutiste, al fine di aprire la via alle forze mobili a terra. I soldati olandesi si ritirarono verso ovest e a mezzogiorno del 12 maggio i carri armati tedeschi erano alle porte di Rotterdam.

La regina Guglielmina e il suo governo abbandonarono il paese fuggendo verso l’Inghilterra il 13 maggio, e il giorno successivo l’esercito olandese si arrese ai tedeschi.

Anche il Belgio venne attaccato il 10 maggio, quando le truppe aviotrasportate tedesche atterrarono sulla fortezza di Eben Emael, situata di fronte a Maastricht, e sui ponti sul Canale Alberto. L’11 maggio il fronte belga fu infranto e i carri armati tedeschi avanzarono verso ovest, mentre le divisioni francesi, belghe e britanniche si ritiravano su una linea compresa tra Anversa e Namur.

L’assalto tedesco alla Francia si basò sull’azione improvvisa del generale Paul Ludwig von Kleist, che penetrò attraverso una vasta area boscosa.

Il 10 maggio i carri armati tedeschi raggiunsero il confine sud-orientale del Belgio, dopo aver attraversato il Lussemburgo, e la sera del 12 maggio i tedeschi sorpassarono la frontiera franco-belga, raggiungendo il fiume Mosa.

Il giorno successivo, varcarono il fiume e il 15 maggio superarono le linee di difesa francesi, virando verso ovest verso la Manica. In tale data, il generale Henri Giraud assunse il comando della Nona Armata francese e formulò un piano di controffensiva su una linea 25 miglia più a ovest della Mosa.

Tuttavia, il 16 maggio Giraud comprese che non vi erano forze sufficienti per tale operazione, poiché i tedeschi si erano spostati ben oltre quella linea. Di conseguenza, Giraud ordinò la ritirata sulla linea dell’Oise, situata 30 miglia più indietro, con l’intenzione di fermare i tedeschi. Ma, ancora una volta, era troppo tardi, poiché le divisioni corazzate tedesche riuscirono a superare le truppe in ritirata, oltrepassando quella barriera il 17 maggio.

Anche se i francesi avessero tentato una controffensiva, sarebbe stato difficile sconfiggere l’invasore. Il fianco meridionale di Kleist venne gradualmente rinforzato dalle sue divisioni motorizzate, a loro volta sostituite dalle truppe di fanteria che avanzavano il più rapidamente possibile.

Il 15 maggio, il comandante in capo francese Maurice Gamelin ricevette una relazione allarmante che lo informava sui movimenti tedeschi, che era già arrivati ad attraversare l’Aisne tra Rethel e Laon. Gamelin avvertì il governo che non aveva riserve in quel settore e non poteva garantire la sicurezza della capitale per più di un giorno.

Dopo l’allarme di Gamelin, il premier francese Paul Reynaud decise di trasferire la sede del governo da Parigi a Tours. In serata arrivarono notizie rassicuranti dall’Aisne e Reynaud si affrettò a rassicurare la popolazione, smentendo “le voci più assurde secondo cui il governo stava abbandonando Parigi”.

Nello stesso tempo, Reynaud pensò di sfruttare la situazione per sostituire Gamelin e convocare il generale Maxime Weygand, allora di stanza in Siria. Tuttavia, Weygand non giunse prima del 19 maggio e, pertanto, per tre giorni il Comando Supremo francese rimase senza una guida.

Nonostante i leader alleati sperassero in un attacco che avrebbe bloccato l’espansione delle forze tedesche, queste ultime avanzarono rapidamente verso la Manica e circondarono le truppe alleate in Belgio.

Gli ostacoli rimanenti, che avrebbero potuto fermare l’avanzata, non furono fortificati in tempo. Dopo aver attraversato l’Oise il 17 maggio, le truppe avanzate del generale tedesco Heinz Guderian arrivarono ad Amiens due giorni dopo.

Il 20 maggio giunsero ad Abbeville, bloccando ogni comunicazione tra nord e sud. Il giorno seguente, le divisioni motorizzate presero il controllo della linea della Somme da Péronne ad Abbeville, formando un robusto schieramento difensivo.

