Ucraina. L’economia, l’export e le finanze del paese

by Alessandro Trizio | 19 Maggio 2022 16:37


Iscriviti alla Newsletter


L’economia moderna dell’Ucraina è stata sviluppata come parte integrante della più ampia economia dell’Unione Sovietica. Pur ricevendo una quota minore (16% negli anni ’80) dei fondi di investimento dell’Unione Sovietica e producendo una percentuale maggiore di beni con un prezzo fisso inferiore, l’Ucraina è stata in grado di produrre una quota maggiore della produzione totale nel settore industriale (17%) e in particolare i settori agricoli (21%) dell’economia sovietica.

In effetti, un trasferimento di ricchezza dall’Ucraina diretto a livello centrale, pari a un quinto del suo reddito nazionale, ha contribuito a finanziare lo sviluppo economico in altre parti dell’Unione Sovietica, in particolare Russia e Kazakistan .

Alla fine del periodo sovietico, tuttavia, l’economia ucraina era sottoposta a forti tensioni e si contrasse bruscamente all’inizio dell’era dell’indipendenza. Un periodo di estrema inflazione valutaria all’inizio degli anni ’90 ha portato grandi difficoltà alla maggior parte della popolazione.

Nonostante le prime speranze che l’indipendenza economica ucraina, con la concomitante fine del trasferimento di fondi e risorse ad altre parti dell’Unione Sovietica, avrebbe alleviato il peso sull’economia e sul tenore di vita, l’Ucraina è entrata in un periodo di grave declino economico. La vita quotidiana in Ucraina è diventata difficile, in particolare per coloro che vivevano con un reddito fisso, poiché i prezzi sono aumentati notevolmente.

I cittadini compensavano in diversi modi: più della metà coltivava il proprio cibo, i lavoratori spesso svolgevano due o tre lavori e molti acquistavano beni di prima necessità attraverso una fiorente economia del baratto. Nel 1996 l’Ucraina aveva raggiunto una certa stabilità economica. L’inflazione è scesa a livelli gestibili e il declino dell’economia è rallentato considerevolmente.

A cavallo del 21° secolo l’economia iniziò finalmente a crescere, almeno in parte a causa dei crescenti legami con la Russia. All’inizio del 21° secolo molti giovani ucraini, in particolare residenti nell’ovest rurale del paese, cercarono opportunità di lavoro all’estero. Sebbene tale migrazione abbia talvolta portato a carenze di manodopera localizzate all’interno dell’Ucraina, le rimesse della diaspora ucraina ammontavano a circa il 4% del prodotto interno lordo (PIL) del paese.

L’economia ha subito una forte contrazione nel 2014 a causa della crisi politica che ha rovesciato il governo del presidente filorusso Viktor Yanukovich. La Russia ha risposto alla cacciata di Yanukovich annettendo illegalmente la Crimea e aiutando di fatto un’insurrezione nell’Ucraina sudorientale. Un cessate il fuoco tra il governo ucraino e le forze sostenute dalla Russia nel febbraio 2015 ha creato uno stato di conflitto congelato e ha sconvolto la vita quotidiana in quella che era stata la regione industriale più produttiva dell’Ucraina.

Tabella dei contenuti

Agricoltura e pesca

In parte grazie ai suoli ricchi di elementi e del clima favorevole, la produzione agricola dell’Ucraina è molto sviluppata. La sua produzione di cereali e patate è tra le più alte d’Europa ed è tra i maggiori produttori mondiali di barbabietola da zucchero e olio di semi di girasole. Il settore zootecnico ucraino è in ritardo rispetto al settore delle colture, ma la sua produzione totale è ancora notevolmente superiore a quella della maggior parte degli altri paesi europei.

Grano Ucraina

Una notevole quantità di suoli speciali del mondo si trova nella zona della steppa forestale dell’Ucraina. Questi terreni sono particolarmente adatti alla coltivazione della barbabietola da zucchero, importante coltura industriale, e del frumento.

