Battaglia di Hattin

by Giulia Bianchi | 27 Ottobre 2022 11:38


Legio X Equestris

La battaglia di Hattin ebbe luogo il 4 luglio 1187, tra gli stati crociati del Levante e le forze del sultano ayyubide Saladino. È anche conosciuta come la Battaglia delle Corna di Hattin, a causa della forma del vicino vulcano spento.

Gli eserciti musulmani guidati da Saladino catturarono o uccisero la stragrande maggioranza delle forze crociate, spazzando via le forze militari crociate. Come risultato diretto della battaglia, i musulmani tornarono ad essere l’eminente potenza militare in Terra Santa, riconquistando Gerusalemme e la maggior parte delle altre città e castelli controllati dai crociati. Queste sconfitte cristiane portarono poi alla Terza Crociata, iniziata due anni dopo la battaglia di Hattin.

Tabella dei contenuti

Dove si è combattuto

La battaglia ebbe luogo vicino a Tiberiade nell’attuale Israele. Il campo di battaglia, vicino al villaggio di Hittin, aveva come caratteristica geografica principale una doppia collina, le “Corna di Hattin”, accanto a un passo attraverso le montagne settentrionali tra Tiberiade e la strada da Acri a est. La strada romana, nota agli arabi come Darb al-Hawarnah, fungeva da principale passaggio est-ovest tra i guadi del Giordano, il Mar di Galilea e la costa mediterranea.

Battaglia di Hattin. Contesto storico

Guido di Lusignano divenne re di Gerusalemme nel 1186, dopo la morte del figlio Baldovino V. Il Regno di Gerusalemme era diviso tra la fazione di Guy, composta da Sibilla e relativi nuovi arrivati ​​nel regno come Raynald di Châtillon, Gerard di Ridefort e i Cavalieri Templari, contro la fazione dei “nobili”, guidata da Raimondo III di Tripoli, che era stato reggente del re bambino Baldovino V e si era opposto alla successione di Guido. Raimondo III di Tripoli aveva sostenuto la pretesa della sorellastra di Sibilla, Isabella e il marito di Isabella, Humphrey IV di Toron. La guerra aperta fu impedita solo da Humphrey di Toron che ha giurato poi fedeltà a Guy, il che pose fine alla disputa sulla successione. Il cronista musulmano Ali ibn al-Athir ha affermato che Raymond era in uno “stato di aperta ribellione” contro Guy.

Sullo sfondo di quelle divisioni, Saladino era diventato visir d’Egitto nel 1169 e aveva preso Damasco nel 1174 e Aleppo nel 1183. Controllava l’intero fianco meridionale e orientale degli stati crociati. Unì i suoi sudditi sotto l’Islam sunnita e li convinse che avrebbe condotto la guerra santa per respingere i franchi cristiani da Gerusalemme. Saladino fece spesso tregue strategiche con i Franchi quando aveva bisogno di affrontare problemi politici nel mondo musulmano, e una di queste fu stipulata nel 1185.

Si diceva che Raimondo III di Tripoli avesse stretto un accordo con Saladino in base al quale Saladino lo avrebbe nominato re di Gerusalemme in cambio della pace. Quella voce è stata ripresa da Ibn al Athir, non è chiaro se fosse vero. Raimondo III era certamente riluttante a impegnarsi in battaglia con Saladino.

Nel 1187 Raynald di Châtillon attaccò una carovana musulmana dell’Hajj mentre era ancora in vigore la tregua con Saladino. Saladino giurò che avrebbe ucciso Raynald per aver violato la tregua, e mandò suo figlio Al-Afdal e l’emiro Gökböri a fare irruzione nelle terre franche intorno ad Acri. Gerard de Ridefort e i Templari ingaggiarono Gökböri nella battaglia di Cresson nel maggio 1187 e furono pesantemente sconfitti. I Templari persero circa 150 cavalieri e 300 fanti, che avevano costituito gran parte dell’esercito di Gerusalemme. Jonathan Phillips, professore di Storia delle crociate al Royal Holloway dell’Università di Londra, afferma che “il danno al morale dei Franchi e l’entità delle perdite sono parte della motivazione alla sconfitta di Hattin“.

A luglio Saladino pose l’assedio a Tiberiade, dove era rimasta intrappolata la moglie di Raimondo III, Eschiva. Nonostante ciò, Raymond sostenne che Guy non avrebbe dovuto ingaggiare Saladino in battaglia e che Saladino non poteva minacciare Tiberiade per troppo tempo perché le sue truppe non avrebbero sopportato di essere lontane dalle loro famiglie per molto tempo. I Cavalieri Ospitalieri consigliarono anche loro a Guy di non provocare Saladino.

Gerard de Ridefort, tuttavia, consigliò a Guy di avanzare contro Saladino e Guy seguì il suo consiglio. Norman Housley, professore di Storia all’Università di Leicester, asserisce che ciò fosse dovuto al fatto che “le menti di entrambi gli uomini erano state così avvelenate dal conflitto politico 1180-1187 che vedevano il consiglio di Raymond come progettato per portarli alla rovina“. Questo fu un azzardo da parte di Guy, poiché aveva lasciato solo pochi cavalieri per difendere la città di Gerusalemme.

Assedio di Tiberiade

Alla fine di maggio, Saladino radunò il più grande esercito che avesse mai comandato sulle alture del Golan, circa 40.000 uomini di cui circa 12.000 di cavalleria regolare. Ha ispezionato le sue forze a Tell-Ashtara prima di attraversare il fiume Giordano il 30 giugno. Saladino aveva anche ottenuto inaspettatamente l’alleanza della comunità drusa con sede a Sarahmul guidata da Jamal ad-Din Hajji, il cui padre Karama era un antico alleato di Nur ad-Din Zangi. La città di Sarahmul era stata saccheggiata dai crociati in varie occasioni e secondo Jamal ad-Din Hajji i crociati erano i mandanti dell’omicidio dei suoi tre fratelli maggiori. L’esercito di Saladino era organizzato con un centro e due ali: Gökböri comandava la sinistra dell’esercito, Saladino stesso comandava il centro e suo nipote, Al-Muzaffar Umar (Taki ad-Din), la destra.

L’esercito crociato opposto si ammassò a La Saphorie, era composto da circa 18.000-20.000 uomini, inclusi 1.200 cavalieri di Gerusalemme e Tripoli e 50 di Antiochia. Sebbene l’esercito fosse più piccolo di quello di Saladino, era comunque più grande di quelli solitamente radunati dai crociati. Il consueto richiamo alle armi, in questa occasione di estrema minaccia, incluse tutti gli uomini abili del regno.

Dopo essersi riconciliati, Raymond e Guy si incontrarono ad Acri con il grosso dell’esercito crociato. Secondo alcune fonti europee, oltre ai cavalieri c’era una folta cavalleria leggera, e forse 10.000 fanti, integrati da balestrieri della flotta mercantile italiana, e un gran numero di mercenari assoldati con denaro donato al regno da Enrico II, re d’Inghilterra. Lo stendardo dell’esercito era la reliquia della Vera Croce, portata dal vescovo di Acri, inviato a nome del patriarca Eraclio.

Saladino decise di indurre Guy a spostare il suo esercito da campo lontano dal loro accampamento fortificato e sicuro, situato vicino alle sorgenti di La Saphorie, un’importante fonte d’acqua locale. Calcolò che i crociati potevano essere sconfitti più facilmente in una battaglia campale che assediando le loro fortificazioni. Il 2 luglio Saladino guidò personalmente un assalto alla fortezza di Tiberiade, mentre il principale esercito musulmano rimase a Kafr Sabt. La guarnigione di Tiberiade tentò di corrompere Saladino e di poter lasciare il castello indisturbato, ma rifiutò. In un giorno, una delle torri della fortezza fu minata e crollò. Le truppe di Saladino presero d’assalto la breccia, uccidendo le forze avversarie e facendo prigionieri. La moglie di Raimondo, Eschiva, resistette con le truppe franche sopravvissute nella cittadella.