Il corpo di Guderian si mosse verso nord lungo la costa, diretto a Calais e Dunkerque, il 22 maggio. Il generale Georg-Hans Reinhardt si spostò verso sud, dietro la posizione britannica ad Arras, diretto verso lo stesso obiettivo: l’ultima via di fuga ancora aperta per gli inglesi.

La battaglia di Arras e la resa belga

Gli strateghi alleati avevano sperato di frenare l’avanzata tedesca presso la linea del Senna, una linea difensiva che andava da nord a sud fino alla frontiera francese a sud di Sedan, ma il 16 maggio Gamelin decise che quella posizione non poteva essere mantenuta.

Gli eserciti alleati in Belgio ritornarono indietro verso la Linea di Scheldt. Quando arrivarono, la posizione era stata indebolita dal taglio delle loro comunicazioni.

Il 19 maggio, il generale John Gort, comandante in capo della British Expeditionary Force (BEF), iniziò a considerare la necessità di evacuare le sue forze via mare e iniziò a calcolare i preparativi che un tale sforzo richiedeva.

Il giorno successivo, però, giunsero ordini dal gabinetto britannico che la BEF doveva marciare a sud verso Amiens. Gort sostenne che una tale marcia sarebbe stata impraticabile, sia tatticamente che logisticamente. La risposta che riuscì ad organizzare fu un attacco condotto da due divisioni che si erano appena schierate a sud di Arras, guidate da una brigata di carri armati di fanteria, l’unica unità corazzata che avevano a disposizione.

Quando questo attacco fu lanciato il 21 maggio, comprendeva non più di due battaglioni di carri armati sostenuti da due battaglioni di fanteria, mentre elementi di una divisione meccanizzata leggera francese coprivano i suoi fianchi.

I carri armati leggeri britannici si dimostrarono sorprendentemente efficaci contro le armi anticarro tedesche, e questo piccolo attacco scosse momentaneamente i nervi dell’Alto Comando tedesco. I generali tedeschi si resero conto che se i nemici avessero avuto a disposizione altre due o tre divisioni corazzate, sarebbero stati in grado di fermarli.

Nonostante questo breve tentativo, gli eserciti alleati a nord non avevano le forze per fuggire dalla trappola tedesca, mentre i rinforzi in arrivo da sud erano così inefficaci da risultare quasi una farsa.

La confusione imperante fu aggravata dall’arrivo di Weygand per assumere il comando supremo. Il 73enne, veterano della prima guerra mondiale, aveva idee tattiche obsolete e superate e non comprendeva affatto la realtà di un campo di battaglia in rapida evoluzione e sempre più motorizzato.

I suoi ordini, puramente teorici, non avevano possibilità di essere tradotti in termini pratici.

Mentre i governi e i comandanti si trovavano in un groviglio di opinioni e ordini divergenti, gli eserciti bloccati a nord ripiegarono su una posizione più vicina alla costa sotto la crescente pressione dell’avanzata del generale Walther von Reichenau attraverso il Belgio.

Ancora più pericoloso era l’attacco Guderian, le cui forze corazzate stavano avanzando rapidamente a nord oltre Boulogne e Calais.

Tre delle divisioni di Gort furono richiamate dal fronte e inviate verso Dunkerque per proteggere le retrovie degli Alleati.

Altre due divisioni furono destinate al rinnovato progetto di Weygand per spingere i tedeschi fuori dal Belgio. Ma quando il fianco destro dei belgi cedette sotto la pressione di Reichenau, queste divisioni furono richiamate al nord per colmare la nuova lacuna.

Tuttavia, quando arrivarono il 27 maggio, il centro belga era già compromesso e non c’erano riserve disponibili. Con il loro paese invaso e senza vie di fuga, i belgi chiesero un armistizio la sera stessa e la mattina successiva venne proclamato il cessate il fuoco.

