Trizio Consulting

Babilonia. L’antica città sull’Eufrate

Babilonia. L’antica città sull’Eufrate

Legio X Equestris

Babilonia era la capitale dell’antico impero babilonese, che a sua volta è un termine che si riferisce a uno dei due imperi nell’area mesopotamica nell’antichità. Questi due imperi raggiunsero il dominio regionale tra il XIX e il XV secolo a.C., e ancora tra il VII e il VI secolo a.C.

La città, costruita lungo entrambe le sponde del fiume Eufrate, aveva ripidi argini per contenere le piene stagionali del fiume. La prima menzione conosciuta di Babilonia come piccola città appare su una tavoletta di argilla del regno di Sargon di Akkad (2334–2279 aC) dell’Impero accadico. Il sito dell’antica città si trova appena a sud dell’attuale Baghdad. L’ultima testimonianza nota risale al X secolo d.C., quando era indicato come il “piccolo villaggio di Babele”.

La città divenne parte di una piccola città-stato indipendente con l’ascesa del primo impero babilonese, ora noto come antico impero babilonese, nel XIX secolo a.C. Il re amorreo Hammurabi fondò l’antico impero babilonese nel XVIII secolo a.C. Ha costruito una grande città e si è dichiarato il suo re. La Mesopotamia meridionale divenne nota come Babilonia ed eclissò Nippur come città santa della regione. L’impero declinò sotto il figlio di Hammurabi, Samsu-iluna. I giardini pensili di Babilonia sono classificati come una delle sette meraviglie del mondo antico. Dopo la caduta dell’impero neo-babilonese, la città passò sotto il dominio degli imperi achemenide, seleucide, partico, romano e sassanide.

È stato stimato che Babilonia fosse la città più grande del mondo c.  1770 – ca.  1670 aC , e ancora c.  612 – c.  320 a.C. È stata forse la prima città a raggiungere una popolazione superiore a 200.000 abitanti. Le stime per l’estensione massima della sua area vanno da 890 a 900 ettari.

I resti della città si trovano nell’odierna Hillah, Governatorato di Babil, Iraq, a circa 85 chilometri a sud di Baghdad, e i suoi confini sono stati delineati sul perimetro delle antiche mura esterne della città, un’area di circa 1.000 ettari. Comprendono edifici e detriti in mattoni di fango. Le principali fonti di informazioni su Babilonia: scavi del sito stesso, riferimenti in testi cuneiformi trovati altrove in Mesopotamia, riferimenti nella Bibbia, descrizioni in altri scritti classici (specialmente da Erodoto) e descrizioni di seconda mano, presentano un quadro incompleto e talvolta contraddittorio dell’antica città, anche al suo apice nel VI secolo a.C. L’UNESCO ha iscritto Babilonia come sito del patrimonio mondiale nel 2019. Il sito riceve migliaia di visitatori ogni anno, quasi tutti iracheni.

Storia di Babilonia

Sebbene esistano tracce di insediamenti preistorici, lo sviluppo di Babilonia come grande città fu tardivo rispetto agli standard mesopotamici, nessuna menzione esisteva prima del 23° secolo A.C. Dopo la caduta della 3a dinastia di Ur, sotto la quale Babilonia era stata un centro provinciale, divenne il nucleo di un piccolo regno fondato nel 1894 A.C.re amorreo Sumuabum, i cui successori ne consolidarono lo status. La sesta e più nota delle dinastie amorree, Hammurabi (1792–50 aC ), conquistò le città-stato circostanti e fece di Babilonia la capitale di un regno che comprendeva tutta la Mesopotamia meridionale e parte dell’Assiria. La sua importanza politica, unita alla sua posizione favorevole, ne fecero il principale centro commerciale e amministrativo di Babilonia, mentre la sua ricchezza e il suo prestigio ne fecero un bersaglio per i conquistatori stranieri.

Dopo un’incursione ittita nel 1595 A.C. , la città passò sotto il controllo dei Cassiti ( c. 1570), che stabilirono una dinastia durata più di quattro secoli. Più tardi Babilonia divenne un centro letterario e religioso, il cui prestigio si rifletteva nell’elevazione di Marduk, il suo dio principale, alla supremazia in Mesopotamia. Nel 1234 Tukulti-Ninurta I d’Assiria soggiogò Babilonia, anche se successivamente la dinastia cassita si riafferma fino al 1158, quando la città fu saccheggiata dagli Elamiti . La riconosciuta supremazia politica di Babilonia è dimostrata dal fatto che la dinastia di Nabucodonosor I (1124–03), che durò più di un secolo, fece della città la sua capitale, sebbene la dinastia non avesse avuto origine lì.

