La pace di Vestfalia

by Alessandro Trizio | 27 Settembre 2022 16:38


Legio X Equestris

La pace di Vestfalia è il nome collettivo di due trattati di pace firmati nell’ottobre 1648 nelle città della Vestfalia di Osnabrück e Münster. Conclusero la Guerra dei Trent’anni (1618–1648) e la Guerra degli ottant’anni (1568–1648) e portarono la pace nel Sacro Romano Impero, chiudendo un periodo disastroso della storia europea che determinò la morte di circa otto milioni di persone. L’imperatore del Sacro Romano Impero Ferdinando III, l’Impero spagnolo, i regni di Francia e Svezia, le Province Unite (Paesi Bassi) e i rispettivi alleati tra i principi del Sacro Romano Impero hanno partecipato a questi trattati.

Il processo negoziale è stato lungo e complesso. I colloqui si sono svolti in due città, perché ciascuna parte voleva incontrarsi su territorio sotto il proprio controllo. In totale sono arrivate 109 delegazioni in rappresentanza degli stati belligeranti. Furono firmati due trattati per porre fine alla guerra nell’Impero: il Trattato di Münster e il Trattato di Osnabrück. Questi trattati posero fine alla Guerra dei Trent’anni nel Sacro Romano Impero, con gli Asburgo e i loro alleati cattolici da una parte, che combattevano le potenze protestanti alleate con la Francia. La pace separata di Münster pose fine alla Guerra degli ottant’anni tra la Spagna e le Province Unite.

Joachim Whaley, uno dei principali storici di lingua inglese del Sacro Romano Impero, afferma che commentatori come Leibniz, Rousseau, Kant e Schiller hanno elogiato la pace di Vestfalia come il primo passo verso una pace universale.

Studiosi di relazioni internazionali hanno identificato la pace di Vestfalia come l’origine dei principi cruciali per le moderne relazioni internazionali.

Tabella dei contenuti

Lo stato dell’Europa

L’Europa era stata colpita dalla Guerra dei Trent’anni e dalla Guerra degli ottant’anni, che hanno richiesto un pesante tributo in denaro e vite umane. La guerra degli ottant’anni fu una guerra religiosa prolungata tra cattolici e protestanti, che si trasformò in una lotta per l’indipendenza della Repubblica olandese a maggioranza protestante, sostenuta dall’Inghilterra, contro la Spagna e il Portogallo dominati dai cattolici. La Guerra dei Trent’anni fu la più cruenta delle guerre di religione europee, incentrata sul Sacro Romano Impero. La guerra, che si sviluppò in quattro fasi, comprendeva un gran numero di nazioni coinvolte, schierate con la Lega Cattolica o con l’Unione Protestante. La pace di Praga (1635) pose fine alla maggior parte degli aspetti religiosi della guerra e la rivalità franco-asburgica prese il sopravvento. Con 8 milioni di morti nella sola Guerra dei Trent’anni e decenni di guerra costante, la necessità di pace è diventata sempre più chiara.

La pace di Vestfalia. I delegati

Il principale rappresentante del Sacro Romano Imperatore era Massimiliano Graf von Trauttmansdorff, alla cui sagacia fu in gran parte dovuta la conclusione della pace. Gli inviati francesi erano nominalmente sotto Enrico II d’Orléans, duca di Longueville, ma il marchese de Sablé e il conte d’Avaux erano i veri agenti della Francia. La Svezia era rappresentata da John Oxenstierna, figlio dell’omonimo cancelliere, e da John Adler Salvius, che aveva precedentemente agito per conto della Svezia negoziando il Trattato di Amburgo (1641). Il nunzio pontificio era Fabio Chigi, poi papa Alessandro VII. Brandeburgo, rappresentato da Johann, Graf von Sayn-Wittgenstein, ha svolto il ruolo più importante tra gli stati protestanti dell’impero. Il 1 giugno 1645 Francia e Svezia presentarono proposte di pace, che furono discusse dai possedimenti dell’impero dall’ottobre 1645 all’aprile 1646. La risoluzione delle questioni religiose fu effettuata tra il febbraio 1646 e il marzo 1648. La guerra continuò durante il deliberazioni.

La pace di Vestfalia. Le decisioni

Secondo i termini dell’accordo di pace, alcuni paesi hanno ricevuto territori o sono rimasti in possesso confermato della loro sovranità sui territori. Le clausole territoriali favorivano tutte la Svezia, la Francia e i loro alleati. La Svezia ottenne la Pomerania occidentale, il porto di Wismar, l’arcivescovado di Brema e il vescovato di Verden. Questi territori diedero alla Svezia il controllo del Mar Baltico e degli estuari dei fiumi Oder, Elba e Weser.

