7 famose rivolte degli schiavi

by Alessandro Trizio | 5 Agosto 2022 17:35


Iscriviti alla Newsletter


Sette gruppi di persone ridotte in schiavitù che hanno rischiato tutto per avere una possibilità di libertà.

Tabella dei contenuti

Spartaco e la terza guerra servile

Spartacus era un gladiatore della Tracia che comandò un imponente esercito di schiavi durante la terza guerra servile, la ribellione di schiavi più grande e di maggior successo nella storia romana. La rivolta iniziò nel 73 aC quando Spartaco e una piccola banda di schiavi fuggirono da una scuola di gladiatori usando utensili da cucina come armi. Schiavi provenienti da tutta la campagna romana si accalcarono presto per unirsi alla rivolta e l’esercito ribelle causò il panico nel senato romano dopo aver sconfitto una milizia sul Vesuvio e due legioni vicino al Monte Garganus.

Secondo lo storico antico Appiano, man mano che più schiavi si unirono alla rivolta, i loro ranghi aumentarono fino a includere fino a 120.000 ex schiavi. Ma nonostante le loro prime vittorie, gli schiavi in ​​seguito caddero preda della divisione interna e si crearono diverse fazioni disorganizzate. La principale ribellione fu poi sconfitta nel 71 a.C. dopo che otto legioni romane comandate da Marco Lucinio Crasso[1] misero alle strette Spartaco [2]e demolirono ciò che restava del suo esercito. Spartaco morì nella battaglia e 6.000 schiavi sopravvissuti furono successivamente crocifissi lungo la via Appia, da Capua a Roma come brutale avvertimento contro future rivolte.

La ribellione di Nat Turner

Una delle più famose rivolte degli schiavi nella storia americana avvenne nel 1831 quando Nat Turner guidò una sanguinosa rivolta nella contea di Southampton, in Virginia. Turner era profondamente religioso e pianificò la sua ribellione dopo aver sperimentato visioni profetiche che gli ordinavano di ottenere la libertà con la forza. Il 21 agosto 1831, Turner e i suoi complici uccisero la famiglia del suo padrone mentre dormivano. Da lì, la piccola banda di circa 70 schiavi si trasferì di casa in casa, uccidendo alla fine oltre 50 bianchi con mazze, coltelli e moschetti. Ci volle una forza di milizia per reprimere la ribellione e Turner e altri 55 schiavi furono catturati e successivamente giustiziati dallo stato.

L’isteria dilagò nella regione all’indomani della rivolta di Nat Turner e alla fine quasi 200 schiavi furono uccisi da folle di bianchi. La ribellione ha anche innescato una serie di restrizioni oppressive sulle popolazioni schiave. Citando l’intelligenza di Turner come un fattore importante nella sua rivolta, diversi stati avrebbero approvato leggi che rendevano illegale insegnare ai neri a leggere o scrivere.

La ribellione degli Zanj

Molto prima che gli schiavi africani venissero portati in Nord America, incitarono a una ribellione in Medio Oriente e si scontrarono con un impero. L’insurrezione iniziò nell’869 d.C. quando gli schiavi Zanj – un termine arabo usato per descrivere gli africani orientali – si unirono a un rivoluzionario arabo di nome Ali bin Muhammad e si ribellarono contro il califfato abbaside. Spinti dalle promesse di terra e libertà, gli Zanj iniziarono a condurre incursioni notturne nelle città vicine per sequestrare rifornimenti e liberare i compagni schiavi.

Quella che era iniziata come un’umile rivolta si è lentamente trasformata in una rivoluzione su vasta scala che è durata 15 anni. Schiavi, beduini e servi della gleba si unirono tutti ai ribelli, che al loro apice presumibilmente contavano oltre 500.000. Questi rivoluzionari hanno persino accumulato una marina e controllato fino a sei città fortificate nell’odierno Iraq. La ribellione Zanj sarebbe finalmente terminata all’inizio degli anni ’80 dell’800 dopo che l’esercito abbaside si mobilitò e conquistò la capitale ribelle. Ali bin Muhammad fu ucciso nella battaglia, ma molti degli Zanj furono risparmiati e furono persino invitati a unirsi all’esercito abbaside.

La rivoluzione haitiana

La ribellione degli schiavi di maggior successo nella storia, la rivoluzione haitiana iniziò come una rivolta degli schiavi e si concluse con la fondazione di uno stato indipendente. La principale insurrezione iniziò nel 1791 nella preziosa colonia francese di Saint-Domingue. Ispirati in parte dalla filosofia egualitaria della Rivoluzione francese, gli schiavi neri lanciarono una ribellione organizzata, uccidendo migliaia di bianchi e bruciando piantagioni di zucchero sulla strada per ottenere il controllo delle regioni settentrionali di Saint-Domingue.