Gli immigrati aramei dalla Siria settentrionale portarono la loro attività amministrativa all’interno di Babilonia. Da questo periodo fino alla caduta dell’Assiria alla fine del VII secolo a.C. , ci fu una continua lotta tra gli aramei o le tribù caldee associate e gli assiri per il controllo politico della città. I suoi cittadini rivendicavano privilegi, come l’esenzione dal lavoro forzato, esenzione da alcune tasse che gli Assiri, con un background simile, erano solitamente più pronti a riconoscere rispetto alle tribù immigrate. Inoltre i cittadini, arricchitisi grazie al commercio, beneficiavano di un potere imperiale in grado di proteggere il commercio internazionale. Tali circostanze facevano sì che Babilonia di solito preferisse il dominio assiro a quello arameo o caldeo.

Dal IX alla fine del VII secolo Babilonia fu quasi ininterrottamente sotto la sovranità assira, solitamente esercitata tramite re nativi, sebbene a volte i re assiri governassero di persona. Lo stretto coinvolgimento assiro in Babilonia iniziò con Tiglat-Pileser III (744-727 aC ) come risultato delle tribù caldee che premevano nei territori della città, usurpando più volte la regalità. I disordini che accompagnarono la crescente occupazione tribale alla fine persuasero il monarca assiro Sennacherib (704-681 aC ) che il controllo pacifico di Babilonia era impossibile, e nel 689 ordinò la distruzione della città. Suo figlio Esarhaddon (680–669 aC ) dopo aver espulso gli uomini della tribù e restituito loro le proprietà dei babilonesi, intraprese la ricostruzione della città, ma l’immagine di Marduk, rimossa da Sennacherib, fu conservata in Assiria per tutto il suo regno, probabilmente per impedire a qualsiasi potenziale usurpatore di usarla per rivendicare la regalità. A metà del VII secolo scoppiò la guerra civile tra il re assiro Assurbanipal e suo fratello. Assurbanipal pose l’assedio alla città, che cadde nel 648 dopo che la carestia aveva spinto i difensori addirittura al cannibalismo.

Dopo la morte di Assurbanipal, un leader caldeo, Nabopolassar, nel 626 fece di Babilonia la capitale di un regno che sotto suo figlio Nabucodonosor II (605-561 aC ) divenne una grande potenza imperiale. Nabucodonosor intraprese un vasto programma di ricostruzione e fortificazione in Babilonia, lavoratori provenienti da molti paesi fecero entrare molte etnie diverse nella popolazione. Il più importante successore di Nabucodonosor, Nabonedo (556-539 aC ), fece una campagna in Arabia per un decennio, lasciando suo figlio Baldassarre come reggente in Babilonia. Nabonedo non riuscì a proteggere i diritti di proprietà o le tradizioni religiose della capitale e tentò operazioni di costruzione altrove per rivaleggiare con il grande tempio di Esagila di Marduk. Quando la dinastia achemenide sotto Ciro II attaccò nel 539 AC , la capitale cadde quasi senza resistenza, una leggenda secondo cui Ciro ottenne l’ingresso deviando l’Eufrate non è confermata nelle fonti contemporanee.

Ricostruzione della città di Babilonia
Ricostruzione della città di Babilonia

Sotto i persiani, Babilonia conservò la maggior parte delle sue istituzioni, divenne la capitale della più ricca satrapia dell’impero e, secondo lo storico greco ERODOTO DEL V SECOLO a.C. , fu la città più splendida del mondo. Una rivolta contro Serse I (482) portò alla distruzione delle sue fortificazioni e templi e allo scioglimento dell’immagine d’oro di Marduk.
Nel 331 Babilonia si arrese al re macedone Alessandro Magno, che ne confermò i privilegi e ordinò il restauro dei templi. Alessandro, riconoscendo l’importanza commerciale della città, permise al suo satrapo di battere moneta e iniziò a costruire un porto per favorire il commercio. Nel 323 Alessandro morì nel palazzo di Nabucodonosor; aveva progettato di fare di Babilonia la sua capitale imperiale. La conquista di Alessandro portò Babilonia nell’orbita della cultura greca e la scienza ellenistica fu notevolmente arricchita dai contributi dell’astronomia babilonese. Dopo una lotta di potere tra i generali di Alessandro, Babilonia passò alla dinastia seleucide nel 312. L’importanza della città fu molto ridotta dalla costruzione di una nuova capitale, Seleucia sul Tigri, dove fu trasferita parte della popolazione di Babilonia nel 275.

La città antica

La prova della topografia dell’antica Babilonia è fornita da scavi, testi cuneiformi e descrizioni di Erodoto e altri autori classici. L’ampia ricostruzione di Nabucodonosor ha lasciato relativamente pochi dati archeologici nell’area centrale prima del suo tempo, mentre altrove la falda freatica ha scavi limitati nei primi strati. I resoconti di Erodoto si riferiscono in gran parte alla Babilonia costruita da Nabucodonosor.

