Trizio Consulting

Salvini: no all’obbligo vaccinale

Salvini: no all’obbligo vaccinale

“La Lega – dice Salvini – ha scelto di entrare in questo governo di emergenza per responsabilità e amore per l’Italia e ci rimarremo, Pd e Cinque Stelle si mettano l’anima in pace, non li lasceremo certo soli a governare per imporre nuove tasse, ius soli, taglio delle pensioni o ddl Zan. E se in Parlamento si troverà una maggioranza per modificare, o addirittura cancellare, il reddito di cittadinanza, tutti ne dovranno prendere atto“. 

Roma e la sua Arte

«La Lega era e rimane contro obblighi, multe e discriminazioni». Il tono è secco, l’umore di Matteo Salvini dopo la conferenza stampa con cui Mario Draghi ha dato la linea sui prossimi mesi non sembra dei migliori. E la Lega — forse mai così isolata — fa quadrato intorno a quello che si intesta e su quello che spera ancora possa materializzarsi, la gratuità dei tamponi molecolari.

La scelta di Zaia: «I tamponi gratis sono scappatoia per non vaccinarsi»

C’è solo un problema: un mese fa è stato Zaia ad annunciare in conferenza stampa a Marghera che avrebbe eliminato la gratuità dei tamponi in Veneto, per due ragioni. La prima di carattere economico ed organizzativo, visto che complici i turisti si era arrivati a picchi di 52 mila test al giorno (tra un po’, peraltro, partiranno le scuole, per le quali la Regione ha già dovuto acquistare un milione di test salivari); la seconda di carattere etico visto che a detta del presidente «per molti i tamponi gratis erano diventati una scappatoia per non vaccinarsi, abbiamo assistito ad un vero e proprio assalto alla diligenza, ondate senza senso». Quindi Zaia aveva circostanziato: «Noi abbiamo il dovere di fare i tamponi agli ammalati, a chi ha avuto contatti con loro, ai lavoratori della sanità e delle case di riposo e a chi va a trovare i congiunti in queste strutture». Tutti gli altri, a maggior ragione se possono vaccinarsi, se li devono pagare, sborsando tra 8 e 22 euro.

Il costo per lo Stato dei tamponi gratuiti

Stando a un report dell’Alta scuola di economia e management dei sistemi sanitari (Altems) dell’Università Cattolica Campus di Roma, ogni tampone molecolare avrebbe un costo medio per lo Stato pari a 35 euro.

Il costo di 35 euro per lo Stato è stimato in quanto il kit (tampone + reagente) avrebbe un prezzo che oscillerebbe tra i 18 e i 25 euro, al quale si deve aggiungere la spesa per il personale e l’impatto organizzativo per i laboratori di microbiologia che li devono esaminare.

Per i cittadini prima di agosto il costo di un tampone rapido oscillava tra i 15 e i 40 euro, a seconda della Regione, ma viste le restrizioni in materia di green pass ora si è deciso di far pagare 8 euro ai minorenni e 15 euro a tutti gli altri: il protocollo al momento è in vigore fino al 30 settembre, ma potrebbe essere prorogato.


Articoli correlati

Marta Brusoni (Liguria Popolare): “No polemiche, al lavoro sui temi urgenti”

Capogruppo della lista civica Vince Genova, “pupilla”, come la chiamano i giornali, del sindaco Marco Bucci, Marta Brusoni è una

Avv. Luigi Cocchi, Pres. Ordine Avvocati di Genova: “L’urgenza? Semplificare le procedure”

Il mondo della giurisprudenza è stato investito dall’emergenza del Covid, che ha amplificato dei grandi problemi strutturali del sistema giustizia

Le votazioni fantasma di Roma

Roma ha visto passare le votazioni suppletive del quartiere Trionfale come se nulla fosse successo. L’affluenza è al minimo storico: