Chi era Attila? Storia del Re degli Unni

by Stefania Maurilio | 8 Agosto 2022 10:18


Legio X Equestris

Attila, soprannominato Flagellum Dei, dal latino: “Flagello di Dio”, è stato re degli Unni dal 434 al 453 regnando insieme al fratello maggiore Bleda fino al 445. E’ stato uno dei più grandi sovrani barbari che assalirono l’Impero Romano, invadendo le province dei Balcani meridionali e la Grecia e poi la Gallia e l’Italia. Nella leggenda compare sotto il nome di Etzel dei Nibelunghi e sotto il nome Atli nelle saghe islandesi.

L’impero che Attila e suo fratello maggiore Bleda ereditarono sembra essersi esteso dalle Alpi e dal Baltico a ovest fino a qualche parte vicino al Mar Caspio a est. La loro prima azione nota per diventare governanti fu la negoziazione di un trattato di pace con l’Impero Romano d’Oriente[1], concluso nella città di Margus (Požarevac). Secondo i termini del trattato, i romani si impegnavano a raddoppiare i sussidi che avevano pagato agli Unni e in futuro a pagare 300 kg d’oro ogni anno.

Dal 435 al 439 le attività di Attila sono sconosciute, ma sembra che fosse impegnato nella sottomissione dei popoli barbari a nord o ad est dei suoi domini. I Romani d’Oriente non sembrano aver pagato le somme previste nel trattato di Margus, e così nel 441, quando le loro forze erano occupate a ovest e sulla frontiera orientale, Attila lanciò un pesante assalto alla frontiera danubiana dell’Impero d’Oriente.

Attila. Disegno di Peter Johann Nepomuk Geiger  Public Domain
Disegno di Peter Johann Nepomuk Geiger Public Domain

Catturò e rase al suolo una serie di importanti città, tra cui Singidunum (Belgrado). I romani d’Oriente riuscirono a stabilire una tregua per l’anno 442 e richiamarono le loro forze dall’Occidente. Ma nel 443 Attila riprese il suo attacco. Iniziò prendendo e distruggendo le città sul Danubio e poi si recò nell’interno dell’impero verso Naissus (Niš) e Serdica (Sofia), che distrusse entrambe. Successivamente si portò verso Costantinopoli, prese Filippopoli, sconfisse le principali forze romane orientali in una serie di battaglie, e così raggiunse il mare sia a nord che a sud di Costantinopoli.

Non c’era speranza per gli arcieri unni di attaccare le grandi mura della capitale, così Attila si rivolse ai resti delle forze dell’impero, che si erano ritirate nella penisola e le distrusse. Nel trattato di pace che seguì, obbligò l’Impero d’Oriente a pagare gli arretrati del tributo, che calcolò in 2.700 kg d’oro, e triplicò il tributo annuale, estorcendo da allora in poi 950 kg d’oro ciascuno anno.

I movimenti di Attila dopo la conclusione della pace nell’autunno del 443 sono sconosciuti. Intorno al 445 uccise suo fratello Bleda e da allora in poi governò gli Unni come un autocrate. Fece il suo secondo grande attacco all’Impero Romano d’Oriente nel 447, ma poco si sa dei dettagli della campagna. Fu pianificato su una scala ancora più grande di quella del 441–443 e il suo peso principale era diretto verso le province della Bassa Scizia e della Mesia nell’Europa sudorientale, cioè più a est rispetto al precedente assalto.

Impegnò le forze dell’Impero d’Oriente sul fiume Utus (Vid) e le sconfisse, ma lui stesso subì gravi perdite. Ha poi devastato le province balcaniche e si è diretto verso sud in Grecia, dove è stato fermato solo alle Termopili. I tre anni successivi all’invasione furono pieni di complicate trattative tra Attila e i diplomatici dell’imperatore romano d’Oriente Teodosio II. Molte informazioni su questi incontri diplomatici sono state conservate nei frammenti del Storia di Prisco di Panium, che visitò il quartier generale di Attila in Valacchia in compagnia di un’ambasciata romana nel 449. Il trattato con cui si pose fine alla guerra era più duro di quello del 443; i romani orientali dovettero evacuare un’ampia fascia di territorio a sud del Danubio e il tributo da loro dovuto fu continuato, sebbene il tasso non sia noto.

