Il medioevo greco. Cos’è

by Stefania Maurilio | 15 Luglio 2022 11:46


Legio X Equestris

Il Medioevo greco è il periodo della storia greca dalla fine della civiltà micenea intorno al 1100 a.C. all’inizio dell’età arcaica intorno al 750 a.C.

Le prove archeologiche mostrano un diffuso crollo della civiltà dell’età del bronzo nel mondo del Mediterraneo orientale, poiché i grandi palazzi e le città dei Micenei furono distrutti o abbandonati. Più o meno nello stesso periodo, la civiltà ittita subì gravi sconvolgimenti poiché le città da Troia a Gaza furono distrutte. In Egitto, il Nuovo Regno cadde e la situazione molto caotica portò al Terzo Periodo Intermedio d’Egitto.

Dopo il crollo di insediamenti più piccoli ci sono i segni di una vasta carestia e spopolamento. In Grecia, la scrittura in lineare B usata dai burocrati micenei per scrivere si fermò, e l’ alfabeto greco non si sviluppò fino all’inizio del periodo arcaico. La decorazione su ceramica greca dopo il 1100 aC circa è priva della decorazione figurativa della ceramica micenea ed è ristretta a stili più semplici, generalmente geometrici.

In precedenza si pensava che durante questo periodo tutti i contatti fossero andati persi tra gli elleni continentali e le potenze straniere, ottenendo scarsi progressi e crescita culturale. Ma l’archeologo Alex Knodell ritiene che i manufatti degli scavi a Lefkandi nella pianura di Lelantine in Eubea negli anni ’80 “rivelarono che alcune parti della Grecia sono state molto più ricche e più collegate di quanto si pensasse tradizionalmente, poiché un edificio monumentale e il suo cimitero adiacente mostravano collegamenti con Cipro, l’Egitto e il Levante come indicatori di status e autorità d’élite, proprio come lo erano stati nei periodi precedenti“, e questo dimostra che significativi legami culturali e commerciali con l’Oriente, in particolare il Levante si fosse sviluppato dal 900 aC in poi. Inoltre, sono emerse prove della nuova presenza di Elleni nella Cipro submicenea e sulla costa siriana ad Al-Mina.

Tabella dei contenuti

La data “ufficiale”

Anche se il 1200 aC è la data “ufficiale” della distruzione e dell’abbandono di molti dei maggiori centri micenei, la documentazione archeologica non mostra cambiamenti significativi fino ad almeno un secolo dopo; ovvero la cultura micenea persistette dopo la distruzione dei centri principali per circa un secolo, e i suoi tratti culturali sono ancora identificabili. La cronologia greca del Medio Evo Greco non ha un singolo “punto fisso”, il che significa che, poiché l’alfabetizzazione è andata perduta, non abbiamo alcun evento storico che possa essere collegato alla cronologia mondiale. Alcuni studiosi hanno proposto una data tra il 1200 a.C. e 800 a.C. Altri credono che inizi nel 1100 a.C. e termini nel 776 a.C., data dei primi Giochi Olimpici. Tutte queste stime sarebbero oggi accettabili per la maggior parte degli studiosi.

Gli insediamenti

Lo studio degli insediamenti suggerisce un improvviso declino della popolazione in Grecia durante il “medio evo ellenico”. Ciò si riflette nella riduzione del numero di insediamenti in Grecia che possono essere identificati intorno al 1100 aC: il numero di siti e cimiteri registrati della Grecia durante il periodo mostra chiaramente questa tendenza. Ciò è coerente con le cifre proposte da Anthony Snodgrass per il numero di siti occupati in Grecia identificati sulla base di diversi stili di ceramica:

In alcune aree della Grecia, come la Laconia e l’Argolide meridionale, sono stati identificati pochissimi reperti archeologici per il periodo 1100 -1000 e i pochi siti che sono stati trovati sono minori rispetto ai tempi precedenti. Vincent Desborough ha stimato un forte calo della popolazione tra il 1100 “circa un decimo di quello che era poco più di un secolo prima“.