La Francia ottenne la sovranità sull’Alsazia e fu confermata il possesso di Metz, Toul, e Verdun, che aveva sequestrato un secolo prima. La Francia ha così guadagnato una solida frontiera a ovest del fiume Reno. Il Brandeburgo ottenne la Pomerania orientale e molti altri territori minori. La Baviera riuscì a mantenere l’Alto Palatinato, mentre il Palatinato renano fu restituito a Carlo Luigi, figlio dell’elettore palatino Federico V. Altri due importanti risultati dell’insediamento territoriale furono la conferma delle Province Unite dei Paesi Bassi e la Confederazione Svizzera come repubbliche indipendenti, riconoscendo così formalmente uno status che quei due Stati detenevano effettivamente da molti decenni. A parte questi cambiamenti territoriali, fu dichiarata un’amnistia universale e incondizionata a tutti coloro che erano stati privati ​​dei loro beni e fu decretato che tutte le terre fossero restituite a coloro che le avevano detenute nel 1618.

Ancora più importante della redistribuzione territoriale fu l’ insediamento ecclesiastico. La pace di Vestfalia ha confermato la Pace di Augusta (1555), che aveva concesso ai luterani la tolleranza religiosa nell’impero e che era stata revocata dall’imperatore del Sacro Romano Impero Ferdinando II nel suo Editto di restituzione (1629). Inoltre, l’accordo di pace ha esteso le disposizioni della pace di Augusta per tolleranza religiosa alla chiesa riformata (calvinista), assicurando così la tolleranza per le tre grandi comunità religiose dell’impero: cattolica romana, luterana e calvinista. Entro questi limiti gli stati membri dell’impero erano tenuti a consentire almeno il culto privato, la libertà di coscienza e il diritto di emigrazione a tutte le minoranze religiose e dissidenti all’interno dei loro domini.

La difficile questione della proprietà delle terre spirituali è stata decisa da un compromesso. L’anno 1624 è stato dichiarato “anno” in base al quale i territori dovevano essere considerati in possesso cattolico o protestante. Con l’importante disposizione che un principe avrebbe perso le sue terre se avesse cambiato religione, fu posto un ostacolo a un’ulteriore diffusione sia della Riforma che della Controriforma. La dichiarazione che tutte le proteste o i veti alla Pace di Vestfalia da parte di chiunque fosse pronunciato fossero nulli e non validi inflisse un colpo all’intervento della Curia romana negli affari tedeschi.

Le modifiche costituzionali apportate dal trattato hanno avuto effetti di vasta portata. Per la Germania, l’accordo pose fine alla secolare lotta tra le tendenze monarchiche degli imperatori del Sacro Romano Impero e le aspirazioni federaliste dei principi tedeschi dell’impero. La pace di Vestfalia riconosceva la piena sovranità territoriale degli stati membri dell’impero. Erano autorizzati a contrarre trattati tra loro e con potenze straniere, a condizione che l’imperatore e l’impero non subissero alcun pregiudizio. Con questo e altri cambiamenti i principi dell’impero divennero sovrani assoluti nei propri domini. L’imperatore del Sacro Romano Impero e la Dieta rimasero una semplice ombra del loro antico potere.

Non solo l’autorità centrale dell’impero fu sostituita quasi interamente dalla sovranità di circa 300 principi, ma il potere dell’impero fu materialmente indebolito in altri modi. Perse circa 100.000 km quadrati di territorio e ottenne una frontiera contro la Francia che era incapace di difesa. La Svezia e la Francia come garanti della pace acquisirono il diritto di ingerenza negli affari dell’impero e anche la Svezia ottenne voce nei suoi consigli (come membro della Dieta). Per molti anni la Germania divenne così il principale teatro della diplomazia e della guerra europea e il naturale sviluppo dell’unità nazionale tedesca fu ritardato. Ma se il Trattato di Vestfalia ha pronunciato la dissoluzione del vecchio ordine nell’impero, ha facilitato la crescita di nuove potenze nelle sue parti componenti, in particolare Austria , Baviera e Brandeburgo. Il trattato fu riconosciuto come legge fondamentale della costituzione tedesca e costituì la base di tutti i trattati successivi fino allo scioglimento del Sacro Romano Impero nel 1806.

I trattati non posero fine del tutto ai conflitti derivanti dalla Guerra dei Trent’anni. I combattimenti continuarono tra Francia e Spagna fino al Trattato dei Pirenei nel 1659. La guerra olandese-portoghese iniziò durante l’Unione iberica tra Spagna e Portogallo, nell’ambito della Guerra degli ottant’anni, e proseguì fino al 1663. Tuttavia, la pace di Vestfalia ha risolto molte questioni europee in sospeso dell’epoca.

Fonti:

Source URL: https://scriptamanentitalia.it/pace-vestfalia/