L’operazione Dynamo e l’enorme evacuazione di Dunkerque

Dopo la sconfitta belga, il governo britannico decise di lanciare l’Operazione Dynamo, l’evacuazione della British Expeditionary Force (BEF) da Dunkerque via mare.

L’ammiragliato mobilizzò ogni tipo di imbarcazione, anche la più piccola, per aiutare a portare via le truppe, e la ritirata verso la costa divenne una corsa contro il tempo per imbarcarsi prima che le truppe tedesche chiudessero le loro tenaglie.

L’ammiraglio Bertram Ramsay assunse il comando generale dell’operazione e affidò al capitano William Tennant la supervisione tattica dell’evacuazione.

Tennant, che era stato nominato “responsabile della spiaggia”, giunse a Dunkerque il 27 maggio per scoprire che i bombardamenti aerei avevano distrutto le infrastrutture portuali. Decise quindi di utilizzare il frangiflutti orientale come molo per far salire a bordo delle navi di soccorso la maggior parte delle truppe, circa 200.000 soldati, rendendo l’evacuazione più rapida.

Tuttavia, le restanti truppe dovettero essere caricate a bordo direttamente dalla spiaggia, rendendo l’evacuazione lenta e difficile, tanto che l’operazione si protrasse dal 26 maggio al 4 giugno.

Alle 10:50 del 2 giugno, Tennant trasmise a Ramsay il trionfale messaggio via radio: “BEF evacuato”. Tennant e il comandante del I Corpo britannico, il generale Harold Alexander, visitarono poi la spiaggia e l’area portuale, usando un megafono per farsi sentire e assicurarsi che nessun soldato fosse rimasto indietro.

Alla fine, circa 198.000 soldati britannici e 140.000 soldati alleati, principalmente francesi, furono evacuati, ma gran parte dell’equipaggiamento dovette essere abbandonato.

L’evacuazione da Dunkerque dimostrò l’abilità e l’eroismo dei soldati francesi e britannici che riuscirono a trovare rifugio in Inghilterra, nonostante le difficoltà che affrontarono. Questa operazione fu resa possibile grazie ad una flotta eterogenea di navi, trasporti, mercantili, pescherecci e imbarcazioni da diporto che riuscirono a prelevare gli uomini dai pochi porti rimasti e dalle spiagge aperte, in quanto la maggior parte delle strutture portuali era stata distrutta dagli attacchi aerei tedeschi.

Nonostante la forza aerea tedesca fosse imponente, la Royal Air Force, compresi gli aerei della forza metropolitana in Inghilterra, riuscì a ottenere almeno temporaneamente la superiorità aerea, mentre la Royal Navy, con l’aiuto di coraggiose imbarcazioni navali francesi, coprì l’evacuazione e trasportò migliaia di uomini in cacciatorpedinieri sovraccarichi e altre piccole imbarcazioni con audacia e precisione.

Inizialmente, i membri dello stato maggiore imperiale britannico avevano stimato che solo il 25% del B.E.F. potesse essere salvato, ma alla fine circa 330.000 soldati francesi e britannici, insieme ad alcune forze belghe e olandesi che rifiutarono di arrendersi, furono salvati.

Le valutazioni dei generali tedeschi e lo stop di Hitler

L’evacuazione da Dunkerque fu possibile grazie alla copertura aerea fornita dagli aerei da combattimento britannici che partivano dalla costa inglese, agli sforzi instancabili delle navi e alla disciplina delle truppe.

Tuttavia, fu anche grazie alla decisione di Adolf Hitler che la fuga dei soldati fu resa possibile. Nonostante i gruppi di panzer tedeschi avessero raggiunto e superato la linea di difesa del canale vicino a Dunkerque già il 23 maggio, quando la maggior parte del British Expeditionary Force (BEF) era ancora lontana dal porto, Hitler diede l’ordine di fermarli il 24 maggio e di ritirarsi sulla linea del canale, proprio mentre Guderian si aspettava di guidarli verso Dunkerque.

Perchè questa decisione?

Nello stato maggiore tedesco vi furono diverse valutazioni contrastanti.