Oltre al grano l’Ucraina produce cereali come l’orzo principalmente per l’alimentazione animale, il mais, i grani leguminosi, l’avena, la segale, il miglio, il grano saraceno e il riso. Le patate sono una coltura importante nelle regioni più fredde del nord e ai piedi dei Carpazi.

I semi di girasole, la principale coltura da olio, sono più comuni nella zona della steppa, dove vengono coltivati ​​anche semi di ricino, senape, colza, lino, canapa e papavero. Nelle steppe meridionali, soprattutto dove si usa l’irrigazione, si coltivano anche pomodori, peperoni e meloni. L’agricoltura è particolarmente degna di nota alla periferia di grandi città come Kiev, Kharkiv, Dnipropetrovsk, Zaporizhzhya e la nel Bacino di Donets.

La frutta viene coltivata in tutta l’Ucraina, in particolare nella steppa in Transcarpazia nell’Ucraina sudoccidentale e in particolare in Crimea. I vigneti sono comuni nella parte meridionale dell’Ucraina, in particolare in Transcarpazia e Crimea.

Allevamenti in Ucraina

Bovini e suini vengono allevati in tutta l’Ucraina. Le concentrazioni di mandrie da latte si verificano principalmente nella steppa forestale, soprattutto in prossimità delle grandi città, mentre i bovini da carne sono più comuni nelle aree di pascoli naturali e campi da fieno, come nella Polissia e ai piedi dei Carpazi.

Pecore e capre vengono allevate nei Carpazi e in alcune parti della steppa meridionale e della Crimea. Polli, oche e tacchini sono allevati in tutta l’Ucraina per la produzione di carne e uova, ma gli allevamenti intensivi di carne e uova su larga scala sono concentrate vicino alle grandi città.

Le api sono allevate in tutte le parti dell’Ucraina per l’impollinazione e la produzione di miele e cera; L’allevamento del baco da seta avviene in Transcarpazia.

Mentre la produzione di colture in campo e allevamento di bestiame e pollame su larga scala sono state sviluppate in fattorie collettive e statali nel periodo sovietico, il giardinaggio privato, la frutticoltura e l’allevamento di bestiame sono stati tradizionalmente portati avanti da famiglie e piccoli gruppi.

Con la ristrutturazione agricola avviata da Mikhail Gorbachev alla fine degli anni ’80, i piccoli appezzamenti privati ​​potevano espandersi, mentre le fattorie collettive e statali potevano subire una riorganizzazione sulla base dell’agricoltura di gruppo o familiare. Fin dall’indipendenza, l’intento dichiarato del governo ucraino è stato quello di realizzare una graduale privatizzazione dell’agricoltura, ma le infrastrutture agricole, sviluppate attorno alle fattorie collettive e statali, hanno reso la conversione difficile e costosa.

Nel dicembre 1999 il sistema delle fattorie collettive è stato abolito con decreto presidenziale e la riforma agraria è rimasta un problema politico per molti anni. Uno degli aspetti politicamente più divisivi della privatizzazione, tuttavia, è stata la proposta di vendita di terreni agricoli. La pratica, vietata per legge nel 1992, è stata vista da molti come un passaggio cruciale nella liberalizzazione del settore agricolo.

La maggior parte dei boschi dell’Ucraina è gestita dall’Agenzia statale per le risorse forestali. Sebbene gli sforzi per migliorare lo stock in crescita del paese siano stati ostacolati dalla contaminazione dell’incidente di Chernobyl del 1986, le aree forestali economicamente produttive dell’Ucraina si sono espanse notevolmente negli anni successivi all’indipendenza e all’inizio del 21° secolo.

Gli estuari del Mar Nero e il Mar d’Azov sono le principali zone di pesca dell’Ucraina. Tra i principali fiumi per la pesca ci sono il Dnepr, il Danubio, il Dnestr, il Buh meridionale e il Donets. Le catture di pesce sono diminuite a causa del forte inquinamento.

Risorse minerarie

L’Ucraina ha risorse minerarie estremamente ricche e complementari in alte concentrazioni e in stretta vicinanza l’una all’altra. Ricche riserve di minerale di ferro situate nelle vicinanze di Kryvyy Rih, Kremenchuk , Bilozerka, Mariupol e Kerch costituiscono la base della grande industria siderurgica ucraina.