I disordini sarebbero continuati fino al febbraio 1794, quando il governo francese abolì ufficialmente la schiavitù in tutti i suoi territori. Il famoso generale ribelle Toussaint Louverture unì quindi le forze con i repubblicani francesi e nel 1801 si era affermato come governatore dell’isola. Ma quando le forze imperiali di Napoleone Bonaparte conquistarono Louverture nel 1802 e tentarono di ripristinare la schiavitù, gli ex schiavi ripresero le armi. Guidati da Jean-Jacques Dessalines, nel 1803 sconfissero le forze francesi nella battaglia di Vertières. L’anno successivo gli ex schiavi dichiararono la loro indipendenza e fondarono l’isola come la nuova repubblica di Haiti. La notizia della prima ribellione di successo – l’unica rivolta degli schiavi nella storia che si concluda con la fondazione di un nuovo paese – ha continuato a ispirare innumerevoli altre rivolte negli Stati Uniti e nei Caraibi.

L’insurrezione di San Giovanni del 1733

Una delle prime rivolte degli schiavi in ​​Nord America vide un gruppo di schiavi africani conquistare efficacemente l’isola di St. John, di proprietà danese. A quel tempo, la maggior parte degli schiavi di San Giovanni faceva parte degli Akan, un popolo africano dell’odierno Ghana. Afflitto da malattie diffuse, siccità e aspri codici schiavi, nel novembre 1733 un gruppo di Akan di alto rango iniziò a complottare contro i loro padroni danesi.

La ribellione iniziò quando un gruppo di schiavi usò armi di contrabbando per uccidere diversi soldati danesi all’interno di un forte in una piantagione chiamata Coral Bay. Presto altri 150 cospiratori confluirono nelle altre piantagioni dell’isola, uccidendo diversi coloni bianchi e alla fine prendendo il comando della maggior parte di St. John. Gli schiavi progettarono di rivendicare l’isola e i suoi preziosi terreni agricoli come propri, ma la loro libertà alla fine fu di breve durata. Dopo soli sei mesi di dominio Akan, nel maggio 1734 arrivarono diverse centinaia di truppe francesi e represse violentemente la ribellione. Fu solo nel 1848 che la schiavitù fu finalmente abolita nelle Indie occidentali danesi.

La guerra battista

Sebbene fosse iniziata come una protesta pacifica, la guerra battista in Giamaica si è conclusa con una sanguinosa rivolta e la morte di oltre 600 schiavi. Ispirato dai movimenti abolizionisti in Gran Bretagna, il giorno di Natale del 1831 ben 60.000 dei 300.000 schiavi della Giamaica fecero uno sciopero generale. Sotto la direzione di un predicatore e schiavo battista di nome Samuel Sharpe, i servi giurarono di non tornare al lavoro fino a quando non avessero ottenuto le libertà fondamentali e un salario di sussistenza.

Quando si sparse la voce che i coloni britannici intendessero interrompere lo sciopero con la forza, la protesta si trasformò in una vera e propria ribellione. In quella che divenne la più grande rivolta degli schiavi nella storia delle Indie occidentali britanniche, gli schiavi bruciarono e saccheggiarono le piantagioni per diversi giorni, causando infine danni alla proprietà per 1,1 milioni di dollari. Il bilancio umano era molto più grave. Quando l’esercito coloniale britannico si mobilitò e represse la rivolta, erano stati uccisi fino a 300 schiavi e 14 bianchi. Altri trecento schiavi, incluso il capobanda Sharpe, furono successivamente impiccati per il loro coinvolgimento nella rivolta. Anche se potrebbe non aver avuto successo, gli effetti della guerra battista alla fine si sono fatti sentire attraverso l’Atlantico. Solo un anno dopo, il parlamento britannico avrebbe abolito una volta per tutte la schiavitù nell’impero britannico.

La ribellione di Gaspar Yagna

Conosciuto come il “primo liberatore delle Americhe”, Gaspar Yanga era uno schiavo africano che trascorse quattro decenni stabilendo un libero insediamento in Messico. L’odissea di Yanga iniziò nel 1570 quando organizzò una rivolta in una piantagione di canna da zucchero vicino a Veracruz. Dopo essere fuggiti nella foresta, Yanga e un piccolo gruppo di ex schiavi fondarono la propria colonia, o palanque, che chiamarono San Lorenzo de los Negros. Avrebbero trascorso i successivi 40 anni nascondendosi in questa comunità di fuorilegge, sopravvivendo principalmente attraverso l’agricoltura e occasionali incursioni sui convogli di rifornimenti spagnoli.

Le autorità coloniali riuscirono a distruggere San Lorenzo de los Negros nel 1609, ma non furono in grado di catturare i seguaci di Yanga e alla fine si accordarono per un trattato di pace con gli ex schiavi. Ora nella sua vecchiaia, Yanga ha negoziato il diritto di costruire la propria colonia libera purché pagasse le tasse alla corona spagnola. Questo comune, il primo insediamento ufficiale di africani liberati nelle Americhe, fu finalmente fondato nel 1630 ed esiste ancora oggi sotto il nome di “Yanga”.

Endnotes:
  1. Marco Lucinio Crasso: https://scriptamanentitalia.it/marco-licinio-crasso-vita/
  2. Spartaco : https://scriptamanentitalia.it/rivolta-spartaco-schiavi/

Source URL: https://scriptamanentitalia.it/7-famose-rivolte-degli-schiavi/