Quando le truppe musulmane iniziarono a costruire un secondo tunnel per attaccare la cittadella il 3 luglio, Saladino ricevette la notizia che Guy stava spostando l’esercito franco a est. I crociati avevano abboccato. La decisione di Guy di lasciare La Saphorie è stata il risultato di un consiglio di guerra dei crociati tenutosi la notte del 2 luglio. Sembra che Raymond abbia sostenuto che una marcia da Acri a Tiberiade fosse esattamente ciò che voleva Saladino mentre La Saphorie era una posizione forte da difendere per i crociati. Secondo Raymond, Guy non doveva preoccuparsi di Tiberiade, che Raymond teneva personalmente ed era disposto a rinunciare per la sicurezza del regno. In risposta a questa argomentazione, e nonostante la loro riconciliazione Raymond fu accusato di codardia da Gerard e Raynald. Ciò ha portato Guy a portare un immediato contrattacco contro Saladino a Tiberiade.

La battaglia

Il 3 luglio l’esercito dei Franchi partì verso Tiberiade, costantemente vessato da arcieri musulmani. Superarono le sorgenti di Turan, che erano del tutto insufficienti a fornire acqua all’esercito. A mezzogiorno, Raymond decise che l’esercito non avrebbe raggiunto Tiberiade prima del tramonto, e lui e Guy accettarono di cambiare il corso della marcia e spostarsi a sinistra in direzione delle Sorgenti di Kafr Hattin, a soli 9,7 km. Da lì avrebbero potuto marciare fino a Tiberiade il giorno successivo. I musulmani si posizionarono tra l’esercito dei Franchi e l’acqua in modo che i Franchi furono costretti ad accamparsi durante la notte sull’arido altopiano vicino al villaggio di Meskenah. I musulmani hanno circondato il campo quasi a contatto con i nemici. Secondo Ibn al Athir, i Franchi erano “scoraggiati, tormentati dalla sete”.

Per tutta la notte, i musulmani hanno ulteriormente demoralizzato i crociati pregando, cantando, suonando tamburi. Hanno dato fuoco all’erba secca, in modo che il fumo irritasse occhi e gola dei soldati. I crociati erano assetati, demoralizzati ed esausti. L’esercito musulmano, al contrario, aveva una carovana di cammelli che portava otri d’acqua dal lago di Tiberiade, ora noto come Mare di Galilea.

La mattina del 4 luglio, i crociati furono accecati dal fumo degli incendi appiccati dalle forze di Saladino. I Franchi furono presi di mira dagli arcieri a cavallo musulmani della divisione comandata da Gökböri, che era stato rifornito con 400 carri di frecce che erano state preparate durante la notte. Gerard e Raynald consigliarono a Guy di formare linee di battaglia e attaccare, cosa che fu fatta dal fratello di Guy, Amalric. Raymond guidò la prima divisione, mentre Baliano e Joscelin III di Edessa formarono la retroguardia.

Assetati e demoralizzati, i crociati cambiarono direzione verso le sorgenti di Hattin, ma la loro marcia fu interrotta dagli attacchi dell’esercito di Saladino, che bloccò la via e ogni possibile ritirata. Il conte lanciò due cariche nel tentativo di sfondare le linee per arrivare all’approvvigionamento idrico del lago di Tiberiade. Il secondo gli permise di raggiungere il lago e di dirigersi verso Tiro.

Dopo la fuga di Raymond, la posizione di Guy era ora ancora più disperata. La maggior parte della fanteria cristiana aveva disertato fuggendo in massa sulle Corna di Hattin, dove non ebbero più alcun ruolo nella battaglia. Travolti dalla sete e dalle ferite, molti dei soldati di Guy furono uccisi sul posto senza opporre resistenza mentre il resto fu fatto prigioniero. La loro situazione era tale che cinque dei cavalieri di Raymond andarono dai leader musulmani per implorare che fossero messi a morte misericordiosamente. Guy tentò di piantare di nuovo le tende per bloccare la cavalleria musulmana. I cavalieri cristiani e i sergenti a cavallo erano disorganizzati, ma continuavano a combattere.

