Boris Johnson nell’occhio del ciclone

by Niccolò Giraudo | 11 Gennaio 2022 12:51


Legio X Equestris

Il primo ministro britannico Boris Johnson è nell’occhio del ciclone dopo che è emerso che il suo segretario privato ha invitato oltre 100 persone a una festa “portati da bere” nel giardino di Downing Street durante il primo blocco del coronavirus.

Johnson, che ha vinto alle elezioni del 2019, è stato sottoposto a un intenso controllo nell’ultimo mese dopo che è emerso un video che mostrava il suo staff ridere e scherzare durante una festa a Downing Street durante il lockdown di Natale del 2020.

Il governo dovrà affrontare una domanda urgente in parlamento sugli ultimi rapporti anche se lo stesso Johnson non sarà lì per rispondere.

L’opposizione ha raccolto la derisione popolare e attirato critiche dal leader del partito laburista Keir Starmer, che ha affermato che Johnson non aveva l’autorità morale per guidare il paese.

Johnson e la sua partner Carrie erano tra coloro che si sono riuniti con circa 40 dipendenti nel giardino di Downing Street il 20 maggio 2020, dopo che il principale segretario privato del Primo Ministro Martin Reynolds ha inviato un invito via e-mail.

“Dopo quello che è stato un periodo incredibilmente intenso, abbiamo pensato che sarebbe stato bello sfruttare al massimo il bel tempo e bere qualcosa nel giardino del n.10”, ha scritto Reynolds nell’e-mail.

“Per favore, unisciti a noi dalle 18:00 e porta da bere”

Al momento del raduno, le scuole erano chiuse e la maggior parte degli alunni e i pub e i ristoranti erano chiusi, con severi controlli sugli assembramenti. Alle persone è stato impedito di dire addio ai parenti morenti.

La polizia ha perseguito le persone per aver organizzato feste, ha eretto posti di blocco casuali in alcune aree e nel Derbyshire, nell’Inghilterra centrale, ha utilizzato droni per monitorare piazze e parchi.

Il bilancio delle vittime del Regno Unito a causa della pandemia di COVID-19 è di 150.154, il settimo peggior bilancio ufficiale di COVID al mondo dopo Stati Uniti, Brasile, India, Russia, Messico e Perù.

L’ufficio di Johnson ha rifiutato di commentare l’accaduto. Un alto funzionario del governo, Sue Gray, sta attualmente indagando sulle accuse di almeno cinque partiti tenuti nei dipartimenti governativi lo scorso anno durante le restrizioni.

La vice leader del partito laburista dell’opposizione Angela Rayner chiederà a Johnson di fare una dichiarazione in parlamento sugli eventi del 20 maggio 2020. Michael Ellis, ministro del governo risponderà a suo nome. I parlamentari discuteranno poi la questione.

Spero davvero che Boris Johnson colga questa opportunità per rispondere alle domande. Abbiamo tutti sacrificato così tanto. Abbiamo il diritto di sapere“, ha detto Rayner.

Alle domande dei partiti Johnson ha risposto al parlamento che tutte le linee guida COVID erano state seguite, nessuna regola era stata infranta e che non c’era stata nessuna festa a Downing Street.

Gli oppositori politici hanno affermato che se Johnson avesse partecipato a una festa durante un lockdown, la sua posizione sarebbe stata pericolosa in quanto tale baldoria mostrerebbe disprezzo per le regole.

Sembra che faccia parte del carattere del primo ministro, ovvero: pensa di poter farla franca e sta inviando il messaggio a tutto il suo governo che le regole non si applicano a noi, si applicano solo agli altri“, ha detto Ed Miliband, un ex leader del Partito Laburista.

La polizia di Londra, che in precedenza aveva rifiutato di indagare sulle indiscrezioni delle riunioni dei funzionari governativi, ha dichiarato di essere stata in contatto con l’ufficio del gabinetto per le presunte violazioni delle leggi sulla protezione della salute a Downing Street.

Source URL: https://scriptamanentitalia.it/boris-johnson-nellocchio-del-ciclone/