Trizio Consulting

Cuba. Meloni: Letta e Conte si dissocino dal voto europarlamentare

Cuba. Meloni: Letta e Conte si dissocino dal voto europarlamentare

Legio X Equestris


«Fratelli d’Italia chiede al segretario del Pd Letta e al presidente del M5S Conte di dissociarsi pubblicamente dal voto espresso nel Parlamento europeo dai propri eurodeputati sulla risoluzione di condanna della brutale repressione del regime comunista di Diaz Canel e di rispetto dei diritti umani a Cuba.

Chi come noi conservatori ha a cuore libertà e democrazia non ha avuto dubbi su come votare, ma non è stato così per la sinistra: il Pd, con l’eccezione di due astenuti e uno addirittura contrario, non ha partecipato al voto mentre i Cinquestelle si sono astenuti e gli ex grillini hanno votato contro.

La sinistra si riempie la bocca di stato di diritto in Ue, ma non ha il coraggio di condannare un regime brutale che da oltre 60 anni regala miseria e repressione al popolo cubano. Un voto che rispecchia le posizioni impresentabili di un pezzo della maggioranza che sostiene il nostro Esecutivo. Per questo, chiediamo anche al presidente del Consiglio Draghi e al ministro degli Esteri Di Maio di ribadire ufficialmente il sostegno del Governo italiano per una Cuba finalmente democratica e libera dal comunismo».

Niccolò Giraudo

Niccolò Giraudo

Torino è una città fantastica, specialmente per chi ama il design in tutte le sue forme. Chi non ci credesse può venire a casa mia: matite e pennelli non mancano. Si può anche suonare il violoncello. È l’ambiente ideale anche per recensire un film, un blog o un nuovo tostapane. Provare per credere.


Articoli correlati

Stalli rosa per donne in gravidanza nel codice della strada

Gli “stalli rosa”, cioè i parcheggi riservati per le donne in gravidanza, entrano nel Codice della strada, aumentano le sanzioni

Sergio Tancredi, Attiva Sicilia. Intervista

Abbiamo intervistato Sergio Tancredi, deputato regione siciliana per Attiva Sicilia, Che cos’è Attiva Sicilia e quali sono i suoi obiettivi?

Roma. Calenda apre il suo governo ombra

Carlo Calenda lancia la sua ‘giunta ombra’, per portare avanti una “opposizione puntuale e concreta ma mai pretestuosa al sindaco