I crociati furono accerchiati e, nonostante tre disperati assalti alla posizione di Saladino, furono smembrati e sconfitti. Un testimone oculare di ciò è fornito dal figlio diciassettenne di Saladino, al-Afdal. È citato dal cronista musulmano Ibn al-Athir:

Quando il re dei Franchi [Guy] fu sulla collina, fecero un formidabile attacco contro i musulmani che stavano loro di fronte, così che li respinsero da mio padre [Saladino]. Ho guardato verso di lui ed è stato sopraffatto dal dolore e la sua carnagione pallida. Si afferrò la barba e avanzò, gridando “Date la morte al diavolo!” I musulmani si sono radunati, sono tornati in battaglia e hanno scalato la collina. Quando ho visto che i Franchi si ritiravano, inseguiti dai musulmani, ho gridato di gioia: “Li abbiamo battuti!” Ma i Franchi si sono mobilitati e hanno caricato di nuovo come la prima volta e hanno respinto i musulmani di mio padre. Agì come aveva fatto la prima volta e i musulmani si rivoltarono contro i Franchi e li respinsero sulla collina. Ho gridato di nuovo: “Li abbiamo battuti!” ma mio padre mi si avvicinò e mi disse: “Stai zitto!

Battaglia di Hattin. La resa dei crociati

I prigionieri dopo la battaglia includevano Guido, suo fratello Amalrico II, Raynald de Chatillon, Guglielmo V di Monferrat, Gerard de Ridefort, Humphrey IV di Toron, Ugo di Jabala, Plivain di Botron, Ugo di Gabelet e altri baroni del Regno di Gerusalemme.

Guido di Lusignano e Raynald di Chatillon furono portati nella tenda di Saladino. Saladino offrì a Guy dell’acqua, questo era un segno preciso nella cultura musulmana: il prigioniero sarebbe stato risparmiato. Guy però non ne era a conoscenza e passò il calice a Raynald, ma Saladino lo tolse dalle mani e disse: “Non ho chiesto a questo uomo malvagio di bere“. Ha quindi accusato Raynald di aver infranto la tregua.

Alcuni rapporti, come quello di Baha al-Din, affermano che Saladino stesso avrebbe poi giustiziato Raynald con un solo colpo di spada. Altri registrano che Saladin colpì Raynald come segno per le sue guardie del corpo di decapitarlo. Guy presumeva che anche lui sarebbe stato decapitato, ma Saladino gli assicurò che “i re non uccidono i re”.

Il re crociato, Guido di Lusignano, fu portato a Damasco come prigioniero e rilasciato nel 1188, mentre gli altri nobili prigionieri furono riscattati.

Dopo aver giustiziato Raynald di Chatillon, Saladino ordinò che gli altri baroni prigionieri fossero risparmiati e trattati con umanità. Tutti i 200 Cavalieri Templari e Ospitalieri fatti prigionieri furono giustiziati per ordine di Saladino, ad eccezione del Gran Maestro del Tempio. Le esecuzioni avvennero per decapitazione.

Domenica 5 luglio Saladino percorse 10 km verso Tiberiade e la contessa Eschiva cedette la cittadella della fortezza. Le fu permesso di partire per Tripoli con tutta la sua famiglia, seguaci e possedimenti. Raimondo di Tripoli, scampato alla battaglia, morì di pleurite più tardi nel 1187.

Secondo Ernoul, la notizia della sconfitta portata a Roma da Gioscio, arcivescovo di Tiro, fece morire di shock papa Urbano III. Il successore di Urbano, papa Gregorio VIII , emanò la bolla Audita tremendi chiedendo una nuova crociata entro pochi giorni dalla sua elezione. In Inghilterra e in Francia, fu emanata la decima del Saladino per raccogliere fondi per la nuova crociata. La successiva Terza Crociata non iniziò fino al 1189, ma fu un’operazione militare di grande successo attraverso la quale furono restaurati molti possedimenti cristiani.

Source URL: https://scriptamanentitalia.it/battaglia-di-hattin/