La Babilonia di Nabucodonosor era la città più grande del mondo, coprendo circa 10 km quadrati. L’Eufrate, che da allora ha cambiato flusso, lo attraversava, poiché la parte più antica della città si trovava sulla sponda orientale. Lì c’era la caratteristica centrale Esagila, il grande tempio di Marduk, con il suo associato ziggurat, una torre costruita in più fasi, Etemenanki. Quest’ultimo, popolarmente noto come la Torre di Babele, aveva una base di 91 metri di lato, e i suoi sette gradini, il più alto un tempio in smalto blu, raggiungevano un’altezza totale pari a quella della sua base. Altri quattro templi nella metà orientale della città sono noti dagli scavi e un numero maggiore dai testi.

Lungo l’Eufrate, in particolare nelle vicinanze di Esagila, c’erano banchine per navi mercantili, e prove testuali che Babilonia fosse un porto commerciale. Il fiume era attraversato da un ponte, su pali di mattoni con copertura in pietra, fino alla metà occidentale della città. Le strade erano disposte a griglia, con l’asse principale parallelo al fiume. Da Esagila verso nord passò la Via Processionale, le cui pareti sono decorate con leoni smaltati. Attraversando la Porta di Ishtar, adornata con tori e draghi smaltati, conduceva al Akitu, un piccolo tempio fuori città che si diceva fosse visitato da Marduk durante la festa di Capodanno.

Ad ovest della Porta di Ishtar, una delle otto porte fortificate, vi erano due complessi di palazzi che coprivano circa 16 ettari con le loro fortificazioni.

Ricostruzione della Porta di Ishtar
Ricostruzione della Porta di Ishtar


A est della via processionale si estendeva un’area che fin dai tempi di Hammurabi conteneva abitazioni private costruite attorno a cortili centrali. Una massiccia doppia cinta muraria, protetta da un fossato, racchiudeva la città su entrambi i lati dell’Eufrate. Oltre le mura della città, a est, un bastione esterno di tripla costruzione, lungo 18 km, incontrava l’Eufrate a sud e a nord della città, racchiudendo un altro palazzo all’incrocio settentrionale del bastione. Tra le difese interne ed esterne c’era un terreno irrigato con una rete di canali, alcuni risalenti all’epoca di Hammurabi. La tradizione greca si riferisce ai Giardini pensili di Babilonia, una collina simulata di terrazzamenti rivestiti di vegetazione su una sottostruttura a volta che in epoca ellenistica era considerata una delle sette meraviglie del mondo. L’archeologo tedesco Robert Koldewey ha scoperto una serie unica di camere di fondazione nell’angolo nord-orientale del palazzo di Babilonia, che alcuni suggeriscono potrebbero aver funzionato come parte della sottostruttura dei giardini pensili, altri teorizzano che il giardino, costruito dal re assiro Sennacherib, si trovasse in realtà nella sua capitale, Ninive.

La città oggi

l sito attuale, un vasto campo di resti archeologici, contiene diversi tumuli. I tumuli principali sono Babil, i resti del palazzo di Nabucodonosor nell’angolo settentrionale del bastione esterno, Qasr, comprendente il complesso del palazzo, la Porta di Ishtar e il tempio Emakh, Amran ibn Ali, le rovine di Esagila, Merkez, che segna l’antica zona residenziale a est di Esagila, Humra, contenente le macerie rimosse da Alessandro dallo ziggurat in preparazione per la ricostruzione, e un teatro da lui costruito con materiale proveniente dallo ziggurat, e Ishin Aswad, dove ci sono altri due templi. Una depressione chiamata Sahn segna l’ex sito dello ziggurat Etemenanki. Un leone di basalto a grandezza naturale, probabilmente di origine ittita e portato a Babilonia nell’antichità, si trova a nord della Porta di Ishtar.


Articoli correlati

L’influenza degli Etruschi sui Romani: così l’Etruria plasmò Roma

Gli Etruschi furono la prima vera potenza italica prima dei Romani, sui quali ebbero una profonda ed insostituibile influenza

Gen. Sandro Sandulli: “Così la ‘ndrangheta si muove in Liguria”

Ci sono persone che dicono di combattere la mafia, e persone che lo fanno veramente. Sandro Sandulli, Generale dei Carabinieri

Stefano Balleari. Intervista: in Liguria una nuova visione per Metro, Filobus e piste ciclabili

Stefano Balleari, Fratelli d’Italia, racconta come Genova stia investendo per il prolungamento della Metro, per i nuovi Filobus e per