I generali tedeschi Kleist e Günther von Kluge espressero preoccupazione per il possibile contrattacco dei carri armati britannici ad Arras, anche perchè avevano sopravvalutato le dimensioni dei nemici, e anche il generale Gerd von Rundstedt cercò di convincere Hitler della necessità di conservare le divisioni corazzate per la fase successiva dell’offensiva.

Al contrario, il comandante della Luftwaffe, Hermann Göring insistette sul fatto che le sue forze aeree potessero dare il colpo di grazia a Dunkerque e impedire qualsiasi fuga via mare.

La decisione definitiva di Hitler fu fortemente influenzata dai suoi ricordi, risalenti alla prima guerra mondiale, delle paludose Fiandre e il Fuhrer ebbe il timore che i suoi carri armati si sarebbero impantanati se si fossero spinti più a nord.

Alcuni dei suoi generali gli suggerirono inoltre che la Gran Bretagna sarebbe stata più disposta a fare la pace se il suo orgoglio nazionale non fosse stato ferito dal vedere il suo esercito arrendersi senza condizioni.

In realtà, Walther von Brauchitsch, comandante in capo dell’esercito tedesco, convinse Hitler a ritirare il suo veto e a permettere alle forze corazzate di avanzare. Tuttavia, queste incontrarono un’opposizione più forte del previsto e quasi immediatamente Hitler le fermò di nuovo, ordinando loro di spostarsi a sud prima di attaccare la linea Somme-Aisne.

L’esercito di Reichenau lo seguì, lasciando la diciottesima armata del generale Georg von Küchler a pacificare il nord, dove più di 1.000.000 di prigionieri erano stati catturati in una campagna militare durata complessivamente appena tre settimane, al costo di 60.000 perdite tedesche.

Il significato di Dunkerque per la Seconda Guerra Mondiale

L’evacuazione di Dunkerque segnò la fine della disastrosa difesa dei Paesi Bassi e rappresentò un breve momento di gloria per gli Alleati.

Tuttavia, nonostante la grandezza dell’operazione, l’Inghilterra subì una terribile sconfitta e la propria sopravvivenza fu seriamente minacciata.

La BEF fu salvata, ma gran parte delle sue attrezzature pesanti, inclusi carri armati, artiglieria e trasporti motorizzati, furono abbandonati. Inoltre, oltre 50.000 soldati britannici rimasero intrappolati sul continente, di cui 11.000 persero la vita e la maggior parte degli altri furono catturati come prigionieri di guerra (solo una piccola parte riuscì a fuggire e a tornare in territorio alleato o neutrale).

Tra le perdite più significative ci fu la 51ª Divisione Highland, posta sotto il comando francese per supportare le difese francesi. Quando le truppe tedesche invasero Saint-Valéry-en-Caux il 12 giugno, circa 10.000 soldati della divisione furono catturati. L’Inghilterra si trovò impotente di fronte a un nemico che sembrava invincibile, a poche miglia di distanza, al di là delle acque aperte del Canale della Manica.

Nonostante l’evacuazione dal continente, gli inglesi non si scoraggiarono e iniziarono immediatamente a pianificare il loro ritorno.

Per un curioso gioco del destino, Tennant sarebbe stato nuovamente al centro della scena, di nuovo per via di un frangiflutti: quattro anni dopo l’evacuazione, supervisionò la costruzione e il funzionamento dei Mulberries, porti artificiali che si dimostrarono vitali per il successo dell’invasione della Normandia.

Tennant stesso raccomandò la costruzione di frangiflutti artificiali costruiti utilizzando navi affondate, per proteggere le strutture vulnerabili.

I frangiflutti costruiti secondo le specifiche di Tennant, furono operativi per 10 mesi, accogliendo circa 2,5 milioni di uomini, 500.000 veicoli e quattro milioni di tonnellate di rifornimenti.

In riconoscimento del suo servizio, sia a Dunkerque che in Normandia, Tennant fu insignito del titolo di Cavaliere Commendatore dell’Ordine di Bath e Commendatore dell’Ordine dell’Impero Britannico.