Miniere in Ucraina

Una delle aree più ricche di minerali contenenti manganese al mondo si trova vicino a Nikopol. Il carbone bituminoso e antracite utilizzato per il coke viene estratto nel Bacino di Donets. L’energia per le centrali termiche è ottenuta utilizzando le grandi riserve di lignite presenti nel Bacino del fiume Dnepr (a nord di Kryvyy Rih) e giacimenti di carbone bituminoso del bacino Lviv-Volyn.

Le miniere di carbone dell’Ucraina sono tra le più profonde d’ Europa. Molte sono considerate pericolose perché la loro profondità contribuisce ad aumentare i livelli di metano; esplosioni legate al metano hanno ucciso numerosi minatori ucraini.

L’Ucraina ha anche importanti giacimenti di minerali di titanio, bauxite, nefelina, alunite e minerali di mercurio. Un grande deposito di ozokerite, una cera di paraffina naturale, si trova vicino alla città di Boryslav. La sub Carpazia e il bacino del Donet possiedono depositi di sale di potassio. Alcuni fosforiti e zolfo naturale si trovano in Ucraina.

Le risorse energetiche

Le tre grandi aree di produzione di gas naturale e petrolio in Ucraina sono la regione dei Subcarpazi, sfruttata dalla fine del XIX all’inizio del XX secolo, e le regioni del Dnepr-Donets e della Crimea, entrambe sviluppate dalla seconda guerra mondiale.

Dopo la seconda guerra mondiale, l’estrazione di gas naturale in Ucraina è aumentata vertiginosamente fino a rappresentare un terzo della produzione totale dell’Unione Sovietica all’inizio degli anni ’60. La produzione di gas naturale è diminuita dopo il 1975, tuttavia, e un modello simile di crescita ed esaurimento si è verificato con il petrolio ucraino, rendendo alla fine la repubblica un importatore netto di questi combustibili.

Esportazioni Ucraine
Esportazioni Ucraine

Lo sfruttamento di petrolio e gas naturale in Ucraina ha reso necessaria la creazione di un vasto sistema di trasporto di condotte. Uno dei primi gasdotti della regione fu aperto negli anni ’20, collegando Dashava a Leopoli e poi a Kiev. Come risultato dell’impegno dell’Unione Sovietica per l’importante esportazione di gas alla fine degli anni ’60 e all’inizio degli anni ’70, furono posati due gasdotti attraverso l’Ucraina per portare il gas nell’Europa orientale e occidentale dalla Siberia e da Orenburg in Russia.

Il petrolio del giacimento petrolifero di Dolyna nell’Ucraina occidentale viene convogliato per circa 65 km a una raffineria di Drohobyche il petrolio proveniente dai giacimenti dell’Ucraina orientale viene convogliato a una raffineria a Kremenchuk. Successivamente, furono aggiunte linee principali di petrolio più grandi circa 1.100 km per fornire petrolio dalla Siberia occidentale alle raffinerie di Lysychansk, Kremenchuk, Kherson e Odessa, nonché un segmento di 675 km del Oleodotto Druzhba, che attraversa l’Ucraina occidentale per fornire petrolio siberiano ad altri paesi europei.

Importazioni Ucraine
Importazioni Ucraine

Gli oleodotti che collegano i giacimenti di petrolio e gas siberiani con l’Europa sono un importante asset economico per l’Ucraina. Tuttavia, le controversie tra Ucraina e Russia in passato hanno portato quest’ultima a interrompere temporaneamente la sua fornitura, colpendo negativamente l’Ucraina e l’Unione Europea, che dipende dal gas e dal petrolio di questi gasdotti.

L’Ucraina è fortemente dipendente dai combustibili fossili e dall’energia nucleare per il suo fabbisogno energetico. L’energia idroelettrica rappresenta meno del 10 per cento della produzione di elettricità del Paese e il contributo delle altre fonti rinnovabili è trascurabile. Sebbene la produzione di carbone sia notevole, l’Ucraina fa affidamento sull’importazione di petrolio e gas naturale per soddisfare il proprio fabbisogno energetico.