Invasione della Gallia

L'impero degli Unni e le tribù suddite al tempo di Attila
L’impero degli Unni e le tribù suddite al tempo di Attila – Mappa di Slovenski Volk CC BY-SA 3.0

La successiva grande campagna di Attila fu l’invasione della Gallia nel 451. Fino ad allora sembrava essere stato in rapporti amichevoli con il generale romano Ezio, il vero sovrano dell’Occidente in quel momento, e i suoi motivi per marciare in Gallia non sono stati ritrovati. Annunciò che il suo obiettivo in Occidente era il regno dei Visigoti, un popolo germanico che aveva conquistato parti dei due imperi romani, centrato su Tolosa e che non aveva alcun contrasto con l’imperatore d’Occidente, Valentino III. Ma nella primavera del 450, Honoria, sorella dell’imperatore, inviò il suo anello ad Attila, chiedendogli di salvarla da un matrimonio che era stato organizzato per lei.

Attila allora rivendicò Honoria come sua moglie e chiese metà dell’Impero d’Occidente come sua dote. Quando Attila era già entrato in Gallia, Ezio raggiunse un accordo con il re visigoto, Teodorico I, per unire le loro forze nel resistere agli Unni. Molte leggende si raccontano della campagna che seguì. È certo, però, che Attila riuscì quasi ad occupare Aureliano (Orléans) prima dell’arrivo degli alleati. In effetti, gli Unni avevano già preso piede all’interno della città quando Ezio e Teodorico li costrinsero a ritirarsi. L’impegno decisivo è stata la Battaglia delle pianure catalane[2] o, secondo alcuni studiosi, di Maurica, entrambi i luoghi non sono identificati. Dopo aspri combattimenti, in cui fu ucciso il re visigoto, Attila si ritirò e poco dopo si ritirò dalla Gallia. Questa è stata la sua prima e unica sconfitta.

Nel 452 gli Unni invasero l’Italia e saccheggiarono diverse città, tra cui Aquileia, Patavium (Padova), Verona, Brixia (Brescia), Bergomum (Bergamo) e Mediolanum (Milano); Ezio non poteva fare nulla per fermarli. Ma la carestia e la pestilenza che imperversavano in Italia in quell’anno costrinsero gli Unni a partire senza attraversare l’Appennino.

Nel 453 Attila intendeva attaccare l’Impero d’Oriente, dove dominava il nuovo imperatore Marciano che si era rifiutato di pagare i sussidi concordati dal suo predecessore, Teodosio II. Ma durante la notte successiva al suo matrimonio, Attila morì nel sonno. Coloro che lo seppellirono insieme ai suoi tesori furono successivamente messi a morte dagli Unni affinché la sua tomba non venisse mai scoperta. Gli succedettero i suoi figli, che divisero tra loro il suo impero.

Prisco[3], che vide Attila quando visitò il suo accampamento nel 448, lo descrisse come un uomo basso e tozzo con una testa grande, occhi infossati, naso piatto e barba sottile. Secondo gli storici, Attila era, sebbene di indole irritabile, spavalda e truculenta, un negoziatore molto tenace e per nulla spietato. Quando Prisco partecipò a un banchetto da lui offerto, notò che Attila veniva servito su piatti di legno e mangiava solo carne, mentre i suoi principali luogotenenti cenavano su piatti d’argento carichi di prelibatezze. Nessuna descrizione delle sue qualità di generale sopravvive, ma i suoi successi prima dell’invasione della Gallia mostrano che era un comandante eccezionale.

Leggende su Attila e la spada di Marte

Giordano impreziosì la storia di Prisco, riferendo che Attila aveva posseduto la “Spada della Guerra Santa degli Sciti “, che gli era stata donata da Marte e ne aveva fatto un “principe del mondo intero”.

Entro la fine del XII secolo la corte reale d’ Ungheria proclamò la propria discendenza da Attila. Le cronache contemporanee di Lampert di Hersfeld riferiscono che poco prima dell’anno 1071, la spada di Attila era stata presentata a Ottone di Nordheim dalla regina d’Ungheria esiliata, Anastasia di Kiev. Questa spada, una sciabola da cavalleria ora al Kunsthistorisches Museum di Vienna, sembra essere opera di orafi ungheresi del IX o X secolo.

Fonti:

Endnotes:
  1. Impero Romano d’Oriente: https://scriptamanentitalia.it/medioevo-quando-inizia-finisce/
  2. Battaglia delle pianure catalane: https://scriptamanentitalia.it/battaglia-campi-catalaunici/
  3. Prisco: https://it.wikipedia.org/wiki/Prisco_di_Panion

Source URL: https://scriptamanentitalia.it/chi-era-attila-storia-del-re-degli-unni/