La società nel medio evo greco

La Grecia durante questo periodo era probabilmente divisa in regioni indipendenti organizzate da gruppi di parentel, gli oikos o famiglie, le origini delle successive poleis. Gli scavi come Nichoria nel Peloponneso hanno mostrato come una città dell’età del bronzo fu abbandonata nel 1150 a.C. ma poi riemerse come un piccolo villaggio nel 1075 a.C. A quel tempo c’erano solo una quarantina di famiglie che vivevano nella zona con abbondanza di terreni agricoli e pascoli per il bestiame. I resti di un edificio del X secolo, compreso un megaron, unità architettonica che funge da fulcro della realtà palaziale minoica e soprattutto micenea, sulla sommità del crinale, ciò ha portato a ipotizzare che questa fosse la casa del capotribù.

Questa era una struttura più grande di quelle che la circondavano, ma era ancora realizzata con gli stessi materiali, mattoni di fango e tetto di paglia. Forse era anche un luogo di importanza religiosa e di deposito comune di cibo. Individui di alto rango esistevano infatti nel medio evo greco, ma il loro tenore di vita non era significativamente più alto di altri del loro villaggio. La maggior parte dei greci non viveva in fattorie isolate ma in piccoli insediamenti. È probabile che due o trecento anni dopo, la principale risorsa economica per ogni famiglia fosse l’ancestrale appezzamento di terra degli Oikos.

La fine del medio evo greco

La documentazione archeologica di molti siti dimostra che la ripresa economica della Grecia era ben avviata all’inizio dell’VIII secolo aC. Cimiteri, come il Kerameikos ad Atene o Lefkandi, e santuari, come Olimpia, fondata a Delfi o l’Heraion di Samo, primo dei colossali templi indipendenti, erano riccamente forniti di offerte, compresi oggetti dal Vicino Oriente, Egitto e Italia realizzati con materiali esotici tra cui ambra e avorio. Le esportazioni di ceramiche greche dimostrano il contatto con la costa del Levante in siti come Al-Mina e con la regione del Villanoviano e la cultura a nord di Roma.

La decorazione della ceramica divenne più elaborata e includeva scene figurate parallele alle storie dell’Epopea omerica. Strumenti di ferro e armi erano migliorati, il rinnovato commercio mediterraneo portò nuove forniture di rame e stagno per realizzare un’ampia gamma di elaborati oggetti in bronzo, come i treppiedi offerti come premi nei giochi funebri celebrati da Achille.

Altre regioni costiere della Grecia oltre all’Eubea parteciparono ancora una volta a pieno titolo agli scambi commerciali e culturali del Mediterraneo orientale e centrale e le comunità svilupparono il governo di un gruppo d’élite di aristocratici piuttosto che del singolo basileus o capotribù di epoche precedenti.

Critica al termine “medio evo ellenico”

Un certo numero di studiosi ha sollevato preoccupazioni sul termine “Medio Evo”. James Whitley ha affermato che il termine è “piuttosto pesante”. Timothy Darvill ritiene che il termine “Medio evo ellenico” non sia “molto utile” perché implica che si sa molto poco del periodo nonostante il fatto che l’archeologia abbia fatto avanzare la nostra conoscenza sul medio evo greco. Sulla base di queste e altre osservazioni, ci sono alcune alternative per fare riferimento a questo periodo, come “Età del ferro”, che può essere suddiviso in “Protogeometrico” dal 1050 a.C. al 900 a.C. e “Geometrico” 900 a.C. al 700 a.C.

Nonostante queste nuove obiezioni sul termine “Medio evo greco”, il quadro complessivo suggerito dai dati archeologici per questo periodo si adatta alle caratteristiche generali del collasso del sistema senza un’amministrazione centrale identificabile, del declino della popolazione e dell’impoverimento della cultura materiale. Ciò è in linea con l’opinione di Anthony Snodgrass, il quale sostiene che in Grecia durante il medio evo ellenico, poco è stato preservato dalla cultura micenea e “quel poco si è poi ridotto a quasi nulla fino a quando alcuni elementi non sono stati rianimati artificialmente” alla fine dell’VIII secolo a.C. e più tardi.

Source URL: https://scriptamanentitalia.it/il-medioevo-greco-cose/