Le centrali termiche si trovano in tutte le parti del paese, anche se le più grandi si trovano nel bacino del Donets e lungo il Dnepr. Una terza area di produzione di energia elettrica si trova nelle vicinanze del bacino carbonifero di Leopoli-Volyn e nella regione della Transcarpazia vi è un gruppo di diverse centrali elettriche. Le centrali nucleari si trovano vicino alle città di Khmelnytskyy, Rivne e Zaporizhzhya, nonché lungo il fiume Buh meridionale.

Il grave incidente nucleare in uno dei reattori di Chernobyl nel 1986 hanno innescato un potente movimento ambientalista in Ucraina e stimolato la spinta verso l’indipendenza politica dall’Unione Sovietica. L’ultimo reattore funzionante a Chernobyl è stato chiuso nel 2000.

La produzione industriale

La produzione è un settore estremamente importante dell’economia ucraina, in termini di produttività e reddito guadagnato. I prodotti fabbricati nel paese includono metalli ferrosi, attrezzature per il trasporto e altri tipi di macchinari pesanti, una varietà di prodotti chimici, prodotti alimentari e altri beni.

L’Ucraina ha un’importante industria dei metalli ferrosi e si colloca tra i primi produttori di acciaio nel mondo. Ghisa, acciaio laminato e tubi d’acciaio vengono prodotti principalmente nel bacino del Donets, il cuore industriale del paese.

Le industrie pesanti del paese producono camion, automobili, locomotive ferroviarie e vagoni merci, navi marittime, turbine idroelettriche e termiche a vapore e a gas e generatori elettrici. Inoltre, l’edilizia residenziale e industriale richiede attrezzature di sollevamento e trasporto e altri macchinari per l’edilizia. Decine di fabbriche, che si trovano principalmente a Kharkiv, Odessa, Lviv e Kherson producono anche un’ampia gamma di attrezzature agricole.

Durante il periodo sovietico, gli stabilimenti in Ucraina assemblavano razzi e costruivano navi militari, comprese le portaerei. Successivamente, l’Ucraina è emersa come produttore di armi a pieno titolo, sebbene dal 1991 siano stati compiuti sforzi per convertire le strutture di difesa alla produzione non militare. Ad esempio, l’azienda manifatturiera Yuzhmash, che un tempo gestiva il più grande impianto missilistico del mondo, a Dnipropetrovsk , ora produce macchinari agricoli civili e tecnologia aerospaziale, nonché sistemi missilistici strategici.

L’industria ucraina delle apparecchiature chimiche, che rappresenta un terzo della produzione dell’ex Unione Sovietica, è concentrata principalmente a Kiev, Sumy, Fastiv e Korosten. L’industria chimica comprende la produzione di prodotti a base di coke, nonché la produzione di fertilizzanti minerali, acido solforico, fibre sintetiche, soda caustica, prodotti petrolchimici, prodotti chimici fotografici e pesticidi.

Uno dei prodotti più importanti dell’industria alimentare ucraina è lo zucchero. Significativa anche la produzione di olio vegetale, principalmente da semi di girasole. Altri alimenti trasformati includono carne, grano, frutta e latticini; industrie locali di lavorazione del pesce si trovano nelle città costiere, come Odessa. Il vino proviene dalla regione della Transcarpazia e dalla Crimea, dove i viticoltori del gruppo Massandra sono stabiliti vicino a Yalta. L’Ucraina produce anche vodka, birra e altre bevande.

Alcuni dei principali prodotti dell’industria leggera sono i tessili, gli indumenti prêt-à-porter e le scarpe. Inoltre, vengono prodotti beni di consumo come televisori, frigoriferi e lavatrici. Sono state sviluppate anche industrie di produzione di macchine utensili e strumenti.

Source URL: https://scriptamanentitalia.it/ucraina-economia-export-finanze-paese/